• Indice prezzi Fao stabile: giù quelli di cereali e carne

    Print
    Cereali

    L'indice mensile dei prezzi alimentari della FAO è rimasto stabile ad ottobre, mentre i prezzi dello zucchero e dell'olio vegetale sono aumentati contrastando il declino dei prezzi dei latticini e della carne. L'Indice dei Prezzi Alimentari è sceso a 192.3 punti, tecnicamente il suo settimo declino mensile consecutivo, ma con un calo marginale dello 0.2% dal livello rivisto di Settembre. Nell'insieme, l'Indice dei Prezzi Alimentari è a sui livelli più bassi dall'Agosto 2010.

    L'Indice FAO dei Prezzi Alimentari è un indice ponderato su base commerciale basato sulle medie degli indici dei prezzi di cinque commodities alimentari: cereali, carne, prodotti caseari, oli vegetali e zucchero.

     

    Indice dei prezzi dei cereali

     

    L'Indice dei Prezzi dei Cereali, che era calato drasticamente nel corso dell'estate con la produzione mondiale di grano e mais stimata raggiungere livelli record, è stato largamente stabile a 178.4 punti in Ottobre, poiché i ritardi nel raccolto del mais negli Stati Uniti e le previsioni al ribasso per i raccolti di grano in Australia hanno portato a prezzi più stabili. I prezzi del riso invece sono scesi, con l'arrivo sui mercati di nuova offerta frutto degli ultimi raccolti. Il sub-indice per i cereali è ora più basso del 9.3%, ovvero di 18.2 punti, rispetto ad un anno fa.

     

    Prezzi della carne

     

    Anche i prezzi della carne sono scesi diffusamente, grazie alla ripresa della produzione della carne suina in molti paesi colpiti dalla diarrea epidemica suina e all'aumento delle mandrie di bovini in Australia, che ha fatto scendere i prezzi del manzo. L'Indice FAO dei Prezzi della Carne è sceso dell'1.1%, ovvero di 2.3 punti, da Settembre, per arrivare al livello di 208.9, ancora oltre il 10% sopra il suo livello di un anno prima.

     

     

     

    co.col. 01-12-2014 Tag: agroalimentarezootecniaagricolturacerealiprezziIndice prezzi Faofao
Articoli correlati
  • Agricoltura e zootecnia, con hard Brexit in Italia 9 mila posti di lavoro in meno

    L’uscita senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea avrà ripercussioni sul Pil e sull’occupazione in molti settori degli altri Paesi europei. Tra questi anche l’agricoltura e la zootecnia nelle quali l’Italia...

    23-08-2019
  • Mais e grano duro, in aumento le importazioni nei primi mesi del 2019

    Un calo delle quantità e un corrispettivo aumento dei valori accomunano le importazioni e le esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche nei primi mesi del 2019 in Italia. Il Paese si conferma importatore di mais e grano duro mentre fa segnare...

    21-08-2019
  • Agea, Andrea Comacchio è il nuovo direttore

    L’Agea, l’Agenzia per le Erogazioni in agricoltura, ha un nuovo direttore. Il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio ha nominato Andrea Comacchio al vertice dell’organismo. Il suo mandato...

    16-08-2019
  • Peste africana, in Asia persi cinque milioni di suini

    In Asia è strage di suini. La peste suina africana ha comportato l’abbattimento o il decesso di quasi cinque milioni di capi d’allevamento, con perdite economiche rilevanti. La Fao è intervenuta per sostenere i Paesi colpiti e limitare...

    14-08-2019
  • Agricoltura, nel 2018 produzione in ripresa. Italia leader in Europa

    I dati Istat appena resi noti relativi all’andamento del settore agricolo e dell’industria alimentare nel 2018 confermano diverse tendenze in atto già da tempo e ne evidenziano alcune nuove. Dopo i dati negativi del 2017, l’agricoltura...

    05-08-2019