• Uso antibiotici, la maggior parte dei cittadini ha le idee confuse

    Print
    Ricerca %c2%a9 sergey nivens   fotolia.com

    Una rilevante parte della popolazione ha le idee confuse riguardo agli antibiotici. Non ne conosce bene le finalità, né sa di preciso cosa sia l'antibiotico-resistenza e quali rischi possa arrecare alla salute. Di conseguenza molti ritengono, senza basare la loro convinzione su nessuna prova scientifica, che sarebbe opportuno limitarne l'uso in agricoltura. È quanto emerge da un'indagine condotta dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e riportata sulla rivista online World Poultry, secondo cui oltre il 60% degli intervistati reputa che l'impiego eccessivo di queste sostanze potrebbe rappresentare una minaccia per la salute pubblica.

    Nel corso della ricerca, gli esperti dell'Oms hanno chiesto a oltre 10 mila cittadini residenti in Vietnam, Sudan, Egitto, Indonesia, Nigeria, Barbados, Messico, India, Sud Africa, Serbia, Russia e Cina che cosa pensassero degli antibiotici. In generale, è emerso che le persone non hanno un'idea molto chiara sull'argomento. Quasi due terzi pensano che la resistenza agli antibiotici rappresenti un problema che potrebbe colpire loro e le loro famiglie, ma non sanno in che modo e come affrontarlo. Il 64% degli intervistati ritiene che gli antibiotici servano a curare raffreddori e influenza, mentre questi farmaci non hanno nessuna efficacia contro i virus. Inoltre, il 32% ha dichiarato che appena si sente meglio interrompe l'assunzione degli antibiotici, senza completare il trattamento prescritto dal medico.

    Questa lacuna conoscitiva si riflette anche in materia di agricoltura e allevamento. Il 73% degli intervistati crede che sarebbe opportuno ridurne l'utilizzo. In particolare, ne è convinto l'83% della popolazione cinese, l'81% degli intervistati russi e serbi. Lo pensa anche il 64% dei cittadini indonesiani. In Vietnam, invece, lo crede soltanto il 16% degli intervistati.

    L'uso degli antibiotici in ambito veterinario è anche al centro del documento: “Draft committee for medicinal products for veterinary use strategy on antimicrobials 2016-2020”, pubblicato dall'Agenzia europea per i medicinali (Ema). Il testo fissa le strategie da adottare, nel quinquennio 2016-2020, per limitare i rischi derivanti dall'uso degli antimicrobici nel bestiame. L'Ema riconosce l'antibiotico-resistenza come un problema globale, che interessa la salute di uomini e animali. Per questo motivo, ha delineato una serie di linee guida, volte ad aiutare gli operatori del settore ad affrontare la minaccia della resistenza agli antibiotici.

    redazione 10-12-2015 Tag: agricolturaallevamentozootecniaantibioticiEmaomsantibiotico-resistenza
Articoli correlati
  • Fefac: serve una Pac forte, competitiva e orientata al mercato

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac) sostiene la richiesta avanzata da Copa-Cogeca (la federazione degli agricoltori e delle cooperative agricole europei) alla Commissione Europea di adottare una Politica agricola comune (Pac) forte,...

    18-12-2017
  • Uso responsabile dei medicinali veterinari, presentati risultati delle iniziative di Epruma

    Il 5 dicembre 2017, la Piattaforma europea per l'uso responsabile dei farmaci negli animali (Epruma) ha presentato al Parlamento Europeo l’esito delle attività messe in atto per promuovere l'uso responsabile dei medicinali veterinari. Ha anche colto...

    18-12-2017
  • Comparto suino, ripresa prosegue anche nel 2017

    Dopo la crisi attraversata nel biennio 2014-15, il comparto suinicolo italiano ha continuato a mostrare segni di ripresa anche nel 2017. È quanto emerge dal rapporto “Suini: tendenze del settore” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il...

    11-12-2017
  • Fao, la conoscenza al centro dell'agricoltura di domani

    La conoscenza è fondamentale per il futuro dell'agricoltura e della lotta contro la fame. Lo ha evidenziato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), durante...

    10-12-2017
  • Giornata mondiale del suolo: 6 motivi per cui bisogna prendersene cura

    Il 33% del suolo è soggetto a erosione, perdita di sostanze organiche, acidificazione, salinizzazione e inquinamento chimico. Ma una gestione sostenibile e attenta delle tecniche agricole potrebbe invertire questa tendenza e assicurare la sicurezza...

    07-12-2017