Victam
  • Prezzi agricoli, nel 2016 sono scesi del 5,2% su base annua

    Print

    Registrata lieve ripresa dei listini in dicembre

    Materie prime

    Nel 2016 i prezzi del mercato agricolo sono diminuiti in media del 5,2% rispetto al 2015. Lo evidenzia l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), precisando che l’anno si è però chiuso registrando un rialzo: a dicembre le quotazioni sono salite del 7% su base annua.

    L'Indice mensile di dicembre è infatti salito a 119,9 (base 2010=100), mostrando una crescita dell'1,9% rispetto a novembre e del 7% rispetto a dicembre 2015. A sostenere i listini hanno contribuito in particolare gli oli di oliva, gli ortaggi e i semi oleosi, mentre i prezzi all'origine di cereali e vini sono diminuiti sia su base mensile, sia su base annua.

    Nonostante i recuperi di fine anno, ha chiuso con una flessione del 4% anche l'indice dei prodotti lattiero-caseari. I prezzi del bestiame vivo hanno invece mostrato, nel complesso, una migliore tenuta, limitando i ribassi a un meno 0,8%.

    Anche l'Indice "core" - che viene calcolato senza includere i prodotti ortofrutticoli, che rappresentano le componenti meno stabili del mercato – ha registrato a dicembre un aumento del 3,7% su base annua. Tuttavia, in media nel 2016 i listini del comparto agricolo sono diminuiti del 5,2% rispetto al 2015. In particolare, il prezzo dei vegetali è diminuito del 6,7%, mentre quello dei prodotti zootecnici è sceso del 3,1%. Le flessioni più rilevanti sono state registrate dalle quotazioni dei cereali (ridotti in media dell’11,6%), degli oli di oliva (scesi del 18,5%), della frutta (diminuiti del 4,9%) e degli ortaggi (calati del 3,9%).

    Secondo l’Istituto i mercati agricoli hanno risentito degli squilibri registrati soprattutto nella prima metà dell'anno, dovuti a situazioni di surplus produttivo in diversi comparti. Inoltre, hanno pesato anche le persistenti difficoltà associate a una maggiore pressione dell'offerta estera e a una domanda internazionale meno vivace rispetto al 2015.

    red. 16-01-2017 Tag: Ismeaprezzi agricolicerealicarnezootecniaagricoltura
Articoli correlati
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Del Bravo (Ismea): “Fare della Pac uno strumento a sostegno delle IG italiane”

    Fabio Del Bravo è responsabile della Direzione Servizi per lo Sviluppo Rurale di Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare che ha redatto, in collaborazione alla Fondazione Qualivita, il rapporto annuale sui valori economici e...

    13-06-2019
  • Il ruolo della genomica nella zootecnia del futuro

    La genomica potrebbe svolgere un ruolo fondamentale per lo sviluppo della zootecnia in futuro, aiutando a soddisfare il fabbisogno alimentare di una popolazione globale in continua crescita e, nel contempo, a migliorare il benessere del bestiame. Lo affermano...

    11-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Carne e latticini, consumo in aumento in tutto il mondo

    Tra il 2007 e il 2017 il consumo globale di carne è aumentato in media dell'1,9% l'anno e il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi del 2,1% l’anno - entrambi i valori sono due volte maggiori rispetto alla crescita demografica. Lo sottolinea...

    02-06-2019