• Latte, consumi diminuiti del 7% nel quinquennio 2012-2016

    Print

    Cresciuti del 47% gli acquisti di latte senza lattosio

    Latte

    Negli ultimi cinque anni, i consumi di latte da parte delle famiglie italiane sono diminuiti del 7%. È quanto emerge dall’indagine “Acquisti domestici di latte: dinamiche e determinanti di scelta delle famiglie italiane nell’ultimo quinquennio (2012-2016)” pubblicata dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui il calo maggiore ha riguardato il latte fresco (-15% in quantità tra il 2016 e il 2012), mentre quello a lunga conservazione è riuscito a limitare le perdite (-3,2% in quantità). Sono invece cresciuti gli acquisti del latte alta digeribilità (senza lattosio), aumentati del 47% nel quinquennio preso in considerazione.

    L’Istituto precisa che la flessione maggiore degli acquisti di latte è stata registrata nelle famiglie con un reddito più alto (-15,8%). Questo significa che la riduzione dei consumi non va ricondotta a fattori economici, quanto piuttosto all'affermarsi di nuovi modelli alimentari. A consumare meno latte, infatti, sono soprattutto le famiglie in cui a fare la spesa sono le persone più giovani (under 35), che sono più propense a sperimentare prodotti alimentari alternativi.

    Nel periodo 2012-2016 è aumentato tra le famiglie italiane il consumo di bevande alternative a base vegetale. Questi prodotti, alla luce della recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Euopea, non potranno più essere definiti “latte”. Sono aumentate anche le basi vegetali per la produzione di queste bevande (come riso e mandorle), anche se le più diffuse restano quelle a base di soia, che nel quinquennio considerato hanno registrato un incremento degli acquisti pari al 108%. Secondo Ismea, questo fenomeno è dovuto in parte al raddoppio del numero di famiglie acquirenti, in parte al significativo ampliamento della gamma e delle referenze offerte a scaffale.

    red. 12-07-2017 Tag: latteIsmeaconsumi domestici
Articoli correlati
  • UE: nel 2018 produzione di carne bovina in lieve rialzo

    Nel 2018 la produzione di carne bovina nell’Unione Europea dovrebbe registrare un lieve incremento, pari allo 0,5%. Merito delle macellazioni di capi più pesanti e di giovani femmine non riutilizzate per la rimonta nella filiera del latte, secondo...

    20-07-2018
  • Sfatato mito: latte e latticini non fanno male al cuore

    Bere latte intero e mangiare yogurt e formaggi non mette in pericolo cuore e vasi sanguigni. Da una ricerca pubblicata su American Journal of Clinical Nutrition non è emersa infatti alcuna correlazione tra l'assunzione dei grassi contenuti nel latte e nei...

    14-07-2018
  • Bovini da carne, cresciuta redditività degli allevamenti nel 2017

    Nel 2017 la redditività degli allevamenti di bovini da carne è cresciuta. Lo evidenzia il rapporto “Rilevazione dei costi per partita de bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo...

    14-07-2018
  • Rapporto AgrOsserva: nel primo trimestre 2018 cresce produzione agricola

    Nel primo trimestre del 2018 la produzione agricola è tornata a crescere. Lo evidenzia il rapporto: “AgrOsserva La congiuntura agroalimentare I trimestre 2018” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare),...

    10-07-2018
  • Mercato ovicaprino europeo: “strategica” la produzione italiana

    La produzione ovicaprina italiana occupa una posizione “strategica” all’interno del mercato europeo. Anche se rappresenta solo il 4% della produzione europea e non ha grande rilevanza a livello economico - nel 2017 costituiva l'1,2% del totale...

    27-06-2018