• Usa: ritardo nella semina di mais, grano invernale, avena e sorgo

    Print

    Quella della soia è invece in linea con l’anno scorso

    Agricoltura trattore %c2%a9 pershing   fotolia.com

    Le piogge di aprile hanno ritardato la semina di alcune colture negli Stati Uniti. È quanto emerge dal rapporto “Prospective Plantings” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) e illustrato dal sito Feednavigator, secondo cui circa il 17% dei terreni agricoli statunitensi presenta un livello di umidità superiore del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

    L’Usda comunica che la semina del mais risulta indietro rispetto agli ultimi cinque anni. Quest’anno è stato piantato solo il 17% del mais, mentre nel 2016 la percentuale saliva al 18%. Tuttavia, il numero delle piantine che hanno iniziato a germogliare risulta in linea con quello osservato l’anno scorso e con la media degli ultimi anni, attestandosi a circa il 4%.

    La semina della soia risulta, invece, simile a quella effettuata nello scorso anno. Si attesta, infatti, a circa il 3%, una percentuale in linea con quella del 2016 e con la media degli ultimi anni. Il merito è soprattutto dell’incremento delle superfici destinate alla semina del legume, che sono aumentate del 7% rispetto all’anno precedente, fino a raggiungere gli 89,5 milioni di acri.

    Anche la semina del grano invernale procede a rilento. Quest'anno è stato piantato solo il 22% del cereale ed è germogliato solo il 5% delle piantine, mentre l’anno scorso in questo periodo era già stato piantato il 34% del grano invernale e aveva iniziato a germogliare il 40% delle piantine. La semina del sorgo procede invece a un ritmo più sostenuto rispetto allo scorso anno: quest’anno è stato piantato circa il 24% della coltura, rispetto a una media del 23% e alla percentuale del 19% registrata nel 2016.

    La semina della barbabietole da zucchero quest’anno risulta indietro: ne è stato piantato circa il 36%, rispetto a una media del 44% e al 58% registrato l’anno scorso. Anche la semina dell’avena va a rilento: è stato piantato circa il 57% della coltura, rispetto a una media del 62% e alla percentuale del 69% rilevata lo scorso anno. Infine, anche la semina dell’orzo presenta dei ritardi: è stato piantato circa il 27% dei semi del cereale e ha iniziato a germogliare il 7% delle piantine. Entrambe queste percentuali sono inferiori a quelle registrate nel 2016 e durante gli ultimi anni.

    Foto: © pershing - Fotolia.com

    redazione 09-05-2017 Tag: COLTUREseminacerealiUSDAmaissoiaUsa
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Ricerca, combinazione di ginseng e sorgo rende più efficiente alimentazione avicola

    L’aggiunta del ginseng brasiliano nei mangimi a base di sorgo potrebbe rendere più efficienti gli alimenti per pollame e prolungare il periodo di conservazione delle uova. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Livestock Science dagli...

    16-07-2019
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019