• Acquacoltura, individuata microalga ricca di nutrienti

    Print

    Potrebbe essere impiegata proficuamente nell’acquacoltura

    Pesci acquacoltura

    Una microalga d'acqua dolce, chiamata Boekelovia hooglandii, potrebbe essere impiegata efficacemente nella produzione di mangimi per pesci e crostacei. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Aquaculture dagli scienziati dell'Università di Waterloo (Canada), che ne hanno descritto i risultati in un’intervista rilasciata al sito Feednavigator.

    Nel corso dell’indagine, gli autori hanno analizzato il profilo nutrizionale della microalga, che è stata scelta perché produce livelli elevati di omega 3. I ricercatori hanno osservato, in particolare, che Boekelovia hooglandii potrebbe essere utilizzata efficacemente nell’ambito dell’acquacoltura grazie alle dimensione delle sua particelle, ai nutrienti che vi sono contenuti e alla sua digeribilità.

    “Il presente studio esamina l'idoneità di questa specie come mangime per l'acquacoltura e valuta anche la composizione nutrizionale della microalga e le variazioni delle concentrazioni di acidi grassi, proteine, carboidrati e pigmenti attraverso le diverse fasi di crescita - precisano i ricercatori -. Il piccolo formato delle cellule, la facile digeribilità e il profilo nutrizionale di B. hooglandii suggeriscono che questa microalga costituisce un ingrediente adatto per i mangimi destinati all’alimentazione di molluschi e ostriche”.

    Secondo gli scienziati, i nutrienti presenti nella microalga potrebbero stimolare la crescita dei prodotti dell’acquacoltura. Inoltre, gli acidi grassi omega 3 ei pigmenti carotenoidi che vi sono contenuti potrebbero migliorarne il colore. “I risultati di questo studio possono aiutare l'industria dell'acquacoltura ad assumere decisioni informate su come migliorare le proprietà nutrizionali e la produttività delle alghe utilizzate per l'alimentazione di pesci e costacei – concludono gli autori -. Non è necessario estrarre i nutrienti dalla B. hooglandii, questa microalga può essere mangiata tutta e fornisce la nutrizione completa di cui i prodotti dell'acquacoltura hanno bisogno".

    redazione 01-06-2017 Tag: acquacolturamicroalghemangimicrescitamolluschicrostacei
Articoli correlati
  • Suinetti, dall'olio di cannella benefici per l'intestino

    Un olio essenziale in grado di migliorare la funzione intestinale, l'apporto dietetico e la composizione del microbioma dei suinetti appena svezzati. È l'olio di cannella, il supplemento testato da un gruppo di ricercatori internazionale, provenienti dal...

    07-05-2018
  • Commissione Europea: pubblicate Linee guida su trasformazione ex-alimenti in mangimi

    Lo scorso 17 aprile la Commissione Europea ha pubblicato il documento: “Guidelines for the feed use of food no longer intended for human consumption”, che illustra le linee guida per l'uso degli alimenti non più destinati al consumo umano...

    21-04-2018
  • Deforestazione, la posizione di Fefac

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) è favorevole all'analisi condotta dalla Commissione Europea sullo studio di fattibilità delle iniziative per intensificare l'azione dell'UE...

    15-04-2018
  • Gruppo Grigi: “Da oltre 50 anni nel settore mangimistico, copre l’intera filiera agroalimentare”

    “Dalla terra alla tavola”: è questa la filosofia aziendale del “Gruppo Grigi”, che opera da oltre 50 anni nel settore degli alimenti zootecnici e che, ad oggi, copre tutta la filiera agroalimentare. La nascita – Il...

    03-04-2018
  • Mais, la parola alla scienza

    Sono tre gli elementi principali emersi dallo studio sul mais transgenico promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna e dall’Università di Pisa, recentemente pubblicato su Scientific Reports della rivista Nature: la coltivazione di questo mais...

    25-03-2018