Victam
  • Benessere animale per salvaguardare la salute dell’uomo: Fatro, 70 anni di esperienza in medicina veterinaria

    Print
    Fatro

    Settant’anni fa nasceva a Forlì l’azienda farmaceutica Fatro (Farmotecnica Romagnola), specializzata nella realizzazione di prodotti veterinari destinati a tutte le specie animali.

    Le origini - A fondarla, nel 1947, sono stati il farmacista e veterinario Gualtiero Zaini e suo figlio Corrado. I due professionisti hanno scelto come sede dell’attività di famiglia un piccolo laboratorio farmaceutico veterinario, situato all’interno di un palazzo risparmiato dalle bombe durante il secondo conflitto mondiale. Successivamente, ancor prima di conseguire la laurea in chimica, Corrado Zaini ha preso le redini dell'azienda e nel 1963 ha costruito il primo stabilimento a Ozzano Emilia, in provincia di Bologna.

    L’organizzazione aziendale ha quindi assunto, nel giro di pochi anni, una connotazione industriale. Ha iniziato ad avvalersi, infatti, di laboratori di ricerca e ha avviato diverse linee di produzione, di vendita e di assistenza a veterinari e allevatori. Da piccolo laboratorio, l’impresa si è trasformata in un gruppo farmaceutico che comprende varie aziende, tutte operanti nel campo veterinario. La continua espansione ha quindi portato la Fatro a essere l’unica realtà indipendente del settore farmaceutico veterinario, a capitale completamente italiano, di dimensioni internazionali.

    L’azienda oggi – Attualmente Fatro è specializzata nello sviluppo e nella realizzazione di una vasta gamma di articoli studiati per le esigenze di tutte le specie animali. Nello specifico, il Gruppo commercializza 180 prodotti veterinari, di cui 100 specialità, 60 vaccini e 20 prodotti per mangimisti. Inoltre, l’azienda esporta i suoi prodotti in oltre 90 Paesi, secondo un piano di espansione internazionale che adatta le strategie imprenditoriali alle diverse realtà locali. La centrale operativa continua a essere situata a Ozzano Emilia: in questa sede gli stabilimenti produttivi sviluppano e producono i medicinali per tutte le specie animali e i vaccini destinati a bovini, suini, ovi-caprini, conigli e pesci. La produzione dei vaccini aviari, invece, avviene nello stabilimento di Maclodio, in provincia di Brescia. Il Gruppo Fatro possiede, inoltre, diverse filiali anche all’estero: in Spagna, Grecia, Polonia, Repubblica Ceca, Argentina, Uruguay e India.

    Il Gruppo Fatro si contraddistingue anche per la particolare attenzione che riserva alle risorse umane. Offre lavoro a oltre 700 persone in tutto il mondo e, in questi anni caratterizzati dalla crisi economica, non solo è riuscito a non ridurre l’organico, ma è stato anche in grado di ampliarlo. Il personale rappresenta, infatti, per il complesso aziendale un “fattore imprescindibile per puntare all’eccellenza nella qualità, nell’innovazione e nell’efficienza”.

    La mission – La filosofia del Gruppo Fatro è riassunta dalla loro mission: “la salute animale per la salute dell’uomo”.  L’obiettivo dell’azienda è, infatti, quello di mettere a disposizione dei medici veterinari e degli allevatori una vasta gamma di prodotti diretti a tutelare il benessere degli animali, al fine di salvaguardare la salute degli esseri umani. Nello specifico, l’animale da reddito viene considerato come un produttore di alimenti di cui occorre garantire la sicurezza, mentre quello da compagnia come un vero e proprio componente del nucleo familiare. In entrambi i casi, tutelare la salute degli animali rappresenta quindi un obiettivo imprescindibile.

    Una realtà competitiva: Ternova – La società del Gruppo Fatro creata per soddisfare le esigenze specifiche dei produttori di mangimi e degli allevatori è “Ternova S.r.l.”, situata anch’essa a Ozzano Emilia. La ditta si occupa di terapia orale e di biosicurezza per gli animali da reddito. In particolare, produce premiscele per alimenti medicamentosi e medicinali veterinari per assunzione orale. Ternova opera anche nel settore nutrizionale, dove rappresenta “Zinpro”, leader mondiale negli oligoelementi chelati, e “Interquim”, società riconducibile al Gruppo Ferrer, specializzata nel campo degli edulcoranti e degli aromi. Il nome Ternova deriva dalla fusione di “terapia” e “innovazione”, i due principi-base che guidano la sua attività. L’azienda, infatti, è da sempre impegnata nella realizzazione di numerosi progetti innovativi nel settore della terapia orale e della biosicurezza, che sono il frutto dell’esperienza maturata nell’ambito della ricerca interna del Gruppo Fatro e del rapporto con i suoi contatti internazionali.

    Nadia Comerci 23-03-2017 Tag: Fatrobenessere animalefarmaci veterinarisalute umanaTernova
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, corso sui controlli veterinari ai posti d'ispezione frontalieri

    Garantire la sicurezza degli alimenti di origine animale e del bestiame che transitano attraverso i posti d'ispezione frontalieri (Pif). È questo il tema del nuovo corso di formazione finanziato dalla Direzione generale per la salute e la sicurezza...

    06-02-2019
  • Farmaci veterinari, regole per il certificato di produzione

    Stabilite le nuove regole per il rilascio del certificato di produzione dei farmaci veterinari. Con la nota del 19 dicembre 2018, la Direzione Generale della Sanità animale e dei farmaci veterinari del Ministero della Salute ha disposto le procedure per...

    12-01-2019
  • I vantaggi in numeri delle colture Ogm

    L’impiego degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura ha generato vantaggi sociali, sanitari, ambientali ed economici. È quanto emerge da due studi pubblicati sulla rivista GM Crops & Food da Graham Brookes e Peter Barfoot, due...

    20-10-2018
  • Il Ministero della Salute lancia il sito dedicato alla ricetta elettronica

    Il Decreto Legge Milleproroghe (Decreto Legge 25 luglio 2018, n. 91) posticipa di 3 mesi l’entrata in applicazione dell’obbligo di ricetta veterinaria elettronica introdotto con Legge 167/2017.A partire dal 1° dicembre 2018 il mondo del farmaco...

    18-10-2018
  • Antimicrobici, nel 2016 vendite in calo in Italia

    Nel 2016 le vendite di farmaci antimicrobici in Italia sono diminuite. Lo evidenzia il rapporto: “Dati di vendita dei medicinali veterinari contenenti agenti antimicrobici. Trend in Italia Anno 2016” pubblicato dal Ministero della Salute, secondo cui...

    14-10-2018