• Usda, il 74% delle coltivazioni di mais è valutato come “buono/eccellente”

    Print

    Il Dipartimento americano evidenzia il buon andamento delle colture di cereali negli Usa

    Copia di agricoltura trattore cereali %c2%a9 hopsalka   fotolia

    Negli Stati Uniti la semina dei cereali prosegue con successo. È quanto emerge dal rapporto sullo stato delle coltivazioni negli stati americani, pubblicato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (Usda). Secondo l’organo istituzionale, la semina del mais è quasi completa, ha raggiunto l’84%, rispetto al 77% dello scorso anno. Inoltre, il 74% delle colture è caratterizzato da condizioni tra il “buono” e l’“eccellente”. Le coltivazioni di soia hanno raggiunto il 71%, mentre l’anno scorso si attestavano al 75%. I germogli di soia,  invece, sono arrivate al 49%, in aumento rispetto al 46% del 2014.

    Il primo produttore nordamericano di mais è lo stato dell'Iowa, le cui coltivazioni hanno raggiunto il 90%. L’80% delle semine è stato valutato da “buono a eccellente”. Bene anche per Illinois e Indiana, dove il 79% delle rispettive coltivazioni di mais è stato giudicato “buono/eccellente”. Le piantagioni di soia raggiungono il 78% in Iowa, l’82% in Illinois e l’80% in Indiana.

    Le coltivazioni di grano invernale in Kansas restano invariate al 30%. Le condizioni climatiche sullo stato promettono un’altra settimana di precipitazioni sparse, che potrebbero determinare la necessità, in alcune zone, di ripiantare il mais. I produttori del Kansas sono preoccupati per il fatto che l’umidità potrebbe favorire la proliferazione di malattie parassitarie. Nello stato, il 50% del mais è stato ritenuto “buono/eccellente”, il 38% “sufficiente”, il 10% “scarso” e il 2% “molto scarso”. Anche in Texas ci sono state molte precipitazioni, che hanno ritardato la mietitura di grano e avena.
    Il Nord Dakota è il principale produttore di frumento primaverile, ha completato l’83% della semina, rispetto al 47% del 2014 e al 58% della media degli ultimi 5 anni.

    L’Usda riporta che il 71% del frumento primaverile è stato valutato tra “buono” ed “eccellente”. Le coltivazioni di sorgo hanno raggiunto il 43%, indietro rispetto al 55% di un anno fa. Anche le coltivazioni di cotone si sono fermate al 61%, mentre l’anno scorso avevano raggiunto il 72%.

    n.c. 04-06-2015 Tag: seminacoltivazionimaissorgocerealicotonesoia
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Ricerca, combinazione di ginseng e sorgo rende più efficiente alimentazione avicola

    L’aggiunta del ginseng brasiliano nei mangimi a base di sorgo potrebbe rendere più efficienti gli alimenti per pollame e prolungare il periodo di conservazione delle uova. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Livestock Science dagli...

    16-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019
  • Usa, in calo produzione di mais. Stabile quella della soia

    Negli Stati Uniti il maltempo ha rallentato la semina di mais e soia, ma ha provocato il calo della produzione soltanto nel caso del cereale. Il raccolto del legume, invece, non dovrebbe aver risentito del ritardo. Lo evidenzia il rapporto “World...

    25-06-2019