• Stoccaggio e trasporto della carne: Efsa analizza rischi deterioramento

    Print

    I batteri della decomposizione si sviluppano più in fretta di quelli patogeni

    Carne

    Durante lo stoccaggio e il trasporto, la carne fresca rischia di deteriorarsi, perché i batteri responsabili della decomposizione crescono velocemente. Lo spiegano gli esperti dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che hanno valutato gli effetti di tempo e temperatura sulla crescita dei batteri della decomposizione nelle carni fresche, con particolare riferimento a quelle di maiale, agnello e pollame. 

    La normativa vigente prevede che le carcasse vengano raffreddate a una temperatura non superiore a 7° C, che dev’essere mantenuta fino alla loro triturazione. Dal momento che la Commissione Europea vuole rivedere questa legge per concedere all'industria una maggior flessibilità, ha chiesto all'Efsa di analizzare le possibili implicazioni delle diverse opzioni dirette a garantire la sicurezza della carne durante lo stoccaggio e il trasporto. In particolare, ha domandato chiarimenti sulle implicazioni derivanti dalla variazione di tempo e temperatura sulla crescita dei batteri della decomposizione. 

    Nel corso della ricerca, gli esperti Efsa hanno confrontato la crescita dei batteri della decomposizione con quella dei batteri patogeni – gli agenti responsabili dell’insorgenza delle malattie – sulla carne fresca di maiale, agnello e pollame. Al termine dell’analisi, hanno scoperto  che, a parità di condizioni, i microrganismi che provocano l’avaria della carne crescono più rapidamente

    "Se l'unica considerazione fosse la sicurezza, i responsabili politici avrebbero più opzioni tra cui scegliere -dichiara la dott.ssa Marta Hugas, a capo dell’Unità Efsa che si occupa di pericoli biologici e contaminanti -. Tuttavia le opzioni che risultano accettabili in termini di sicurezza, non possono essere accettabili in termini di qualità". Gli esperti hanno precisato che l’applicazione di efficaci misure igieniche durante la macellazione e la trasformazione, contribuisce a controllare la contaminazione da batteri della decomposizione.

    redazione 23-08-2016 Tag: carneEFSAstoccaggiotrasportobatteri
Articoli correlati
  • Europa, la metà dei prodotti alimentari è priva di pesticidi

    Consumatori europei al riparo dai pesticidi. Se in quasi la totalità dei prodotti analizzati i residui di sostanze nocive sono entro i limiti di legge, in un caso su due i residui sono del tutto assenti. Ecco gli ultimi dati forniti dall'Efsa,...

    01-08-2018
  • Bilancio sulla disponibilità di carni in Italia nel 2017

    La recente diffusione Istat dei risultati sul commercio estero di carni e animali vivi, dell’indagine campionaria sulle consistenze animali (bovini, bufalini, suini, ovini, caprini e suini) riferiti al mese di dicembre 2017, nonché i dati per lo...

    11-07-2018
  • Indice Fao, prezzi in calo per le materia prime alimentari

    A giugno i prezzi internazionali delle materie prime alimentari sono diminuiti per la prima volta nel 2018, nonostante si preveda una riduzione della produzione globale. Secondo l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao)...

    08-07-2018
  • Uso di nanotecnologie in alimenti e mangimi: le linee guida dell’Efsa

    L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato una guida su come valutare la sicurezza delle richieste di autorizzazione in tema di nanoscienze e nanotecnologia. Le nuove linee guida, intitolate: “Guidance on the human and...

    06-07-2018
  • Efsa, residuo farmaci veterinari resta basso

    Resta basso il tasso di non conformità ai limiti fissati dall’Unione Europea sui residui di farmaci veterinari negli alimenti di origine animale e negli animali. Lo comunica l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), illustrando i...

    24-06-2018