• Piano Nazionale “Industria 4.0”: i risvolti per le imprese agroalimentari

    Print
    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Il Piano Nazionale “Industria 4.0” è stato lanciato dal Governo il 21 settembre 2016 per rilanciare la competitività delle imprese italiane. Il programma prevede l’assegnazione di incentivi fiscali orizzontali per gli investimenti privati, a favore delle aziende che investono sull’innovazione. In particolare, si prefigge di diffondere l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative, volte a ottimizzare i processi produttivi, supportare i processi di automazione industriale e a favorire la collaborazione produttiva tra le imprese, attraverso tecniche avanzate di pianificazione distribuita, gestione integrata della logistica in rete e interoperabilità dei sistemi informativi.

    Il Piano intende stimolare i privati a puntare sulle nuove tecnologie e ad aumentare i fondi destinati al settore ricerca, sviluppo e innovazione, ma li lascia liberi di decidere dove investire. Inoltre, intende assicurare adeguate infrastrutture di rete, garantire la sicurezza e la protezione dei dati, collaborare alla definizione di standard di interoperabilità internazionali. Prevede anche la creazione di competenze e punta a stimolare la ricerca attraverso percorsi formativi ad hoc. Infine, si prefigge di diffondere la conoscenza, il potenziale e le applicazioni delle tecnologie dell’Industria 4.0 e di garantire una governance pubblico-privata per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

    All'interno del Piano “Industria 4.0” sono previsti anche investimenti mirati alla ricerca e allo sviluppo delle tecnologie per l’agricoltura e per il comparto agroalimentare. Il programma si prefigge, in particolare, di accrescere la competitività delle aziende agroqalimentari attraverso l’adozione delle seguenti misure:

    - accesso delle imprese agricole, dei contoterzisti e delle aziende agroindustriali alle misure di sostegno agli investimenti come iperammortamento al 250% e superammortamento per acquisto di tecnologie 4.0;

    - investimenti per favorire l'accesso delle imprese alla banda ultralarga, in coordinamento con le risorse per queste infrastrutture comprese nei fondi europei agricoli;

    - azzeramento del costo della garanzia primaria Ismea per le imprese agricole, attraverso un plafond dedicato nell'ambito del rifinanziamento del “Fondo di Garanzia Mise”;

    - rilancio ed estensione dei contratti di sviluppo anche per le imprese agricole e la filiera agroalimentare;

    - potenziamento della ricerca agricola e agroalimentare con il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Crea).

    Le disposizioni contenute nel Piano sono state illustrate in occasione del convegno “Industria 4.0, il programma e le opportunità per le imprese alimentari”, che si è tenuto il 10 febbraio 2017 a Milano su iniziativa di Federalimentare, in collaborazione con il Politecnico di Milano e la Fondazione Politecnico di Milano. Durante l’incontro Paolo Bonaretti, Consigliere per le Politiche Industriali del Ministero per lo Sviluppo Economico e Presidente Cluster Agrifood, ha elencato i possibili vantaggi del programma. A suo avviso, l’adozione delle misure previste dal Piano potrebbe favorire lo sviluppo dell’agricoltura sostenibile e dell’agricoltura di precisione. Potrebbe, inoltre, consentire il miglioramento delle materie prime e delle varietà coltivate. Potrebbe implementare i sistemi e le tecnologie necessarie per il packaging, la conservazione, la tracciabilità e la sicurezza delle produzioni alimentari. Potrebbe rendere possibile la creazione di percorsi sostenibili e integrati di riduzione degli scarti e dei sottoprodotti industriali, che potrebbero essere valorizzati. Infine, potrebbe permettere di migliorare i flussi bidirezionali dei dati informativi tra produttori, distributori e consumatori lungo tutta la filiera.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

     

    Nadia Comerci 18-05-2017 Tag: piano Industria 4.0agroalimentaremade in ItalyagricolturainnovazioneAgricoltura di precisione
Articoli correlati
  • Malnutrizione, per combatterla arriva il riso “multi-nutriente”

    Prodotto un riso "multi-nutriente" arricchito con ferro, zinco e beta-carotene. Lo comunicano, in uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, gli scienziati del Politecnico federale di Zurigo (Svizzera) che sono riusciti a modificare geneticamente le...

    18-08-2017
  • AgrOsserva, il settore agricolo italiano continua a crescere

    L'agricoltura italiana continua a crescere. Lo evidenzia l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui in un contesto di crescita complessiva dell'economia italiana, il settore agricolo continua a registrare performance...

    07-08-2017
  • Analisi della bilancia agro-alimentare italiana nel 2016

    Secondo i dati Istat, relativi al 2016, il valore delle esportazioni agroalimentari italiane (inclusi i tabacchi) è risultato pari a 36,4 miliardi di euro (+4,3% rispetto al 2015), a fronte di un import di 41,5 miliardi di euro (+0,3%), con un disavanzo,...

    31-07-2017
  • Produzione mondiale di soia: cresciuta di oltre il 230% in 26 anni

    A partire dal 1990, la produzione mondiale di soia è cresciuta significativamente: ha, infatti, registrato un aumento del 231%. Lo afferma l'economista David A. Widmar, economista della Purdue University, nel suo blog “Agricultural Economics...

    28-07-2017
  • Ricerca: in arrivo il riso alla vitamina A

    Presto sarà prodotta una varietà di riso arricchita con la vitamina A. Lo hanno annunciato gli scienziati dell’Albert-Ludwigs-Universität di Freiburg (Germania), secondo cui la nuova coltura potrebbe aiutare a combattere la malnutrizione...

    25-07-2017