• Piano Nazionale “Industria 4.0”: i risvolti per le imprese agroalimentari

    Print
    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Il Piano Nazionale “Industria 4.0” è stato lanciato dal Governo il 21 settembre 2016 per rilanciare la competitività delle imprese italiane. Il programma prevede l’assegnazione di incentivi fiscali orizzontali per gli investimenti privati, a favore delle aziende che investono sull’innovazione. In particolare, si prefigge di diffondere l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative, volte a ottimizzare i processi produttivi, supportare i processi di automazione industriale e a favorire la collaborazione produttiva tra le imprese, attraverso tecniche avanzate di pianificazione distribuita, gestione integrata della logistica in rete e interoperabilità dei sistemi informativi.

    Il Piano intende stimolare i privati a puntare sulle nuove tecnologie e ad aumentare i fondi destinati al settore ricerca, sviluppo e innovazione, ma li lascia liberi di decidere dove investire. Inoltre, intende assicurare adeguate infrastrutture di rete, garantire la sicurezza e la protezione dei dati, collaborare alla definizione di standard di interoperabilità internazionali. Prevede anche la creazione di competenze e punta a stimolare la ricerca attraverso percorsi formativi ad hoc. Infine, si prefigge di diffondere la conoscenza, il potenziale e le applicazioni delle tecnologie dell’Industria 4.0 e di garantire una governance pubblico-privata per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

    All'interno del Piano “Industria 4.0” sono previsti anche investimenti mirati alla ricerca e allo sviluppo delle tecnologie per l’agricoltura e per il comparto agroalimentare. Il programma si prefigge, in particolare, di accrescere la competitività delle aziende agroqalimentari attraverso l’adozione delle seguenti misure:

    - accesso delle imprese agricole, dei contoterzisti e delle aziende agroindustriali alle misure di sostegno agli investimenti come iperammortamento al 250% e superammortamento per acquisto di tecnologie 4.0;

    - investimenti per favorire l'accesso delle imprese alla banda ultralarga, in coordinamento con le risorse per queste infrastrutture comprese nei fondi europei agricoli;

    - azzeramento del costo della garanzia primaria Ismea per le imprese agricole, attraverso un plafond dedicato nell'ambito del rifinanziamento del “Fondo di Garanzia Mise”;

    - rilancio ed estensione dei contratti di sviluppo anche per le imprese agricole e la filiera agroalimentare;

    - potenziamento della ricerca agricola e agroalimentare con il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Crea).

    Le disposizioni contenute nel Piano sono state illustrate in occasione del convegno “Industria 4.0, il programma e le opportunità per le imprese alimentari”, che si è tenuto il 10 febbraio 2017 a Milano su iniziativa di Federalimentare, in collaborazione con il Politecnico di Milano e la Fondazione Politecnico di Milano. Durante l’incontro Paolo Bonaretti, Consigliere per le Politiche Industriali del Ministero per lo Sviluppo Economico e Presidente Cluster Agrifood, ha elencato i possibili vantaggi del programma. A suo avviso, l’adozione delle misure previste dal Piano potrebbe favorire lo sviluppo dell’agricoltura sostenibile e dell’agricoltura di precisione. Potrebbe, inoltre, consentire il miglioramento delle materie prime e delle varietà coltivate. Potrebbe implementare i sistemi e le tecnologie necessarie per il packaging, la conservazione, la tracciabilità e la sicurezza delle produzioni alimentari. Potrebbe rendere possibile la creazione di percorsi sostenibili e integrati di riduzione degli scarti e dei sottoprodotti industriali, che potrebbero essere valorizzati. Infine, potrebbe permettere di migliorare i flussi bidirezionali dei dati informativi tra produttori, distributori e consumatori lungo tutta la filiera.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

     

    Nadia Comerci 18-05-2017 Tag: piano Industria 4.0agroalimentaremade in ItalyagricolturainnovazioneAgricoltura di precisione
Articoli correlati
  • Necrosi letale del mais, la matematica aiuta a combatterla

    La matematica potrebbe rappresentare un valido alleato nella lotta contro la necrosi letale del mais. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Phytopathology da un gruppo di ricerca internazionale, che ha usato i modelli matematici per individuare nuovi...

    27-06-2017
  • Innovazione, revisione Pac e sostenibilità: le sfide del cammino che unirà agricoltura e industria

    Daniele Rossi, segretario generale Agronetwork, traccia le linee d’azione del prossimo futuro della nuova realtà associativa nel mondo dell’agroalimentare Dottor Rossi, da dove nasce l’esigenza di Agronetwork?Oltre le Rappresentanze, un...

    19-06-2017
  • Export salumi: Italia conquista leadership mondiale

    Nel 2016 l'Italia ha conquistato la leadership mondiale nel campo delle esportazioni di preparazioni e conserve suine. Con un valore complessivo di quasi 1,38 miliardi di euro, è riuscita infatti a superare la Germania e a conquistare il primo posto nella...

    19-06-2017
  • «Industria 4.0, un'opportunità per l'innovazione nell'agroalimentare italiano»

    Presidente Bonaretti, le chiederei innanzitutto di partire dalla valenza per l’agroalimentare del piano Industria 4.0, promosso dal Governo. Il Piano Nazionale "Industria 4.0" rappresenta un cambio di passo strategico per rilanciare la...

    14-06-2017
  • Studio: i benefici di 20 anni di Ogm

    Le innovazioni introdotte dall’ingegneria genetica hanno avuto un impatto enorme sulla produttività, sulla sostenibilità e sull'economia agricola. Lo evidenzia uno studio riportato su Genetic Literacy Project e pubblicato sulla...

    12-06-2017