• Accordo tra IZSTO e ASSALZOO per la formazione e lo sviluppo del settore mangimistico

    Print
    Accordo assalzoo iszto

    Con l'obiettivo di migliorare la qualità del settore mangimistico, Assalzoo e l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta hanno firmato un accordo strategico di collaborazione triennale. A sancire l'intesa sono stati Alberto Allodi, presidente di Assalzoo, e Maria Caramelli, direttrice dell'IZSTO.

    Le due realtà lavoreranno fianco a fianco per garantire la formazione continua agli operatori del settore mangimistico, per migliorarne i processi produttivi e distributivi e per sostenere le attività di ricerca scientifica e sviluppo tecnologico. La supervisione dei progetti riconducibili all'intesa sarà affidata a un comitato composto da rappresentanti delle due istituzioni.

    L'accordo ha i caratteri delle collaborazioni tra pubblico e privato. Saranno messi in comune e valorizzati l'impegno per la ricerca e le conoscenze nel settore della sicurezza alimentare, alcune delle linee strategiche alla base dell'attività decennale di Assalzoo. La decisione di definire un'alleanza con l'IZSTO si inserisce in un percorso di coesione dell'intera filiera zootecnica e alimentare in cui la mangimistica si pone come perno centrale.

    Maria Caramelli sull’accordo con Assalzoo

    Dal 2003 presso l’Istituto Zooprofilattico del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta è attivo il Centro di Referenza Nazionale per la Sorveglianza ed il controllo degli Alimenti per Animali (C.Re.A.A.): da allora il centro di eccellenza nazionale è impegnato in prima linea sulle problematiche sanitarie dell’alimentazione animale e collabora attivamente con il Ministero della Salute per la stesura dei piani di controllo e sorveglianza. Per garantire la massima sicurezza dei mangimi, vengono quotidianamente ricercate nei mangimi molte sostanze indesiderate e contaminanti che possono accidentalmente o volontariamente essere presenti nei mangimi destinati agli animali. L’accordo quadro recentemente stipulato con Assalzoo è un un'ottima opportunità per mettere in contatto il mondo della ricerca, rappresentato dall’Istituto Zooprofilattico, con quello della produzione. La necessità infatti di promuovere il trasferimento dell’innovazione tecnologica dal mondo della ricerca a quello del mondo produttivo si è fatta sempre più pressante, soprattutto in questi ultimi anni, in cui si è andata affermando la globalizzazione del mercato. L’accordo si basa su una stretta collaborazione e sinergia volta ad un continuo processo di innovazione tecnologica e produttiva basato sull'attività di ricerca. Il trasferimento dei risultati della ricerca e delle proprie conoscenze al mondo produttivo ha, tra gli obiettivi, inoltre quello di valorizzare i punti di forza del sistema produttivo italiano.
    Uno dei primi temi trattati sarà l'antibiotico resistenza, argomento di grande rilievo che coinvolge anche il settore mangimistico. Su questo topic si svolgerà il prossimo 22 giugno presso l'Università di Piacenza un seminario dal titolo Antibiotico Resistenza e Strategie Alimentari che ha come obiettivo l'approfondimento sulle strategie alimentari per ridurre l'utilizzo del farmaco veterinario.

    Alberto Allodi sull’accodo con IZSTO

    Assalzoo è sempre stata attenta a valorizzare la formazione del settore mangimistico, con iniziative di carattere formativo, scientifico e divulgativo. Nell’attuale contesto risulta sempre più importante poter stabilire delle interazioni tra i diversi settori per favorirel’interscambio di informazione e di conoscenza. Con la costituzione del Comitato Scientifico per l’Innovazione – CSI - e la collaborazione con ASPA (Associazione Scientifica per le Produzioni Animali), Assalzoo ha consolidato il processo di collaborazione tra settore produttivo e Comunità Scientifica, mentre l’accordo con l’Istituto Zooprofilattico del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, rappresenta un importante,ulteriore,passo verso l’interazione con le Autoritàed il loro lavoro di ricerca rafforzando una collaborazione fondamentale per promuovere e tutelare il sistema Italia. Nel 2003 presso l’Istituto è stato attivato il Centro di Referenza Nazionale per la Sorveglianza ed il Controllo degli Alimenti per Animali (C.Re.A.A.),che è divenuto sempre più un importante punto di riferimento per Assalzoo. Grazie alla lungimiranza del C.Re.A.A. che, da tempo, ha ritenuto utile coinvolgere Assalzoo(portatrice dell’esperienza produttiva) nei propri corsi di formazione, si è consolidata la consapevolezza della complementarietà e della reciproca collaborazioneufficializzata, quest’ultima,con la firma dell’Accordo quadro per una interazione scientifica. Un accordo che agevolerà il passaggio di knowhow tra mondo scientifico e mondo produttivo, rafforzando la possibilità di interagire su specifiche tematiche che verranno individuate come prioritarie per il settore.

    Salvatore Patriarca 03-08-2017 Tag: assalzooIsztosettore mangimisticozootecniabenessere animale
Articoli correlati
  • Il comparto zootecnico nel 1 trimestre 2017

    Nel primo trimestre 2017 il prodotto intero lordo in Italia espresso in valori concatenati 2010 ha segnato un aumento dello 0,4% sul trimestre precedente e rafforzando il+0,3% del4° trimestre 2016. La domanda nazionale al netto delle scorte ha contribuito...

    13-09-2017
  • Carne avicola: aumentano i consumi nel periodo 2012-2016

    Negli ultimi cinque anni i consumi di carne avicola sono cresciuti, soprattutto tra i giovani e gli over 65. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui nel quinquennio 2012-2016 il comparto avicolo ha spesso...

    11-09-2017
  • Andamento dell'industria mangimistica nel 2016

    Secondo le stime di Assalzoo, nel 2016,in Italia la produzione di mangimi fa segnare una crescita dell'1,2%, passando così da 14.056.000 tonnellate a 14.226.000 tonnellate. Anche il fatturato del settore ha fatto segnare un incremento passando da...

    06-09-2017
  • Antibiotico resistenza e strategie alimentari

    Nel Seminario Assalzoo tenutosi il 22 giugno scorso a Piacenza, organizzato in collaborazione con il CReAA (Centro di Referenza Nazionale per la Sorveglianza e il Controllo degli Alimenti per gli Animali), è stato affrontato il tema...

    06-09-2017
  • Carne bovina italiana, nasce l’“Organizzazione Interprofessionale”

    Il 14 giugno 2017 Cia-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Uniceb e Assocarni hanno annunciato la nascita di “OI (Organizzazione Interprofessionale) della carne bovina italiana”, un organismo diretto a rappresentare le attività economiche...

    05-09-2017