Victam
  • Usa, in crescita la produzione di sorgo

    Print
    Sorgo dolce

    Dopo gli ingenti raccolti dello scorso anno, la produzione statunitense di sorgo continuerà a crescere anche nel 2015, anche se a ritmi più lenti. È quanto emerge dal rapporto presentato dall'associazione US National Sorghum Producers e dall'organizzazione Sorghum Checkoff durante il congresso “10° Oilseed & Grain Trade Summit 2015”, che si è svolto a Minneapolis (Usa) dal 30 settembre al 2 ottobre.

    Nel 2014 la superficie degli Stati Uniti destinata alla coltivazione del sorgo è aumentata del 22%. In alcune aree del Paese, addirittura del 33%. Il raccolto dell'anno scorso rappresenta quasi il 50% di quello ottenuto negli ultimi cinque anni. Anche se la stagione 2015 non riuscirà a eguagliare la produzione record di quella precedente, si prevede una lenta ma continua crescita.

    I produttori ritengono che la Cina, il maggiore importatore del cereale, si riprenderà presto e richiederà quantità sempre maggiori di raccolto. Attualmente, il Paese asiatico acquista già l'80% del sorgo prodotto negli Stati Uniti, per destinarlo soprattutto alla produzione commerciale di suini e anatre. Inoltre, dal rapporto emerge anche un aumento della richiesta del cereale sul mercato interno.

    red. 08-10-2015 Tag: sorgocerealistati unitiCina
Articoli correlati
  • Le previsioni del tempo e la qualità del mais: il caso americano

    Grazie all’impiego di nuovo algoritmo, potrebbe essere possibile prevedere la resa e la qualità dei raccolti di mais. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy dai ricercatori dell'Università dell'Illinois di...

    12-02-2019
  • Commodities alimentari, a gennaio quotazioni in rialzo

    Il 2019 si è aperto in modo positivo per i mercati delle materie prime alimentari: a gennaio quasi tutti i listini hanno registrato un aumento. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando...

    09-02-2019
  • Adinolfi: “Guerra dazi, Italia esposta a rischio volatilità prezzi materie prime”

    L'intesa raggiunta dai presidenti Trump e Xi Jinping all'ultimo G20 di Buenos Aires ha congelato la guerra dei dazi tra USA e Cina per 90 giorni in vista di nuovi negoziati. Un nuovo capitolo della war trade fra le due superpotenze che ha già avuto...

    04-02-2019
  • Usa, l'agricoltura fa i conti con le tensioni geopolitiche

    Negli Stati Uniti il comparto agricolo dovrà fare i conti con le tensioni geopolitiche. Lo evidenzia il rapporto: “Forces That Will Shape the U.S. Rural Economy in 2019” pubblicato da CoBank, secondo cui, data la sua dipendenza dalle...

    02-02-2019
  • Materie prime, a dicembre prezzi stabili

    A dicembre i prezzi internazionali delle materie prime sono rimasti sostanzialmente stabili. L'aumento dei listini dei cereali ha, infatti, compensato il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero. Lo comunica l'Organizzazione per...

    18-01-2019