Victam
  • Biotecnologie: essenziali per affrontare cambiamenti climatici e crescita delle popolazione

    Print

    Potrebbero essere utili soprattutto per i piccoli agricoltori

    Impatto biotecnologie

    Occorre facilitare l'accesso alle biotecnologie: grazie a queste tecniche sarà, infatti, possibile affrontare il cambiamento climatico e la crescita della popolazione. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale della Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), durante il convegno internazionale: "Il ruolo delle biotecnologie agricole nei sistemi alimentari sostenibili e nella nutrizione", che si è tenuto dal 15 al 17 febbraio presso la sede Fao di Roma.

    Nel corso dell'evento è stata evidenziata la capacità delle biotecnologie d'incrementare le rese, migliorare le qualità nutrizionali e accrescere la produttività delle colture, della zootecnia, della pesca e del settore forestale. I principali beneficiari di queste tecniche potrebbero essere proprio i soggetti più deboli: i piccoli agricoltori e le famiglie contadine residenti nei paesi in via di sviluppo.

    “Non possiamo perdere di vista che le biotecnologie, la conoscenza e l'innovazione devono essere disponibili, accessibili e applicabili ai piccoli agricoltori – ha affermato Graziano da Silva -. Dobbiamo trovare i mezzi per rimuovere le barriere che impediscono la loro disponibilità alle famiglie contadine”.

    L'esperto ha evidenziato la necessità di rendere al più presto accessibili queste tecniche, che non servono soltanto a migliorare la produttività dei terreni, ma “possono essere compatibili con i principi di un approccio agro-ecologico”. Il Direttore sostene che la conoscenza e l'innovazione fondate sulla scienza e su dati attendibili sono fondamentali per affrontare le complesse sfide di un'agricoltura sostenibile e per affrontare i cambiamenti climatici. Inoltre, sottolinea il fatto che le bioteconologie potrebbero permettere di aumentare la disponibilità di cibo, consentendo di soddisfare il fabbisogno nutritivo di una popolazione mondiale in continua crescita.

    red. 07-03-2016 Tag: biotecnologieresapaesi in via di sviluppofaocambiamenti climaticiagricoltura sostenibile
Articoli correlati
  • Acidificazione oceani, un pericolo per pesca e acquacoltura

    L'acidificazione degli oceani potrebbe danneggiare l'habitat delle specie marine, provocare la perdita della biodiversità e mettere in pericolo la pesca e l'acquacoltura. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Emerging Topics in Life Sciences...

    10-05-2019
  • Agricoltura, autorizzata in Belgio sperimentazione mais modificato con tecnica Crispr

    In Europa è stata autorizzata la sperimentazione sul campo del mais realizzato con la tecnica Crispr. Il 12 aprile 2019 l’istituto di ricerca Vib (Vlaams Instituut voor Biotechnologie) di Flanders (Belgio) ha ottenuto il permesso di seminare le...

    27-04-2019
  • Fao e Wfp: nel 2018 insicurezza alimentare acuta in 53 paesi

    Nel 2018 circa 113 milioni di persone in 53 paesi hanno sperimentato gravi livelli di “insicurezza alimentare acuta”: l'impossibilità di consumare cibo a sufficienza, che mette le persone e i loro mezzi di sostentamento in immediato pericolo....

    09-04-2019
  • Commodities alimentari, a marzo prezzi stabili

    A marzo i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti sostanzialmente stabili. L’aumento delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e della carne è stato, infatti, compensato dal calo dei listini dei cereali, dell'olio vegetale e dello...

    07-04-2019
  • Materie prime agricole, il ruolo delle piogge nell'allocazione delle produzioni

    Entro il 2040 le colture di grano, soia, riso e mais dovranno adattarsi al cambiamento delle condizioni climatiche: le piogge saranno meno frequenti in Europa, Africa, Australia e Sud America, mentre saranno più assidue nelle nazioni settentrionali e in...

    05-04-2019