• Assalzoo: nel 2016 continua la crescita dei mangimi per volatili, bene bufali e ovini, salgono i suini, stabili i bovini

    Print
    Assalzoo logo

    Sono stati presentati mercoledì 21 giugno, nel corso dell’Assemblea annuale Assalzoo. i dati del 2016, che si chiude con un aumento di oltre 200mila tonnellate, superando di slancio la soglia dei 14milioni di ton. – il dato finale è di 14.226 ton. che corrisponde a un aumento dell’1,2% rispetto al 2015.

    In un contesto economico che evidenzia segni di miglioramento, ma che registra una contrazione tendenziale complessiva della spesa destinata ai prodotti di origine animale (carne -4,4%, latte -5,2%), la leggera crescita del settore mangimistico dipende in larga misura dal comparto avicolo che continua a dimostrare una forza produttiva di quasi 6milioni di tonnellate, ascrivibile a tutte le principali specie avicole, polli da carne, galline ovaiole e tacchini.

    Più limitata, ma pur sempre importante, la dinamica positiva dei mangimi per suini che, seguendo anche la buona performance di mercato di questo comparto dell'allevamento in atto in questo ultimo anno, sfiora le 3,6 milioni di tonnellate complessive di mangime prodotto.

    In leggero aumento i mangimi per vacche da latte (+0,7%), mentre si evidenzia una grave contrazione per i mangimi per bovini da carne che segnano un calo del 9,1% perdendo ben 75.000 tonnellate.

    Molto buona la crescita dei mangimi per gli ovini e una positiva ripresa si registra anche per il pet-food, che dopo un periodo di riflessione dovuto allo stop dei consumi conferma le potenzialità di crescita.

     

    I numeri del settoresottolinea Alberto Allodi, presidente di Assalzoo – sono positivi nonostante il calo dei consumi interni di alcune fase di prodotti di origine animale, questo conferma la grande capacità di tenuta del nostro tessuto produttivo trainato da un settore avicolo solido ed in costante crescita. Sicurezza, qualità e innovazione caratterizzano i mangimi italianiPer il futuro – conclude Allodi – si può prevedere che il comparto avicolo continui a fare da traino, mentre gli altri settori punteranno ad una sostanziale tenuta con punte di sviluppo in gruppi minori".

     

     

    red. 26-06-2017 Tag: assalzoomangimibovinisuinivolatili
Articoli correlati
  • Efsa, la situazione della peste suina

    Il rilevamento precoce, la rimozione rapida delle carcasse degli animali morti a causa della malattia e la caccia intensiva nelle zone colpite dall’infezione potrebbero favorire l’eradicazione della peste suina africana (Psa). È quanto emerge...

    08-12-2018
  • Encefalopatie spongiformi, la situazione nella Comunità europea

    Nel 2017 non sono stati individuati casi di encefalopatia spongiforme bovina (Bse) classica nell’Unione Europea, anche se sono stati segnalati sei casi di Bse atipica. Lo evidenzia il rapporto: “The European Union summary report on surveillance for...

    05-12-2018
  • Fefac: “Bene relazione Commissione Europea su produzione fonti proteiche vegetali nell'UE”

    Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha accolto con favore la relazione della Commissione Europea sullo sviluppo della produzione europea di proteine vegetali pubblicata lo scorso 22 novembre. La Federazione si augura che il nuovo interesse politico...

    02-12-2018
  • Sorgo, vantaggioso incentivarne l'uso di negli alimenti e nei mangimi

    Occorre promuovere l'uso del sorgo negli alimenti e nei mangimi in Europa, Russia e Ucraina: lo sostengono gli esperti intervenuti al secondo “Congresso internazionale sul sorgo” che si è svolto dal 7 all'8 novembre 2018 a Milano. L'evento ha...

    27-11-2018
  • Sistema controllo mangimi: i risultati delle attività 2017

    Anche nel 2017 l’Italia è stata il primo Paese membro per numero di segnalazioni inviate alla Commissione europea attraverso il “sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi in ambito europeo (Rasff)”. Lo comunica il Ministero della...

    26-11-2018