Victam
  • Soia, verso lo sviluppo di piante resistenti ai nematodi cistiformi

    Print

    Studio internazionale potrebbe aver trovato il modo di respingere gli attacchi dei parassiti

    Agricoltura dna biotecnologia agricoltura %c2%a9 mopic   fotolia.com

    Un team internazionale di scienziati ha compiuto i primi passi verso lo sviluppo di piante di soia capaci di resistere ai nematodi cistiformi. È, infatti, riuscito a scoprire i meccanismi che questi parassiti utilizzano per invadere la pianta e per sottrarle le sostanze nutritive di cui ha bisogno per sopravvivere. È quanto emerge da uno studio pubblicato su Plos One dai ricercatori coordinati da Melissa Goellner Mitchum dell'Università del Missouri di Columbia (Usa), che spiega: “I nematodi cistiformi sono uno dei gruppi di parassiti delle piante economicamente più devastanti. Danneggiano le radici creando, al loro interno, una cellula che prosciuga le sostanze nutritive. Questo determina l'arresto della crescita e l'avvizzimento della pianta, causando il calo del rendimento della piantagione”.

    Nel corso della ricerca, durata 15 anni, gli studiosi hanno utilizzato tecnologie di sequenziamento estremamente sofisticate, che hanno permesso loro di scoprire la tecnica usata dai nematodi per “rubare” il nutrimento alle colture. Hanno scoperto che questi parassiti producono una molecola capace di replicare le sembianze delle cellule staminali vegetali utilizzate per creare i “percorsi vascolari”, necessari per il trasporto delle sostanze nutritive in tutte le zone della pianta. La cellula realizzata dai nematodi risulta in grado di sostituire le staminali vegetali, riuscendo così a sottrarre il nutrimento alla pianta.

    Per confermare le loro ipotesi, gli autori hanno applicato la molecola prodotta dai parassiti alle cellule vascolari di un esemplare di Arabidopsis, un tipo di pianta spesso usata nella ricerca sui vegetali. L'esperimento ha dimostrato quanto rilevato in precedenza. Ma gli scienziati hanno anche provato a eliminare dalla pianta i geni impiegati per segnalare le cellule staminali. Hanno così scoperto che la modifica genetica aveva compromesso la capacità dei nematodi di prosciugare il nutrimento del vegetale. Secondo gli esperti, questo significa che potrebbe essere possibile creare piante capaci di resistere all'azione dei parassiti.

    Foto: © Mopic - Fotolia.com

    red. 19-02-2017 Tag: parassitisoiaCOLTUREricerca geneticanematodi cistiformi
Articoli correlati
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of...

    28-05-2019
  • Agricoltura, individuati punti deboli dei nematodi

    Identificati i punti deboli dei nematodi, piccoli parassiti che s’inseriscono nelle radici delle piante ostacolandone lo sviluppo. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plos One dagli scienziati dell'Università del New...

    15-05-2019
  • Riduzioni emissioni gas, le implicazioni di una scoperta genetica

    Una scoperta genetica potrebbe aiutare a ridurre le emissioni di gas serra all’interno degli allevamenti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista BMC Genomics dagli scienziati dell’International Center for Tropical Agriculture (Ciat) di Cali...

    09-05-2019