• Usda: produzione statunitense di soia e mais in crescita

    Print
    Cereali mangimi %c2%a9 frank seifert   fotolia

    Nella stagione 2017/18 la produzione statunitense di mais e di soia dovrebbe crescere, grazie all’aumento dei terreni coltivati con queste colture e agli ingenti raccolti. È quanto emerge dal rapporto “World agricultural supply and demand estimates” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui i rendimenti di entrambe le piante dovrebbero però restare invariati.

    Mais - Secondo le previsioni, nella stagione 2017/18 le forniture, il consumo, l'utilizzo residuo e le scorte di mais saranno più elevati. L’Usda stima che la produzione di mais dovrebbe raggiungere i 190 milioni di bushel, grazie all’incremento delle superfici coltivate con il cereale e agli ingenti raccolti. Il rendimento medio nazionale del mais dovrebbe invece restare invariato a 170,7 bushel per acro. L’utilizzo residuo dovrebbe aumentare di 50 milioni di bushel, mentre le scorte finali dovrebbero essere più alte di 215 milioni di bushel rispetto al mese precedente. Il prezzo medio stagionale del mais è diminuito di 10 centesimi, attestandosi tra un minimo di 2,90 a un massimo di 3,70 dollari per bushel.

    Soia – La produzione statunitense di semi oleosi nella stagione 2017/18 dovrebbe raggiungere i 127 milioni di tonnellate, circa 0,2 milioni in più rispetto al mese precedente. L’incremento del raccolto di soia, colza e arachidi appare solo parzialmente compensato da una minore produzione di semi di girasole e cotone. Nello specifico, la produzione di semi di soia dovrebbe toccare i 4.260 milioni di bushel, registrando un incremento di 5 milioni di bushel a causa dell’aumento dell’area coltivata con il legume. L'area del raccolto, precedentemente stimata in 88,7 milioni di ettari, dovrebbe aumentare di 0,1 milioni ettari rispetto al mese scorso.
    Il rendimento della soia dovrebbe restare invariato, mantenendosi a 48 bushel per acro. Le scorte del legume dovrebbero invece diminuire di 35 milioni di bushel, attestandosi a 465 milioni. Si stima che le esportazioni di soia statunitense nella stagione 2016/17 siano pari a 2.100 milioni di bushel, 50 milioni di bushel in più rispetto alla stagione precedente. Il prezzo medio dei semi di soia dovrebbe attestarsi tra 8,40 a 10,40 dollari per bushel, registrando una crescita di 0,10 dollari. Le quotazioni della farina di soia dovrebbero invece raggiungere una cifra compresa tra 300 e 340 dollari a tonnellata, con un aumento di 5 dollari a tonnellata. Infine, i listini dell’olio di soia dovrebbero restare invariati, attestandosi intorno ai 30-34 centesimi per libbra (454 grammi).

    Foto: © Frank Seifert - Fotolia

    red. 19-07-2017 Tag: maissoiaagricolturaUSDA
Articoli correlati
  • Stati Uniti, raccolta mais a rilento

    Meno mais rispetto allo scorso anno. Negli Stati Uniti la fase di raccolta resta indietro rispetto al 2016: allora – a metà ottobre – era stato mietuto il 44% delle colture, quest'anno solo circa il 28%, a fronte di una media del periodo...

    19-10-2017
  • Studio: prodotta varietà di mais ricca di metionina

    Gli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) hanno individuato il modo di migliorare produzione  di un alimento decisivo per mangimi e prodotti alimentari, come il mais. Sono riusciti ad aumentare la presenza nel grano di una sostanza...

    11-10-2017
  • Sicurezza alimentare, messa in pericolo da guerre e shock climatici

    La produzione globale di cibo è in aumento, ma le guerre e gli shock climatici mettono a rischio la sicurezza alimentare. È quanto emerge dal rapporto: “Crop Prospects and Food Situation” pubblicato dall’Organizzazione per...

    06-10-2017
  • Fao, sette esempi di come la tecnologia avanzata migliori agricoltura e cibo

    Le tecnologie avanzate, come quelle utilizzate dal nucleare, possono migliorare le pratiche agricole e incrementare la produzione di cibo. Lo sostiene l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui...

    05-10-2017
  • Rete nazionale pubblica di confronto varietale mais: supporto alla ricerca maidicola

    Il mais italiano, negli ultimi anni è stato investito da problematiche di varia natura che hanno determinato un importante e preoccupante calo della superficie coltivata e del tasso di autoapprovvigionamento del nostro paese. Negli ultimi dieci anni...

    05-10-2017