Victam
  • Ogm, sicuri per il consumo umano

    Print

    Lo dimostra il più ampio studio condotto finora sugli effetti delle colture Gm

    Ogm

    Gli alimenti prodotti con ingredienti geneticamente modificati sono sicuri per il consumo umano. Non presentano, infatti, differenze rispetto a quelli realizzati con i metodi tradizionali. Ad affermarlo, in uno studio descritto sulla rivista britannica The Times, sono gli scienziati del National accademies of sciences, l’organo consultivo statunitense che vanta la presenza di oltre 300 vincitori del premio Nobel. Secondo gli studiosi, inoltre, non ci sarebbero prove che le colture Ogm rappresentino un rischio per l’ambiente.

    Gli scienziati hanno condotto il più ampio studio sull’argomento, analizzando i risultati di circa 900 ricerche riguardanti l'uso e gli effetti delle colture Gm, realizzate negli ultimi 30 anni. Il gruppo di esperti ha anche esaminato più di 700 commenti inviati da individui singoli e da gruppi, e valutato le prove presentate da 80 testimoni. Al termine dell’indagine, il team è giunto alla conclusione che i cibi contenenti ingredienti Gm possono essere consumati in sicurezza. Non esistono, infatti, differenze tra gli effetti sulla salute umana determinati dalle colture tradizionali e quelli indotti dalle colture geneticamente modificate. In particolare, gli studiosi hanno osservato che l’incidenza del cancro negli Stati Uniti e in Canada, dove il consumo di prodotti Gm è molto diffuso, è simile a quello registrato in Europa, dove gli alimenti contenenti Ogm sono piuttosto rari.

    Gli studiosi hanno anche concluso che non esistono prove dell’esistenza di un rapporto di causa-effetto tra i problemi ambientali e l’impiego degli Ogm. Al contrario, il team ha osservato che l’introduzione delle colture Gm ha permesso di ottenere vantaggi significativi. Ha, infatti, consentito di aumentare la resa dei raccolti, proteggendo le piante dalle infestazioni dei parassiti. Per questo motivo, se le posizioni anti-Ogm venissero superate, il ricorso a queste colture potrebbe diventare una valida arma contro la fame e permettere di sfamare le popolazioni dei paesi in via di sviluppo.

    red. 23-05-2016 Tag: ogmambientesicurezza alimentareparassitialimentazionecancrofame
Articoli correlati
  • Ifif e Oie, insieme per promuovere salute e benessere animale

    La corretta alimentazione è essenziale per promuovere la salute e il benessere degli animali. Lo ha affermato la Federazione internazionale dell'industria mangimistica (Ifif) in occasione dell’87ª Sessione dell’Assemblea generale...

    14-06-2019
  • UE, in vigore nuova metodologia per classificare gli scarti alimentari

    Il 6 maggio 2019 la Commissione Europea ha adottato una metodologia comune per classificare gli scarti alimentari prodotti nell'Unione Europea. L’iniziativa ha lo scopo di aiutare gli Stati membri a quantificare gli scarti alimentari in ogni fase della...

    31-05-2019
  • Efsa, residui di farmaci veterinari conformi ai livelli di sicurezza

    La presenza dei residui di farmaci veterinari e contaminanti negli animali e negli alimenti di origine animale è conforme ai livelli di sicurezza raccomandati. Lo rivela il rapporto: “Report for 2017 on the results from the monitoring of veterinary...

    19-05-2019
  • Agricoltura, individuati punti deboli dei nematodi

    Identificati i punti deboli dei nematodi, piccoli parassiti che s’inseriscono nelle radici delle piante ostacolandone lo sviluppo. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plos One dagli scienziati dell'Università del New...

    15-05-2019
  • Riduzioni emissioni gas, le implicazioni di una scoperta genetica

    Una scoperta genetica potrebbe aiutare a ridurre le emissioni di gas serra all’interno degli allevamenti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista BMC Genomics dagli scienziati dell’International Center for Tropical Agriculture (Ciat) di Cali...

    09-05-2019