Victam
  • Fefac: bene l’impiego degli insetti nei mangimi per i prodotti ittici

    Print

    Questa misura potrebbe stimolare ulteriormente lo sviluppo sostenibile dell'acquacoltura dell'UE

    Acquacoltura

    A partire dal 1° luglio 2017, nell’Unione Europea è autorizzato l’impiego di proteine trasformate derivate dagli insetti per la produzione dei mangimi destinati ai pesci d'allevamento. La Federazione dei produttori europei di mangimi (Fefac), ha accolto con favore la possibilità di utilizzare questa “promettente fonte alternativa di proteine” per l'alimentazione degli animali, in particolare per l'allevamento ittico, che richiede regimi dietetici ricchi di proteine altamente digeribili. Evidenzia, inoltre, che nel lungo termine l'inclusione delle farine realizzate con gli insetti potrebbe contribuire ulteriormente allo sviluppo sostenibile dell'acquacoltura dell'Unione Europea.

    Fefac precisa che l'attuale quadro giuridico prevede che gli insetti destinati a essere utilizzati nella produzione dei mangimi per i pesci devono essere nutriti come tutti gli altri animali allevati. Per esempio, non possono essere alimentati con i rifiuti della ristorazione o con il letame prodotto dal bestiame. La Federazione ritiene che questa misura sia in linea con l’attuale stato delle conoscenze scientifiche e dovrebbe facilitare l'accettazione da parte del pubblico e del mercato dei mangimi realizzati con queste proteine.

    Fefac aggiunge che appoggerà ulteriori ricerche sulla sicurezza dei potenziali substrati alternativi per gli insetti da allevamento, vale a dire le materie prime che non sono attualmente utilizzabili direttamente per nutrire i pesci, il pollame o i suini, come raccomandato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel suo parere pubblicato a ottobre 2015 sul “profilo di rischio relativo alla produzione e al consumo degli insetti come alimenti e mangimi”. Questo, secondo la Federazione, potrebbe creare un ulteriore valore aggiunto alle proteine derivate dagli insetti d'allevamento nell’ottica di stimolare le economie circolari.

    redazione 10-07-2017 Tag: mangimiinsettipesciproteineacquacolturaprodotti itticisostenibilità
Articoli correlati
  • Mangimi, produzione record nel 2018: superati 1,1 miliardi di tonnellate

    Nel 2018 la produzione globale di mangimi ha stabilito un nuovo record: è cresciuta del 3% rispetto all’anno precedente, fino a superare 1,1 miliardi di tonnellate. Lo rileva il rapporto “2019 Alltech Global Feed Survey” pubblicato dalla...

    10-02-2019
  • Zootecnia e mangimistica italiana, un successo degli ultimi 40 anni

    La Commissione Scenari dell’ASPA, di cui chi scrive è presidente, ha per compito la costruzione di scenari zootecnici per le principali produzioni nazionali al 2030. Per fare ciò la commissione ha iniziato ad analizzare, in termini...

    06-02-2019
  • Andamento dell’agro-alimentare italiano nel primo semestre 2018

    La bilancia agroalimentare italiana (inclusi i tabacchi e succedanei), nel primo semestre 2018, ha registrato un import complessivo in valore pari a 21,7 miliardi di euro (-347 milioni di euro, pari a -1,1% rispetto al pari semestre 2017) a fronte di un aumento...

    05-02-2019
  • Antibiotico-resistenza, il ruolo della nutrizione animale

    La nutrizione animale potrebbe svolgere un ruolo importante nella lotta contro l’antibiotico-resistenza. Lo hanno affermato i rappresentanti dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) e dell'International feed...

    25-01-2019
  • Carne rossa, i benefici per i pazienti oncologici

    Sul rapporto fra il consumo di carne rossa, fresca e lavorata, e il rischio oncologico le valutazioni dello Iarc, l’Agenzia internazionale per la Ricerca sul Cancro, sembrano aver messo un punto fermo. Il consumo eccessivo di carne lavorata, dalla...

    22-01-2019