• Agroalimentare, nel primo trimestre 2017 export cresciuto dell’8%

    Print

    Migliorato deficit strutturale della bilancia commerciale

    Mercato frutta verdura

    Nel primo trimestre del 2017 le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono cresciute del 7,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, fino a sfiorare la soglia dei 10 miliardi di euro. Lo evidenzia il rapporto: “La bilancia commerciale agroalimentare nazionale I trimestre 2017” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui è aumentato del 6% anche l'import di prodotti agroalimentari.

    L’Istituto sottolinea che nei primi tre mesi del 2017 la bilancia commerciale dei prodotti agroalimentari italiani ha registrato un miglioramento del deficit strutturale, che è diminuito di 79 milioni di euro. Questo risultato è dovuto soprattutto alle performance dell'industria alimentare, il cui saldo ha raggiunto i 286 milioni di euro - 99 milioni in più rispetto al primo trimestre del 2016 -, che ha compensato in parte il deficit agricolo.

    Il trend positivo ha interessato soprattutto i seguenti comparti: “vino e mosti” cresciuto di 1.258 milioni, “ortaggi freschi e trasformati” cresciuto di 349 milioni e “cereali, riso e derivati” cresciuto di 266 milioni. Hanno, invece, registrato una dinamica negativa il settore “oli e grassi” (che ha registrato un calo di 648 milioni), quello delle “colture industriali” (-653 milioni) e quello di “animali e carni” (-742 milioni).

    L’Ismea evidenzia che il 65% dei prodotti agroalimentari esportati ha come principale mercato di sbocco i Paesi dell’Unione Europea: l’export dei prodotti made in Italy verso queste nazioni è cresciuto del 6,6%. Le esportazioni verso i Paesi extra-europei hanno registrato una crescita dell'11% su base annua, con incrementi consistenti delle vendite in Russia (+44,6%), Giappone (+38,3%) e Cina (+16,7%).

    red. 03-07-2017 Tag: agroalimentareIsmeaexportimportbilancia commerciale
Articoli correlati