• Usda: soia e mais quotazioni solide; focus sulla qualità del grano

    Print
    Grano mais soia

    Le quotazioni del mais e della soia restano sostanzialmente stabili, mentre l'attenzione del mercato è concentrata sul frumento. Le preoccupazioni sulla qualità del grano potrebbero, infatti, determinare un incremento dei prezzi e favorire la decisione di aumentare la superficie coltivata con questo cereale il prossimo anno. È quanto emerge dal rapporto “World agricultural supply and demand estimates” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) e descritto sul sito Feed Navigator.

    L'Usda precisa che nella stagione 2016/17 la macinazione della soia dovrebbe subire un calo, per cui si attende un aumento delle scorte del legume negli Stati Uniti. Il Dipartimento evidenzia che la macinazione della soia è diminuita di 15 milioni di bushel e gli stock finali sono aumentati della stessa quantità durante l'ultimo mese. Si prevede che nella stagione 2017/18 le scorte dovrebbe raggiungere i 495 milioni di bushel. Tuttavia, i prezzi del legume sono rimasti sostanzialmente invariati. L'incremento delle scorte riflette, infatti, l'aumento della produzione di soia in Brasile e in Argentina.

    Il Dipartimento precisa che la domanda e le esportazioni di soia e mais continuano a essere elevati, per cui i prezzi restano stabili nonostante l'incremento della produzione. Per quanto riguarda il mais, anche se il raccolto in Europa e in Canada dovrebbe diminuire, si prevede un aumento della produzione nella stagione 2016/17 in Ucraina, Brasile e Sudafrica. Inoltre, le previsioni favorevoli hanno incrementato le esportazioni del cereale dall'Ucraina e dalla Russia e aumentato le importazioni verso l'Unione Europea. Infine, l'Usda precisa che le scorte di mais estero sono diminuite.

    Le scorte iniziali, il raccolto e le importazioni di grano statunitense dovrebbero crescere nella stagione 2017/18. La produzione è, infatti, aumentata di 18 miliardi di bushel. Secondo l'Usda, l'incremento della produzione del grano duro rosso invernale e del grano morbido rosso invernale dovrebbe compensare la riduzione del raccolto del grano invernale bianco. Le scorte finali della stagione sono cresciute di 10,8 milioni di bushel. Il Dipartimento evidenzia, tuttavia, che le preoccupazioni sulla qualità del frumento, soprattutto di quello primaverile, potrebbero determinare un aumento dei prezzi, soprattutto del grano impiegato in ambito alimentare.

    red. 15-06-2017 Tag: cerealigranomaissoiaUSDAprezzimercato
Articoli correlati
  • Necrosi letale del mais, la matematica aiuta a combatterla

    La matematica potrebbe rappresentare un valido alleato nella lotta contro la necrosi letale del mais. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Phytopathology da un gruppo di ricerca internazionale, che ha usato i modelli matematici per individuare nuovi...

    27-06-2017
  • Soia, individuato il metodo per aumentare la resa

    Per aumentare la resa delle piantagioni di soia, occorre ruotare le colture e utilizzare la coltura di copertura più adatta, ossia la lettiera di pollame. Lo sostiene uno studio statunitense pubblicato sulla rivista Agronomy Journal dai ricercatori...

    08-06-2017
  • Settore suinicolo, prosegue trend positivo

    Prosegue la ripresa del settore suinicolo: dopo aver chiuso in positivo nel 2016, il comparto ha registrato un andamento favorevole anche durante i primi tre mesi di quest'anno. È quanto emerge dal rapporto “Tendenze suino” pubblicato da Ismea...

    07-06-2017
  • Grano, stimata produzione ridotta in Europa

    Anche se l’effetto della scarsità di precipitazioni e del clima freddo che ha interessato l’Europa in aprile resta ancora da quantificare, la produzione europea di frumento dovrebbe risultare poco abbondante anche questa stagione. Lo evidenzia...

    05-06-2017
  • Alimentazione da insetti, un mercato da un miliardo di dollari nel 2022

    Entro il 2022 il mercato degli insetti per mangimi dovrebbe superare il miliardo di dollari. È quanto emerge da un rapporto elaborato dalla società Arcluster e illustrato sul sito Feed Navigator, che ha analizzato le principali tendenze che...

    31-05-2017