• Alimentazione animale, sottoprodotto dell'industria dell'etanolo favorisce digeribilità

    Print

    Rende pianta destinata ai bovini più assimilabile

    Mangimi bovini

    Da scarto a ingredienti preziosi: i grani secchi distillati potrebbero migliorare la digeribilità di una pianta usata per nutrire i bovini. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Crop Science da un team di ricercatori texani diretto da Monte Rouquette, docente presso la Texas A&M AgriLife Research di Overton (Stati Unit), che afferma: “La crescita della produzione di etanolo negli ultimi decenni ha fatto sì che l'industria delle carni bovine potesse disporre di ingenti quantità di questo elemento. Originariamente considerato come uno scarto industriale, la ricerca ha cominciato a esaminare altri usi di questo sottoprodotto”.

    Nel corso dell'indagine, gli scienziati hanno studiato l'effetto del passaggio di stagione sulla digeribilità di una pianta, chiamata Tifton 85, utilizzata per nutrire i bovini. Hanno così scoperto che questo vegetale, con il passare dei mesi, diventa sempre più difficile da assimilare. Tuttavia, hanno anche osservato che questo problema può essere ridotto in modo significativo se si forniscono al bestiame i grani secchi distillati. Le proprietà benefiche di questi sottoprodotti della produzione dell'etanolo, secondo gli studiosi, li rendono infatti ingredienti preziosi.

    I grani secchi distillati sono comunemente usati nella realizzazione dei mangimi perché sono nutrienti e, in alcuni casi, rappresentano una valida alternativa al mais e alla soia. Rendono gli alimenti per animali più ricchi di proteine ed energetici. Inoltre, gli esperti osservano che se vengono utilizzati come integratori, possono aumentare la digeribilità della Tifton 85 nei mesi in cui diventa più difficile da assimilare. “Questi risultati – precisa Rouquette -, possono essere utilizzati all'interno di una valutazione economica, per fornire indicazioni su quando è più opportuno utilizzare questo integratore”.

    redazione 07-07-2017 Tag: sottoprodotti etanolomangimidigeribilitàgrani secchi distillatiproteine
Articoli correlati
  • Utilizzo degli insetti in mangimistica: ultime novità a livello nazionale ed europeo

    Negli ultimi anni, l'aumento della popolazione mondiale, l'urbanizzazione e la modifica delle abitudini alimentari dovuta a una maggiore disponibilità di cibo hanno determinato un significativo incremento della domanda di proteine animali....

    18-09-2017
  • Il lino nell’alimentazione animale: una materia prima dalle molteplici proprietà

    I semi di lino sono usati come materia prima in alimentazione animale e, in particolare, nei ruminanti da latte e da carne, fin dal diciannovesimo secolo, sia come seme intero sia come panello o farina di estrazione. Il loro uso era prevalentemente associato ad...

    14-09-2017
  • Il comparto zootecnico nel 1 trimestre 2017

    Nel primo trimestre 2017 il prodotto intero lordo in Italia espresso in valori concatenati 2010 ha segnato un aumento dello 0,4% sul trimestre precedente e rafforzando il+0,3% del4° trimestre 2016. La domanda nazionale al netto delle scorte ha contribuito...

    13-09-2017
  • Andamento dell'industria mangimistica nel 2016

    Secondo le stime di Assalzoo, nel 2016,in Italia la produzione di mangimi fa segnare una crescita dell'1,2%, passando così da 14.056.000 tonnellate a 14.226.000 tonnellate. Anche il fatturato del settore ha fatto segnare un incremento passando da...

    06-09-2017
  • Probiotici per mangimi, fino al 2022 mercato in crescita oltre il 7% annuo

    Il mercato dei probiotici per mangimi dovrebbe crescere a un Cagr (tasso di crescita annuale composto) del 7,7% fino al 2022, raggiungendo un fatturato di 5,07 miliardi di dollari. È quanto emerge dal rapporto "Probiotics in Animal Feed Market by...

    30-08-2017