• Latte, consumi diminuiti del 7% nel quinquennio 2012-2016

    Print

    Cresciuti del 47% gli acquisti di latte senza lattosio

    Latte

    Negli ultimi cinque anni, i consumi di latte da parte delle famiglie italiane sono diminuiti del 7%. È quanto emerge dall’indagine “Acquisti domestici di latte: dinamiche e determinanti di scelta delle famiglie italiane nell’ultimo quinquennio (2012-2016)” pubblicata dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui il calo maggiore ha riguardato il latte fresco (-15% in quantità tra il 2016 e il 2012), mentre quello a lunga conservazione è riuscito a limitare le perdite (-3,2% in quantità). Sono invece cresciuti gli acquisti del latte alta digeribilità (senza lattosio), aumentati del 47% nel quinquennio preso in considerazione.

    L’Istituto precisa che la flessione maggiore degli acquisti di latte è stata registrata nelle famiglie con un reddito più alto (-15,8%). Questo significa che la riduzione dei consumi non va ricondotta a fattori economici, quanto piuttosto all'affermarsi di nuovi modelli alimentari. A consumare meno latte, infatti, sono soprattutto le famiglie in cui a fare la spesa sono le persone più giovani (under 35), che sono più propense a sperimentare prodotti alimentari alternativi.

    Nel periodo 2012-2016 è aumentato tra le famiglie italiane il consumo di bevande alternative a base vegetale. Questi prodotti, alla luce della recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Euopea, non potranno più essere definiti “latte”. Sono aumentate anche le basi vegetali per la produzione di queste bevande (come riso e mandorle), anche se le più diffuse restano quelle a base di soia, che nel quinquennio considerato hanno registrato un incremento degli acquisti pari al 108%. Secondo Ismea, questo fenomeno è dovuto in parte al raddoppio del numero di famiglie acquirenti, in parte al significativo ampliamento della gamma e delle referenze offerte a scaffale.

    red. 12-07-2017 Tag: latteIsmeaconsumi domestici
Articoli correlati
  • Ocse e Fao: prezzi agricoli più bassi nei prossimi 10 anni

    Nel prossimo decennio, i prezzi globali delle materie prime agro-alimentari dovrebbero restare bassi. Lo evidenzia il rapporto “Oecd-Fao Agricultural Outlook 2017-2026” pubblicate dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse)...

    17-07-2017
  • Agroalimentare, nel primo trimestre 2017 export cresciuto dell’8%

    Nel primo trimestre del 2017 le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono cresciute del 7,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, fino a sfiorare la soglia dei 10 miliardi di euro. Lo evidenzia il rapporto: “La bilancia...

    03-07-2017
  • Export salumi: Italia conquista leadership mondiale

    Nel 2016 l'Italia ha conquistato la leadership mondiale nel campo delle esportazioni di preparazioni e conserve suine. Con un valore complessivo di quasi 1,38 miliardi di euro, è riuscita infatti a superare la Germania e a conquistare il primo posto nella...

    19-06-2017
  • Consumi alimentari, registrata lieve crescita nel primo trimestre 2017

    Nel primo trimestre del 2017 i consumi alimentari delle famiglie italiane sono tornati a crescere. La spesa per gli acquisti agroalimentari è, infatti, aumentata dello 0,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Lo evidenzia il rapporto...

    12-06-2017
  • Settore suinicolo, prosegue trend positivo

    Prosegue la ripresa del settore suinicolo: dopo aver chiuso in positivo nel 2016, il comparto ha registrato un andamento favorevole anche durante i primi tre mesi di quest'anno. È quanto emerge dal rapporto “Tendenze suino” pubblicato da Ismea...

    07-06-2017