Victam
  • Mais e soia, come proteggerli dai parassiti

    Print
    Campi coltivati

    Drenare i terreni e ruotare le colture: ecco le regole-base per prevenire l’infezione dei parassiti. Nella terra umida, infatti, gli agenti patogeni proliferano, mettendo a rischio il raccolto. La soia e il mais sono particolarmente esposte all’attacco di tre parassiti, pythium, phytophtora e rhizoctonia, che oltre a indebolire la pianta, possono attaccare il seme, impedendo all’arbusto di germogliare.

    In particolare, il parassita pythium causa l’avizzimento della pianta e prolifera nei terreni umidi. Invece gli altri due patogeni si trovano, in genere, in terreni più caldi, a una temperatura di 70/80° gradi. Lo phytophtora, dopo aver infettato la pianta, conferisce allo stelo una colorazione marrone che si estende a partire dal terreno. Il parassita rhizoctonia, invece, provoca una lesione di colore bruno-rossastro allo stelo inferiore della pianta, non visibile nella parte che emerge dal terreno.

    Per combatterli, gli esperti consigliano di analizzare regolarmente il terreno per verificare l’eventuale presenza di malattie. In questo modo il coltivatore può valutarne la diffusione e giudicare l'efficacia dei trattamenti antiparassitari. È consigliabile cercare le zone dove la densità di piante è più bassa e dove i vegetali appaiono gracili. Occorre quindi scavare intorno alla pianta per vedere se sotto il terreno lo stelo è stato attaccato o è marcito.

    Può essere utile anche tenere un registro che indichi quali campi sono stati infettati. Al momento della semina saperlo aiuterà a decidere quali varietà piantare. Gli esperti consigliano, poi, di selezionare coltivazioni ad alto rendimento resistenti alle infezioni. Se necessario, si può ricorrere all’impiego di fungicidi per proteggere le sementi.

    Gli esperti suggeriscono, infine, di utilizzare metodi di dissodamento che promuovano un buon drenaggio. I terreni scarsamente drenati aumentano, infatti, il rischio di infezioni. Infine, occorre praticare la rotazione delle colture. Questa pratica blocca la diffusione della malattia e impedisce l’accumulo di parassiti.

     

     

    Nadia Comerci 28-05-2015 Tag: maissoiaSEMENTIparassitifungicidi
Articoli correlati
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Cereali, aumenta produzione in Europa

    Nel 2019 la produzione europea di cereali dovrebbe aumentare, fino a raggiungere 301 milioni di tonnellate. Lo comunica Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), secondo cui il raccolto dovrebbe essere...

    29-05-2019
  • Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of...

    28-05-2019
  • Giornata del mais 2019, trinciati e tavolo tecnico permanente al centro dei lavori

    Il 25 gennaio 2019 si è svolta la Giornata del mais, organizzata a Bergamo dal CREA Centro di ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali. Il convegno ha visto un’ampia partecipazione da parte di esperti e operatori della filiera a dimostrazione...

    19-05-2019