Victam
  • Fao: parassiti e malattie delle piante rovinano 20-40% dei raccolti

    Print

    Occorre impedirne la diffusione tra un paese e l'altro

    Piantagioni

    Ogni anno, si verifica una perdita del 20-40% dei raccolti agricoli di tutto il mondo, a causa dei danni provocati da parassiti e malattie. A lanciare l'allarme è la Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), nel corso del convegno annuale della Commissione sulle misure fitosanitarie, l'organo governativo della Convenzione internazionale per la protezione fitosanitaria, che quest'anno affronta il tema: “La salute delle piante per la sicurezza alimentare”.

    Gli esperti Fao sottolineano il ruolo fondamentale delle piante per il nutrimento umano. Senza di esse, sarebbe impossibile raggiungere l'obiettivo di eliminazione della fame, che la comunità internazionale si è impegnata a raggiungere entro il 2030. Tuttavia, negli ultimi anni le piantagioni sono insidiate da diverse minacce, che tendono a diffondersi molto rapidamente nel mondo globalizzato. Per esempio, molti raccolti sono stati divorati da invasioni di formiche. O ancora, numerosi ulivi sono stati rovinati dalla Xylella fastidiosa.

    “Recentemente abbiamo riscontrato un'attenzione maggiore alle malattie delle piante – osserva Daniel Gustafson, Vice Direttore Generale della Fao -, ma c'è ancora molto da fare rispetto alla consapevolezza su come sostenere o migliorare la salute vegetale”. Per questo motivo, la Fao ha riunito diversi esperti internazionali per individuare i metodi più efficaci per contrastare il problema. In particolare, durante la conferenza si è discusso di come prevenire la contaminazione di frutta, verdura e cereali da parte di batteri, virus e piante infestanti.

    La Commissione sulle misure fitosanitarie ha anche il compito di aggiornare gli “Standard internazionali sulle misure fitosanitarie”, che determinano il trattamento di piante e vegetali durante il trasporto. L'obiettivo di questo documento è quello di ridurre il rischio che, a causa del commercio internazionale, i parassiti delle piante si diffondano tra uno stato e l'altro. In particolare, quest'anno si è discusso della necessità di contrastare i rischi associati all'impiego dei container marittimi.

    È stata anche presa in considerazione l'idea di sviluppare la certificazione fitosanitaria elettronica, definita “ePhyto”. Questo strumento dovrebbe aumentare l'efficienza delle operazioni portuali, combattere la certificazione fraudolenta e ridurre i costi.

    red. 17-04-2016 Tag: faoraccoltipianteparassitimalattie piantevegetalisicurezza alimentare
Articoli correlati
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019
  • Ifif e Oie, insieme per promuovere salute e benessere animale

    La corretta alimentazione è essenziale per promuovere la salute e il benessere degli animali. Lo ha affermato la Federazione internazionale dell'industria mangimistica (Ifif) in occasione dell’87ª Sessione dell’Assemblea generale...

    14-06-2019
  • Produzione mondiale cereali, previsto nuovo record nel 2019

    Nel 2019 la produzione mondiale di cereali dovrebbe toccare un nuovo record, raggiungendo 2.722 milioni di tonnellate, 71 milioni di tonnellate in più rispetto al 2018. È quanto emerge dal rapporto “Fao Cereal supply and demand brief”...

    01-06-2019
  • UE, in vigore nuova metodologia per classificare gli scarti alimentari

    Il 6 maggio 2019 la Commissione Europea ha adottato una metodologia comune per classificare gli scarti alimentari prodotti nell'Unione Europea. L’iniziativa ha lo scopo di aiutare gli Stati membri a quantificare gli scarti alimentari in ogni fase della...

    31-05-2019
  • Efsa, residui di farmaci veterinari conformi ai livelli di sicurezza

    La presenza dei residui di farmaci veterinari e contaminanti negli animali e negli alimenti di origine animale è conforme ai livelli di sicurezza raccomandati. Lo rivela il rapporto: “Report for 2017 on the results from the monitoring of veterinary...

    19-05-2019