Victam
  • Fao: acque reflue, un'opportunità per il settore agricolo

    Print

    L'uso delle acque reflue depurate in agricoltura potrebbe avere ripercussioni positive su ambiente e sicurezza alimentare

    Acqua agricoltura

    L'impiego delle acque reflue, correttamente depurate, potrebbe rappresentare una grande opportunità per l'agricoltura e per la sicurezza alimentare. Lo ha affermato l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) in occasione delle celebrazioni previste per la “Giornata mondiale dell'acqua”, che si sono svolte il 22 marzo a Roma presso la sede della Fao.

    “In agricoltura, dobbiamo utilizzare l'acqua in un modo più efficiente, produttivo, equo e più rispettoso dell'ambiente, senza compromettere la qualità - ha affermato Maria Helena Semedo, Vice Direttore Generale della Fao -. Dovremmo massimizzare il potenziale che le acque reflue rappresentano come risorsa valida e sostenibile”.

    L'Organizzazione evidenzia che in tutto il mondo la maggior parte delle acque reflue viene rilasciata nell'ambiente senza essere trattata. Di conseguenza, finisce per inquinare corsi d'acqua e oceani. Depurare e riutilizzare le acque reflue potrebbe, quindi, proteggere l'ambiente e rappresentare una soluzione conveniente e sostenibile al problema della scarsità idrica. In particolare, potrebbe rappresentare una risorsa preziosa per il settore agricolo, che da solo impiega circa il 70% dell'utilizzo complessivo di acqua dolce.

    La Fao ritiene che innaffiare i campi con le acque reflue, trattate fino a diventare innocue e sicure, potrebbe aiutare a contrastare la siccità. Inoltre, evidenzia che le acque reflue potrebbero rappresentare una fonte potenziale di materiali grezzi come fosforo e nitrati, che possono essere trasformati in fertilizzanti. Secondo le stime, il 22% della domanda globale di fosforo – che costituisce una risorsa minerale limitata - potrebbe essere soddisfatta utilizzando acque reflue trattate. Infine, secondo l'Organizzazione, una migliore gestione delle acque reflue potrebbe generare benefici sociali, ambientali ed economici e contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile.

    redazione 24-03-2017 Tag: acque refluesiccitàfaorisorse idricheagricolturaambientesicurezza alimentare
Articoli correlati
  • Fao e Wfp: nel 2018 insicurezza alimentare acuta in 53 paesi

    Nel 2018 circa 113 milioni di persone in 53 paesi hanno sperimentato gravi livelli di “insicurezza alimentare acuta”: l'impossibilità di consumare cibo a sufficienza, che mette le persone e i loro mezzi di sostentamento in immediato pericolo....

    09-04-2019
  • Commodities alimentari, a marzo prezzi stabili

    A marzo i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti sostanzialmente stabili. L’aumento delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e della carne è stato, infatti, compensato dal calo dei listini dei cereali, dell'olio vegetale e dello...

    07-04-2019
  • Materie prime agricole, il ruolo delle piogge nell'allocazione delle produzioni

    Entro il 2040 le colture di grano, soia, riso e mais dovranno adattarsi al cambiamento delle condizioni climatiche: le piogge saranno meno frequenti in Europa, Africa, Australia e Sud America, mentre saranno più assidue nelle nazioni settentrionali e in...

    05-04-2019
  • Genome editing, negli Stati Uniti il cibo è già arrivato nei ristoranti

    Negli Stati Uniti un olio prodotto con la soia realizzata con le tecniche di editing genomico viene utilizzato da una società di ristorazione per cucinare e per realizzare salse e condimenti. Calyxt, l’azienda di Minneapolis (Usa) che ha creato...

    28-03-2019
  • Il futuro del settore mangimistico e alimentare, focus durante 6° Gffc

    Le sfide che il settore mangimistico e il comparto alimentare dovranno affrontare nei prossimi anni sono state al centro della sesta edizione del “Global feed & food congress 2019 (Gffc)”, che si è svolto dall'11 al 13 marzo 2019 a Bangkok...

    27-03-2019