• Alimentazione animale, sottoprodotto dell'industria dell'etanolo favorisce digeribilità

    Print

    Rende pianta destinata ai bovini più assimilabile

    Mangimi bovini

    Da scarto a ingredienti preziosi: i grani secchi distillati potrebbero migliorare la digeribilità di una pianta usata per nutrire i bovini. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Crop Science da un team di ricercatori texani diretto da Monte Rouquette, docente presso la Texas A&M AgriLife Research di Overton (Stati Unit), che afferma: “La crescita della produzione di etanolo negli ultimi decenni ha fatto sì che l'industria delle carni bovine potesse disporre di ingenti quantità di questo elemento. Originariamente considerato come uno scarto industriale, la ricerca ha cominciato a esaminare altri usi di questo sottoprodotto”.

    Nel corso dell'indagine, gli scienziati hanno studiato l'effetto del passaggio di stagione sulla digeribilità di una pianta, chiamata Tifton 85, utilizzata per nutrire i bovini. Hanno così scoperto che questo vegetale, con il passare dei mesi, diventa sempre più difficile da assimilare. Tuttavia, hanno anche osservato che questo problema può essere ridotto in modo significativo se si forniscono al bestiame i grani secchi distillati. Le proprietà benefiche di questi sottoprodotti della produzione dell'etanolo, secondo gli studiosi, li rendono infatti ingredienti preziosi.

    I grani secchi distillati sono comunemente usati nella realizzazione dei mangimi perché sono nutrienti e, in alcuni casi, rappresentano una valida alternativa al mais e alla soia. Rendono gli alimenti per animali più ricchi di proteine ed energetici. Inoltre, gli esperti osservano che se vengono utilizzati come integratori, possono aumentare la digeribilità della Tifton 85 nei mesi in cui diventa più difficile da assimilare. “Questi risultati – precisa Rouquette -, possono essere utilizzati all'interno di una valutazione economica, per fornire indicazioni su quando è più opportuno utilizzare questo integratore”.

    redazione 07-07-2017 Tag: sottoprodotti etanolomangimidigeribilitàgrani secchi distillatiproteine
Articoli correlati
  • Deforestazione, la posizione di Fefac

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) è favorevole all'analisi condotta dalla Commissione Europea sullo studio di fattibilità delle iniziative per intensificare l'azione dell'UE...

    15-04-2018
  • Gruppo Grigi: “Da oltre 50 anni nel settore mangimistico, copre l’intera filiera agroalimentare”

    “Dalla terra alla tavola”: è questa la filosofia aziendale del “Gruppo Grigi”, che opera da oltre 50 anni nel settore degli alimenti zootecnici e che, ad oggi, copre tutta la filiera agroalimentare. La nascita – Il...

    03-04-2018
  • Mais, la parola alla scienza

    Sono tre gli elementi principali emersi dallo studio sul mais transgenico promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna e dall’Università di Pisa, recentemente pubblicato su Scientific Reports della rivista Nature: la coltivazione di questo mais...

    25-03-2018
  • Compro il pesce di allevamento o quello di cattura?

    La nostra dieta influenza la nostra salute durante tutta la nostra vita, perché noi siamo effettivamente ciò che mangiamo. Prendiamo dagli alimenti i mattoni fondamentali per costruire i nostri tessuti, ma anche sostanze attive in grado di regolare...

    25-03-2018
  • Fefac: necessario migliorare qualità delle proteine prodotte in Europa

    Il Piano europeo delle proteine dovrebbe puntare a migliorare la qualità delle proteine realizzate in Europa. Lo sostiene Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), che evidenzia l’esigenza di concentrarsi sulla qualità delle diverse...

    23-03-2018