• Produzione agricola al 2050 da raddoppiare? Uno studio scientifico analizza le proiezioni

    Print

    Potrebbe bastare un incremento compreso tra il 25 e il 70%

    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Non è necessario che entro il 2050 la produzione agricola raddoppi per soddisfare la domanda di cibo della popolazione mondiale: basta che aumenti di una percentuale compresa tra il 25 e il 70%, Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Bioscience dagli scienziati del Penn State's College of Agricultural Sciences di University Park (Stati Uniti), secondo cui l'opinione che entro 33 anni occorra raddoppiare la produzione degli alimenti di origine vegetale e animale si fonderebbe su proiezioni ormai superate.

    Gli esperti ritengono necessario che la produzione di beni agricoli cresca, ma non a un ritmo così sostenuto. Per arrivare a queste conclusioni, gli autori hanno confrontato le previsioni effettuate dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) e da David Tilman, un ecologista di rilievo dell'Università del Minnesota (Usa). Lo studio di Tilman prevede che nel 2050 il mondo avrà bisogno del doppio dei beni agricoli prodotti nel 2005. Ma questo, spiegano gli scienziati, equivale a un aumento del 68% rispetto ai livelli di produzione registrati nel 2014. Così, per soddisfare la proiezione della Fao, che ha usato diverse ipotesi e previsto una minore domanda di cibo da parte della popolazione, la produzione dovrebbe aumentare solo del 26% rispetto ai livelli del 2014.

    “Entrambe queste proiezioni sono credibili e importanti, ma si basano su anni di riferimenti trascorsi da oltre un decennio, e durante questo lasso di tempo la produzione globale è cresciuta notevolmente – spiega Mitch Hunter, che ha diretto lo studio -. Dato che l'entità della produzione è recentemente aumentata, è piuttosto fuorviante continuare a sostenere che abbiamo bisogno di raddoppiare la produzione agricola entro il 2050”.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    redazione 01-03-2017 Tag: produzione agricoladomanda di cibofaoalimenti
Articoli correlati
  • Cereali, con il boom del mais Usa scendono i prezzi e aumenta la produzione prevista

    I maggiori raccolti del mais negli Stati Uniti rispetto a quanto previsto spingono al ribasso l’Indice dei prezzi dei cereali e al rialzo le previsioni di luglio della produzione cerealicola mondiale. I nuovi dati arrivano dalla Fao e sono contenuti...

    13-09-2019
  • Acquacoltura, Fao: i vantaggi del miglioramento genetico

    L’ingegneria genetica applicata in acquacoltura potrebbe dare un impulso decisivo alla produzione e soddisfare le richieste di una domanda crescente nei prossimi anni. Maggiore produzione con un uso più accorto degli input, dai mangimi...

    30-08-2019
  • Peste africana, in Asia persi cinque milioni di suini

    In Asia è strage di suini. La peste suina africana ha comportato l’abbattimento o il decesso di quasi cinque milioni di capi d’allevamento, con perdite economiche rilevanti. La Fao è intervenuta per sostenere i Paesi colpiti e limitare...

    14-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Insediatosi Qu Dongyu, nuovo segretario generale Fao

    Al via il mandato del nuovo direttore generale della Fao. Si è insediato infatti Qu Dongyu, il nono esperto a ricoprire questa carica. Qu rimarrà al vertice dell’agenzia delle Nazioni unite per i prossimi quattro anni, fino al 31 luglio del...

    02-08-2019