• Il grano e l'agricoltura preistorica? Frutto di una modificazione genetica

    Print
    Grano agricoltura %c2%a9 mozzz   fotolia.com

    Il grano moderno è il risultato di una modificazione genetica avvenuta circa 10.000 anni fa, quando è stato coltivato dalle prime comunità agricole stanziate in una regione del Medio Oriente chiamata Mezzaluna Fertile. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Science da un team internazionale di scienziati diretto da Raz Avni dell’Università di Tel Aviv (Israele), secondo cui la scoperta fa luce sulle caratteristiche del cereale e potrebbe aiutare a migliorarne la resa e la qualità.

    Nel corso della ricerca, gli autori hanno utilizzato un sofisticato sistema di sequenziamento tridimensionale per analizzare il genoma del grano. Questo ha permesso loro di ricostruire i 14 cromosomi del grano selvatico, chiamato Triticum turgidum. Hanno, così, scoperto che la struttura del Dna della coltura è cambiata quando ha iniziato a essere coltivata dall’uomo. In particolare, l’impiego del cereale nell’agricoltura ha fatto sì che i semi subissero delle modifiche, relative soprattutto al livello di resistenza alla siccità, alla morfologia delle spighe e allo sviluppo della pianta. Per esempio, mentre le spighe del grano selvatico si rompono quando la pianta matura, quelle del grano coltivato restano intatte - e questo ne facilita il raccolto.

    Gli studiosi hanno poi confrontato i geni responsabili della frantumazione dei due tipi di frumento, per comprendere i cambiamenti genetici che hanno permesso alle spighe del grano moderno di non rompersi una volta divenute mature. L’analisi ha consentito d’identificare due gruppi di geni presenti nel grano coltivato che hanno perso la loro funzione. Gli scienziati hanno quindi provato ad attivare queste particelle di Dna in alcune piante: il risultato è stato la produzione di spighe fragili nella parte superiore e resistenti in quella inferiore. Second gli esperti, i risultati suggeriscono che i due gruppi di geni potrebbero aver svolto un ruolo importante nella trasformazione delle qualità del frumento selvatico.

    Foto: © mozZz - Fotolia.com

    redazione 10-07-2017 Tag: granoricercadnagenoma
Articoli correlati
  • Malnutrizione, per combatterla arriva il riso “multi-nutriente”

    Prodotto un riso "multi-nutriente" arricchito con ferro, zinco e beta-carotene. Lo comunicano, in uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, gli scienziati del Politecnico federale di Zurigo (Svizzera) che sono riusciti a modificare geneticamente le...

    18-08-2017
  • Usa, raccolto in ritardo e colture di qualità inferiore

    La crescita e la qualità delle colture statunitensi sono inferiori alle aspettative. Lo comunica nel rapporto “Crop progress” il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), come riportato dal sito Feednavigator. Secondo il...

    01-08-2017
  • Ricerca: in arrivo il riso alla vitamina A

    Presto sarà prodotta una varietà di riso arricchita con la vitamina A. Lo hanno annunciato gli scienziati dell’Albert-Ludwigs-Universität di Freiburg (Germania), secondo cui la nuova coltura potrebbe aiutare a combattere la malnutrizione...

    25-07-2017
  • Alimentazione suini, la digeribilità dei coprodotti del frumento può variare

    Il livello di digeribilità dei co-prodotti del frumento, che potrebbero essere utilizzati per produrre alimenti per suini, potrebbe variare. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Animal Science dagli scienziati dell'Università...

    11-07-2017
  • Ogm, impiego ancora più sicuro con nuova strategia di biocontenimento

    Una nuova strategia di biocontenimento basata sui fosfiti potrebbe consentire di utilizzare gli organismi geneticamente modificati (Ogm) in completa sicurezza, superando l'accusa che viene spesso mossa di diffusione incontrollata di essi. A svilupparla,...

    16-06-2017