Victam
  • Stoccaggio e trasporto della carne: Efsa analizza rischi deterioramento

    Print

    I batteri della decomposizione si sviluppano più in fretta di quelli patogeni

    Carne

    Durante lo stoccaggio e il trasporto, la carne fresca rischia di deteriorarsi, perché i batteri responsabili della decomposizione crescono velocemente. Lo spiegano gli esperti dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che hanno valutato gli effetti di tempo e temperatura sulla crescita dei batteri della decomposizione nelle carni fresche, con particolare riferimento a quelle di maiale, agnello e pollame. 

    La normativa vigente prevede che le carcasse vengano raffreddate a una temperatura non superiore a 7° C, che dev’essere mantenuta fino alla loro triturazione. Dal momento che la Commissione Europea vuole rivedere questa legge per concedere all'industria una maggior flessibilità, ha chiesto all'Efsa di analizzare le possibili implicazioni delle diverse opzioni dirette a garantire la sicurezza della carne durante lo stoccaggio e il trasporto. In particolare, ha domandato chiarimenti sulle implicazioni derivanti dalla variazione di tempo e temperatura sulla crescita dei batteri della decomposizione. 

    Nel corso della ricerca, gli esperti Efsa hanno confrontato la crescita dei batteri della decomposizione con quella dei batteri patogeni – gli agenti responsabili dell’insorgenza delle malattie – sulla carne fresca di maiale, agnello e pollame. Al termine dell’analisi, hanno scoperto  che, a parità di condizioni, i microrganismi che provocano l’avaria della carne crescono più rapidamente

    "Se l'unica considerazione fosse la sicurezza, i responsabili politici avrebbero più opzioni tra cui scegliere -dichiara la dott.ssa Marta Hugas, a capo dell’Unità Efsa che si occupa di pericoli biologici e contaminanti -. Tuttavia le opzioni che risultano accettabili in termini di sicurezza, non possono essere accettabili in termini di qualità". Gli esperti hanno precisato che l’applicazione di efficaci misure igieniche durante la macellazione e la trasformazione, contribuisce a controllare la contaminazione da batteri della decomposizione.

    redazione 23-08-2016 Tag: carneEFSAstoccaggiotrasportobatteri
Articoli correlati
  • Carni ovicaprine, in crescita produzione ed export

    Nella stagione 2017/18 la produzione di carni ovicaprine è aumentata dell’1,6%, anche se il numero dei capi macellati è diminuito del 3,4%. Lo evidenzia il rapporto “Carne ovicaprina: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato...

    23-05-2019
  • Efsa, residui di farmaci veterinari conformi ai livelli di sicurezza

    La presenza dei residui di farmaci veterinari e contaminanti negli animali e negli alimenti di origine animale è conforme ai livelli di sicurezza raccomandati. Lo rivela il rapporto: “Report for 2017 on the results from the monitoring of veterinary...

    19-05-2019
  • Siciliani (Uniceb): “Le chiavi per il rilancio della carne: qualità, prezzo e informazione”

    La fotografia del comparto carne con Carlo Siciliani, rieletto di recente alla presidenza di Uniceb (Unione importatori esportatori industriali, commissionari grossisti ingrassatori macellatori spedizionieri carni bestiame e prodotti derivati). Presidente,...

    17-05-2019
  • Diete bilanciate e salute, le nuove scoperte della dietetica

    Per decenni carne e latte sono stati accusati di essere i principali nemici della salute, in particolare del cuore, a causa del loro contenuto in grassi saturi. La Società Europea di Cardiologia, nell’annuale congresso tenuto recentemente a Monaco...

    17-04-2019
  • Consumi alimentari, nel 2018 è boom delle uova

    Più uova, ma anche più carne e salumi, frutta e ortaggi. Stabile il pesce mentre scendono latte e formaggi. Il carrello della spesa cambia la sua composizione nel 2018 e si alleggerisce: a parità di prezzi, rispetto all'anno precedente,...

    15-04-2019