Victam
  • Stoccaggio e trasporto della carne: Efsa analizza rischi deterioramento

    Print

    I batteri della decomposizione si sviluppano più in fretta di quelli patogeni

    Carne

    Durante lo stoccaggio e il trasporto, la carne fresca rischia di deteriorarsi, perché i batteri responsabili della decomposizione crescono velocemente. Lo spiegano gli esperti dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che hanno valutato gli effetti di tempo e temperatura sulla crescita dei batteri della decomposizione nelle carni fresche, con particolare riferimento a quelle di maiale, agnello e pollame. 

    La normativa vigente prevede che le carcasse vengano raffreddate a una temperatura non superiore a 7° C, che dev’essere mantenuta fino alla loro triturazione. Dal momento che la Commissione Europea vuole rivedere questa legge per concedere all'industria una maggior flessibilità, ha chiesto all'Efsa di analizzare le possibili implicazioni delle diverse opzioni dirette a garantire la sicurezza della carne durante lo stoccaggio e il trasporto. In particolare, ha domandato chiarimenti sulle implicazioni derivanti dalla variazione di tempo e temperatura sulla crescita dei batteri della decomposizione. 

    Nel corso della ricerca, gli esperti Efsa hanno confrontato la crescita dei batteri della decomposizione con quella dei batteri patogeni – gli agenti responsabili dell’insorgenza delle malattie – sulla carne fresca di maiale, agnello e pollame. Al termine dell’analisi, hanno scoperto  che, a parità di condizioni, i microrganismi che provocano l’avaria della carne crescono più rapidamente

    "Se l'unica considerazione fosse la sicurezza, i responsabili politici avrebbero più opzioni tra cui scegliere -dichiara la dott.ssa Marta Hugas, a capo dell’Unità Efsa che si occupa di pericoli biologici e contaminanti -. Tuttavia le opzioni che risultano accettabili in termini di sicurezza, non possono essere accettabili in termini di qualità". Gli esperti hanno precisato che l’applicazione di efficaci misure igieniche durante la macellazione e la trasformazione, contribuisce a controllare la contaminazione da batteri della decomposizione.

    redazione 23-08-2016 Tag: carneEFSAstoccaggiotrasportobatteri
Articoli correlati
  • Materie prime, a dicembre prezzi stabili

    A dicembre i prezzi internazionali delle materie prime sono rimasti sostanzialmente stabili. L'aumento dei listini dei cereali ha, infatti, compensato il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero. Lo comunica l'Organizzazione per...

    18-01-2019
  • Eu-Fora 2019-2020, borse di formazione in valutazione dei rischi alimentari

    Sono aperte le candidature per ottenere una borsa di formazione nell’ambito della valutazione dei rischi alimentari. È stata infatti avviata la terza edizione del “Programma europeo di borse di formazione in valutazione del rischio alimentare...

    17-01-2019
  • Carni bovine, mercato europeo mostra incertezze

    Nonostante la tenuta dei consumi, il mercato europeo delle carni bovine presenta numerose incertezze. Lo rivela il rapporto: “Tendenze bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    14-01-2019
  • Efsa: rallentano progressi nella lotta alle malattie zoonotiche

    I progressi nella lotta alle malattie zoonotiche nell’Unione Europea stanno rallentando. Lo sostiene nel rapporto: “The European Union summary report on trends and sources of zoonoses, zoonotic agents and food-borne outbreaks in 2017”...

    14-12-2018
  • Fao, a novembre prezzi materie prime alimentari in calo

    Diminuiscono i prezzi delle materie prime alimentari. Oli vegetali, cereali, latte e suoi derivati e carne hanno fatto segnare un calo delle loro quotazioni mentre lo zucchero è in controtendenza. Sono i dati forniti dalla Fao e relativi all'Indice dei...

    08-12-2018