• Prezzi agricoli, nel 2016 sono scesi del 5,2% su base annua

    Print

    Registrata lieve ripresa dei listini in dicembre

    Materie prime

    Nel 2016 i prezzi del mercato agricolo sono diminuiti in media del 5,2% rispetto al 2015. Lo evidenzia l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), precisando che l’anno si è però chiuso registrando un rialzo: a dicembre le quotazioni sono salite del 7% su base annua.

    L'Indice mensile di dicembre è infatti salito a 119,9 (base 2010=100), mostrando una crescita dell'1,9% rispetto a novembre e del 7% rispetto a dicembre 2015. A sostenere i listini hanno contribuito in particolare gli oli di oliva, gli ortaggi e i semi oleosi, mentre i prezzi all'origine di cereali e vini sono diminuiti sia su base mensile, sia su base annua.

    Nonostante i recuperi di fine anno, ha chiuso con una flessione del 4% anche l'indice dei prodotti lattiero-caseari. I prezzi del bestiame vivo hanno invece mostrato, nel complesso, una migliore tenuta, limitando i ribassi a un meno 0,8%.

    Anche l'Indice "core" - che viene calcolato senza includere i prodotti ortofrutticoli, che rappresentano le componenti meno stabili del mercato – ha registrato a dicembre un aumento del 3,7% su base annua. Tuttavia, in media nel 2016 i listini del comparto agricolo sono diminuiti del 5,2% rispetto al 2015. In particolare, il prezzo dei vegetali è diminuito del 6,7%, mentre quello dei prodotti zootecnici è sceso del 3,1%. Le flessioni più rilevanti sono state registrate dalle quotazioni dei cereali (ridotti in media dell’11,6%), degli oli di oliva (scesi del 18,5%), della frutta (diminuiti del 4,9%) e degli ortaggi (calati del 3,9%).

    Secondo l’Istituto i mercati agricoli hanno risentito degli squilibri registrati soprattutto nella prima metà dell'anno, dovuti a situazioni di surplus produttivo in diversi comparti. Inoltre, hanno pesato anche le persistenti difficoltà associate a una maggiore pressione dell'offerta estera e a una domanda internazionale meno vivace rispetto al 2015.

    red. 16-01-2017 Tag: Ismeaprezzi agricolicerealicarnezootecniaagricoltura
Articoli correlati
  • Antimicrobici, nel 2016 vendite in calo in Italia

    Nel 2016 le vendite di farmaci antimicrobici in Italia sono diminuite. Lo evidenzia il rapporto: “Dati di vendita dei medicinali veterinari contenenti agenti antimicrobici. Trend in Italia Anno 2016” pubblicato dal Ministero della Salute, secondo cui...

    14-10-2018
  • Spesa alimentare, in aumento nel primo semestre 2018

    Nel primo semestre del 2018 la spesa per consumi alimentari in Italia è cresciuta dell'1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo rivela il rapporto “I consumi domestici delle famiglie italiane” pubblicato da Ismea (Istituto di...

    13-10-2018
  • Agroalimentare, export prodotti italiani supera 20 miliardi di euro

    Nei primi sei mesi del 2018 la vendita sui mercati esteri dei prodotti agroalimentari made in Italy è aumentata del 3,1% rispetto al primo semestre 2017, fino a superare la soglia dei 20 miliardi di euro. È quanto emerge dal rapporto: “La...

    13-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018