• Latte, consumi diminuiti del 7% nel quinquennio 2012-2016

    Print

    Cresciuti del 47% gli acquisti di latte senza lattosio

    Latte

    Negli ultimi cinque anni, i consumi di latte da parte delle famiglie italiane sono diminuiti del 7%. È quanto emerge dall’indagine “Acquisti domestici di latte: dinamiche e determinanti di scelta delle famiglie italiane nell’ultimo quinquennio (2012-2016)” pubblicata dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui il calo maggiore ha riguardato il latte fresco (-15% in quantità tra il 2016 e il 2012), mentre quello a lunga conservazione è riuscito a limitare le perdite (-3,2% in quantità). Sono invece cresciuti gli acquisti del latte alta digeribilità (senza lattosio), aumentati del 47% nel quinquennio preso in considerazione.

    L’Istituto precisa che la flessione maggiore degli acquisti di latte è stata registrata nelle famiglie con un reddito più alto (-15,8%). Questo significa che la riduzione dei consumi non va ricondotta a fattori economici, quanto piuttosto all'affermarsi di nuovi modelli alimentari. A consumare meno latte, infatti, sono soprattutto le famiglie in cui a fare la spesa sono le persone più giovani (under 35), che sono più propense a sperimentare prodotti alimentari alternativi.

    Nel periodo 2012-2016 è aumentato tra le famiglie italiane il consumo di bevande alternative a base vegetale. Questi prodotti, alla luce della recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Euopea, non potranno più essere definiti “latte”. Sono aumentate anche le basi vegetali per la produzione di queste bevande (come riso e mandorle), anche se le più diffuse restano quelle a base di soia, che nel quinquennio considerato hanno registrato un incremento degli acquisti pari al 108%. Secondo Ismea, questo fenomeno è dovuto in parte al raddoppio del numero di famiglie acquirenti, in parte al significativo ampliamento della gamma e delle referenze offerte a scaffale.

    red. 12-07-2017 Tag: latteIsmeaconsumi domestici
Articoli correlati
  • Export formaggi italiani, raggiunto nuovo record nel primo semestre 2017

    Nel primo semestre 2017 le esportazioni di formaggi italiani hanno raggiunto un nuovo record: sono state esportate 202.243 tonnellate di prodotti a fronte di oltre 1,27 miliardi di euro di introiti, con un incremento del 7,7% in volume e del 9,5% in valore...

    22-09-2017
  • Comparto cerealicolo, produzione ha raggiunto valore di 4,2 miliardi di euro nel 2016

    Nel 2016 il valore della produzione ai prezzi di base del settore cerealicolo è stato di 4.189 milioni di euro, una quota pari al 15,5% del valore totale delle coltivazioni agricole (che ha raggiunto i 27 miliardi di euro). È quanto emerge dalla...

    20-09-2017
  • Consumi alimentari, in rialzo dopo 5 anni

    Dopo essere diminuita per cinque anni consecutivi, nel primo semestre 2017 la spesa degli italiani per l'acquisto dei beni alimentari è cresciuta del 2,5%, grazie all’aumento del 3,2% degli acquisti dei prodotti confezionati e dell'1,1% di quelli...

    18-09-2017
  • Il lino nell’alimentazione animale: una materia prima dalle molteplici proprietà

    I semi di lino sono usati come materia prima in alimentazione animale e, in particolare, nei ruminanti da latte e da carne, fin dal diciannovesimo secolo, sia come seme intero sia come panello o farina di estrazione. Il loro uso era prevalentemente associato ad...

    14-09-2017
  • Carne avicola: aumentano i consumi nel periodo 2012-2016

    Negli ultimi cinque anni i consumi di carne avicola sono cresciuti, soprattutto tra i giovani e gli over 65. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui nel quinquennio 2012-2016 il comparto avicolo ha spesso...

    11-09-2017