• Micotossine, il mercato dei detossificatori in crescita del 3,5% annuo fino al 2022

    Print

    Superati i 2 milioni di dollari nel 2016

    Mais ogm

    Nel 2016 il mercato dei detossificatori contro le micotossine ha superato i 2 milioni di dollari, e dovrebbe continuare a crescere anche nel quinquennio successivo. È quanto emerge dal rapporto: “Feed mycotoxin detoxifiers market - Global trends, dynamics and forecasts (2017 - 2022)” pubblicato dalla compagnia Mordor Intelligence, secondo cui tra il 2017 e il 2022 questo settore commerciale dovrebbe crescere a un Cagr (tasso di crescita annuale composto) del 3,5%.

    La relazione evidenzia che lo scorso anno il mercato degli agenti detossificanti ha raggiunto i 2.037,47 milioni di dollari, ed entro il 2022 dovrebbe arrivare a 2.341,8 milioni di dollari. Questi prodotti sono utilizzati negli alimenti per animali per impedire che vengano contaminati dalle micotossine, un gruppo di sostanze chimiche tossiche prodotte dai funghi. È noto che le micotossine siano pericolose per la salute del bestiame - soprattutto bovini e pollame -, esponendo gli animali allo sviluppo di malattie infettive, disturbi all’apparato riproduttivo, danni epatici e renali.

    Negli ultimi anni, secondo il rapporto, l’impiego dei detossificatori nei mangimi è cresciuto soprattutto in Cina, India, Brasile, dove il miglioramento delle condizioni economiche della popolazione ha determinato un incremento del consumo di carne. Il mercato di questi prodotti dovrebbe crescere soprattutto nell’area Asia-Pacifico, dove il Cagr dovrebbe raggiungere il 3,77%. L’Europa si classifica, invece, al secondo posto: nel periodo 2017-2022 qui il Cagr dovrebbe attestarsi intorno al 3,13%.

    redazione 20-07-2017 Tag: micotossineagenti detossificanticarnemangimialimentazione animalebenessere animale
Articoli correlati
  • Impronta ambientale, l'impegno di Fefac per la sostenibilità

    La creazione di un mercato comune ecosostenibile passa anche attraverso l'analisi dell'impatto ambientale dell'alimentazione animale. Per questo motivo la Fefac, la Federazione europea dei produttori di mangimi, si è unita con i produttori nazionali...

    18-10-2017
  • Insetti per alimentare i pesci: un futuro già presente

    In questi ultimi anni si è assistito ad un forte interesse verso gli effetti prodotti dall’introduzione di farine di insetti nei mangimi sulla biologia e sulla qualità dei pesci di allevamento. Le specie di pesce principalmente allevate in...

    16-10-2017
  • Allevamento animale, uno studio evidenzia vantaggi e sostenibilità

    La produzione di alimenti di origine animale contribuisce a garantire la sicurezza alimentare globale. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Global Food Security da un team di ricercatori dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura...

    16-10-2017
  • Bovini da carne, mercato in ripresa

    Dopo anni di crisi, il mercato dei bovini mostra segni di ripresa. Nei primi 9 mesi del 2017, sono infatti aumentati i prezzi di tutte le categorie dei bovini da carne: i listini delle vacche hanno registrato un rialzo dell’11%, quelli dei vitelloni del 5%...

    16-10-2017
  • Materie prime alimentari, a settembre quotazioni in rialzo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari hanno registrato un lieve rialzo. La riduzione dei listini dei cereali di base è stata, infatti, compensata dall’aumento delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo...

    13-10-2017