• Ribasso dei prezzi delle materie prime alimentari ad aprile

    Print

    Crescono i listini della carne

    Mercato ortofrutticolo

    L’attesa di produzioni ingenti di molti prodotti essenziali ha determinato un calo dei prezzi delle materie prime alimentari ad aprile. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che l'Indice dei prezzi alimentari si è attestato a quasi 168 punti, un valore inferiore dell’1,8% rispetto al mese di marzo, ma superiore del 10% rispetto ad aprile 2016.

    La Fao sottolinea che la flessione dei listini è stata trainata dal calo dell'Indice dei prezzi dello zucchero, diminuito del 9,1% rispetto a marzo, a causa della presenza di grandi forniture per l'esportazione dal Brasile e della persistente debolezza della domanda globale d'importazione.

    È sceso anche l'Indice dei prezzi degli oli vegetali, diminuito del 3,9% rispetto al mese precedente. La riduzione delle quotazioni, spiega la Fao, è dovuta principalmente all'indebolimento della domanda di olio di palma e alle previsioni di abbondanti raccolti di soia e di semine in Sud e Nord America.

    L'Indice dei prezzi della carne è invece aumentato dell'1,7% rispetto a marzo. Merito dell’incremento dei prezzi della carne suina, saliti in risposta alla forte domanda interna dell'Unione Europea, e alla crescita delle vendite in Cina.

    L'Indice dei prezzi dei cereali ha invece subito un calo dell'1,2% su base mensile, a causa dell'abbassamento dei prezzi del grano, anche se quelli del riso sono rimasti stabili. Infine, l’Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è sceso del 3,3% rispetto al mese di marzo.

    red. 23-05-2017 Tag: materie primecerealicarneprodotti lattiero-casearifaoprezzi
Articoli correlati