• Fosforo, nuovo indice consente di tenerlo sotto controllo

    Print

    È frutto di uno studio condotto dai ricercatori della Cornell University

    Agricoltura  trattore  campo %c2%a9 chukov   fotolia.com

    Un nuovo indice potrebbe aiutare a tenere sotto controllo il fosforo presente nel terreno. A svilupparlo sono stati gli scienziati della Cornell University di Ithaca (Usa), secondo cui lo strumento consentirà di analizzare le caratteristiche del suolo e di valutare il rischio di una fuoriuscita di fosforo nell’ambiente.

    Nel corso dello studio, pubblicato sulla rivista Journal of Environmental Quality, gli studiosi hanno esaminato le caratteristiche di migliaia di campi agricoli. Al termine dell’esperimento, sono riusciti a sviluppare un nuovo indice, che risulta più efficiente della versione precedente, prodotta nel 2003. In particolare, lo strumento risulta in grado di determinare la fuoriuscita di fosforo da un campo, basandosi sulla posizione del terreno e sul modo in cui viene gestito. Per riuscirci, prende in esame diverse variabili, come la copertura del terreno, la potenziale erosione e la distanza dai corsi acquatici.

    “Il nuovo indice aiuterà gli agricoltori ad adottare pratiche agricole sempre più sicure – afferma Quirine M. Ketterings, che ha diretto il gruppo di ricerca -. I campi ad alto rischio richiedono l’adozione di misure più sicure per gestire la fuoriuscita di fosforo. E gli agricoltori e i consulenti agricoli hanno maggiori probabilità di apportare modifiche se capiscano il motivo per cui risultano necessarie”.

    Gli autori precisano che l'indice precedente non era sbagliato, ma quello nuovo risulta più accurato e più semplice da utilizzare. “Come la scienza, anche l'agricoltura è un'attività in continuo miglioramento – osserva Ketterings -. L'indice iniziale si basava sulla migliori conoscenze scientifiche disponibili in quel momento. Il nostro nuovo indice racchiude i dati e l'esperienza acquisiti fino ad oggi. Per cui è probabile che anche il nuovo indice sarà aggiornato in futuro, in corrispondenza con la crescita delle nostre conoscenze”.

    Foto: © chukov - Fotolia.com

    redazione 27-04-2017 Tag: fosforoterrenoricercapratiche agricoleambiente
Articoli correlati
  • I vantaggi in numeri delle colture Ogm

    L’impiego degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura ha generato vantaggi sociali, sanitari, ambientali ed economici. È quanto emerge da due studi pubblicati sulla rivista GM Crops & Food da Graham Brookes e Peter Barfoot, due...

    20-10-2018
  • Al via consultazione su additivi per mangimi

    L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha avviato una consultazione pubblica sulla bozza delle “Linee guida per la valutazione della sicurezza per l’ambiente degli additivi per mangimi”. Il documento è stato...

    17-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • 2013- 2017: Sperimentazione agronomica nazionale degli ibridi da trinciato

    La sperimentazione agronomica nazionale degli ibridi di mais da trinciato, coordinata dal CREA Centro di ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali, sede di Bergamo, consente una valutazione della resa e della qualità nutrizionale di ibridi commerciali...

    25-09-2018
  • Completato sequenziamento genoma del grano

    Completato il sequenziamento del genoma del grano: grazie alle informazioni genetiche raccolte, sarà possibile coltivare varietà di piante resistenti alle malattie e ai cambiamenti climatici. Inoltre, sarà possibile migliore la...

    30-08-2018