• Studio: nuove colture elimineranno parassiti disattivandone i geni

    Print

    Trovato il modo di sfruttare l'interferenza dell'RNA

    Dna ricerca %c2%a9 alex011973   fotolia.com

    Individuata una tecnica che fra 6-7 anni permetterà di fare a meno degli insetticidi: è possibile progettare le piante affinché uccidano i loro parassiti, modificandone il Dna. Lo evidenziano gli scienziati del Max-Planck-Institut für Molekulare Pflanzenphysiologie di Postdam (Germania), che hanno esaminato il modo d’inserire nelle colture frammenti specifici di RNA che, dopo essere stati ingeriti dagli insetti, provocano la disattivazione dei geni essenziali per la vita o per la riproduzione, determinando l'uccisione o la sterilizzazione degli insetti.

    Durante uno studio pubblicato sulla rivista Trends in Biotechnology, i ricercatori hanno vagliato le possibilità di sfruttare il meccanismo definito “interferenza dell'RNA” (RNAi), attraverso il quale alcuni frammenti di RNA sono in grado d’interferire e di spegnere l'espressione genica. A loro avviso, fra 6-7 anni potrebbe essere possibile realizzare piante capaci di utilizzare questo meccanismo contro i parassiti, disattivando i geni che permettono agli insetti di sopravvivere o di riprodursi. L’impiego di questa tecnica potrebbe avere un impatto positivo sulla produttività dei raccolti, che non sarebbero più danneggiati dai parassiti, e sull’ambiente, perché renderebbe superfluo il ricorso agli insetticidi. Inoltre, non dovrebbe generare preoccupazioni circa l’eventuale tossicità delle colture per gli esseri umani.

    "Il controllo dei parassiti basato sull'interferenza dell’RNA può fornire protezione e non avrebbe alcun costo, perché una volta che la varietà è stata sviluppata, la pianta potrebbe continuare ad usarlo invece di richiedere altre applicazioni di insetticida - afferma Ralph Bock, che ha coordinato l’indagine -. Le obiezioni mosse contro le proteine transgeniche implicano preoccupazioni sulla loro possibile tossicità o allergenicità per gli esseri umani, ma con la strategia d’interferenza dell’RNA non viene prodotta nessuna proteina, solo un RNA supplementare”.

    Foto. © Alex011973 - Fotolia.com

    redazione 04-08-2017 Tag: COLTUREinterferenza dell'RNAparassitiinsetticidibiotecnologie
Articoli correlati
  • Riso resistente ai parassiti: la ricerca scopre un recettore-scudo

    Un super recettore per migliorare la resistenza del riso al fungo responsabile della più grave malattia che lo colpisce. E l’editing genetico potrebbe dare un contributo decisivo per introdurre nella pianta il gene che codifica per questo recettore....

    04-09-2019
  • Editing genetico, Iss e Cnr per differenziazione con prodotti Ogm

    Sul biotech l’Istituto superiore di Sanità è al fianco del Cnr. La proposta del Consiglio nazionale delle Ricerche sulle nuove tecnologie applicate in agricoltura ha incassato il sostegno dell’Iss. Come riassunto dalla relatrice...

    25-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019
  • Agricoltura, individuati punti deboli dei nematodi

    Identificati i punti deboli dei nematodi, piccoli parassiti che s’inseriscono nelle radici delle piante ostacolandone lo sviluppo. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plos One dagli scienziati dell'Università del New...

    15-05-2019
  • Agricoltura, autorizzata in Belgio sperimentazione mais modificato con tecnica Crispr

    In Europa è stata autorizzata la sperimentazione sul campo del mais realizzato con la tecnica Crispr. Il 12 aprile 2019 l’istituto di ricerca Vib (Vlaams Instituut voor Biotechnologie) di Flanders (Belgio) ha ottenuto il permesso di seminare le...

    27-04-2019