Victam
  • Carni suine europee, raddoppiate esportazioni verso la Cina

    Print

    Il ricavato del comparto suinicolo italiano è cresciuto del 7,2%

    Carne suino

    Nella prima metà del 2016 le esportazioni in Cina dei suini prodotti in Europa sono raddoppiate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), evidenziando che nei primi otto mesi del 2016 il comparto suino ha registrato segnali positivi grazie al rialzo dei prezzi e all’incremento delle esportazioni verso i paesi extra-europei. Tuttavia, l’Istituto sottolinea che nei prossimi anni l’export verso la Cina potrebbe subire una frenata a causa dell'emanazione, lo scorso giugno, delle “Linee guida sull'alimentazione” da parte del governo cinese. Queste raccomandazioni, dirette a orientare i consumi in maniera più sostenibile e salutistica, potrebbero infatti determinare una riduzione dei consumi di carne. La Cina pertanto, pur rappresentando attualmente il motore trainante del settore, costituisce un'incognita.

    Per quanto riguarda l'Italia, nei primi sette mesi del 2016 l'export di preparazioni e conserve suine è aumentato del 17,7%, generando un incremento del ricavato pari al 7,2%. In particolare, si è registrato un incremento delle esportazioni dei prosciutti con osso stagionati (+21,6%), delle pancette stagionate (+19,5%) e dei prosciutti cotti (+14%). In ripresa anche le vendite all'estero della mortadella (+5%).

    L’Istituto sottolinea che sono cresciute anche le quotazioni del mercato suinicolo, sia all'origine che all'ingrosso. Nei primi sei mesi del 2016, infatti, l'indice Ismea dei prezzi all'origine dei suini ha registrato un aumento dell'1,8% rispetto al primo semestre del 2015, e nei mesi successivi la crescita è stata anche più evidente: a settembre è stato registrato l’incremento record del 13% su base annua. L’Ismea evidenzia che il rialzo dei prezzi all'origine, insieme all'andamento dei costi di produzione che si sono mantenuti stabilmente bassi per tutto il 2016, ha quindi fatto risollevare il settore. Inoltre, nei primi otto mesi del 2016 la redditività degli allevamenti suinicoli risulta in progressivo aumento. Restano invece in calo i consumi sul mercato interno, sia di carni che di salumi.

    red. 04-11-2016 Tag: exportsuiniIsmeaCinacarneprezzi
Articoli correlati
  • Mais: prezzi in aumento, ma possibili influenze da politiche commerciali internazionali

    Negli ultimi mesi i prezzi del mais sono saliti, ma potrebbero subire un brusco calo a causa di eventuali turbolenze commerciali. Lo evidenzia un articolo pubblicato su World Grain, secondo cui le quotazioni del cereale potrebbero essere significativamente...

    23-01-2019
  • La dipendenza da materie prime agricole, un rischio per la zootecnia italiana

    Lo sviluppo del comparto agroalimentare italiano è indissolubilmente legato alla capacità di mantenere un buon livello di competitività e di aumentare la presenza sui mercati internazionali dei nostri prodotti. Per immaginare un futuro della...

    21-01-2019
  • Materie prime, a dicembre prezzi stabili

    A dicembre i prezzi internazionali delle materie prime sono rimasti sostanzialmente stabili. L'aumento dei listini dei cereali ha, infatti, compensato il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero. Lo comunica l'Organizzazione per...

    18-01-2019
  • Carni bovine, mercato europeo mostra incertezze

    Nonostante la tenuta dei consumi, il mercato europeo delle carni bovine presenta numerose incertezze. Lo rivela il rapporto: “Tendenze bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    14-01-2019
  • Allevamento suini, costi di produzione aumentati nel 2017

    Nel 2017 i costi di produzione per l'allevamento suino sono aumentati. Lo rivela il rapporto “Costo di produzione del suino pesante in allevamenti da ingrasso e a ciclo chiuso (indagine 2017)” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato...

    13-01-2019