• AgrOsserva, il settore agricolo italiano continua a crescere

    Print

    Bene l’occupazione, gli investimenti e l’export

    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    L'agricoltura italiana continua a crescere. Lo evidenzia l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui in un contesto di crescita complessiva dell'economia italiana, il settore agricolo continua a registrare performance positive. Secondo il rapporto “AgrOsserva” relativo al primo e al secondo trimestre del 2017, sono migliorati i dati relativi all'occupazione, agli investimenti e agli scambi internazionali. Inoltre, è cresciuto il numero delle imprese agricole condotte da giovani.

    Occupazione - Il numero degli occupati nel settore agricolo è aumentato dell’1,3% durante il primo trimestre 2017, grazie all’incremento del 6,7% dei dipendenti e del 9,3% delle imprese agricole giovanili. L’istituto sottolinea che le imprese agricole under 35 in Italia, presenti nel Registro delle Imprese, sono circa 50.000, pari al 6,6% del totale.

    Investimenti – Il Rapporto evidenzia un incremento del 33,3% delle erogazioni di prestiti oltre il breve termine nel primo trimestre. Questo dato, trainato dall'entrata a regime dei bandi Psr, secondo l’Ismea potrebbe favorire una crescita degli investimenti nel prossimo biennio, come avvenuto nel 2016 (+3,1%).

    Scambi commerciali – Nei primi 4 mesi del 2017 l’export dei prodotti dell'industria alimentare e delle bevande è cresciuto de 5,5%. Secondo l’Istituto, l’aumento degli scambi con l’estero di prodotti agroalimentari, anche in entrata, rappresenta un segnale di nuovo dinamismo, visto che l’incremento delle importazioni di materie prime e di semilavorati agroalimentari può riflettere un’intensificazione dell’attività produttiva dell’intera filiera.

    Consumi domestici – L’Ismea sottolinea che un altro segnale positivo proviene dagli acquisti domestici, che nel periodo gennaio-giugno sono cresciuti del 2,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    red. 07-08-2017 Tag: agricolturaIsmeaexportoccupazioneagroalimentare
Articoli correlati
  • Malnutrizione, per combatterla arriva il riso “multi-nutriente”

    Prodotto un riso "multi-nutriente" arricchito con ferro, zinco e beta-carotene. Lo comunicano, in uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, gli scienziati del Politecnico federale di Zurigo (Svizzera) che sono riusciti a modificare geneticamente le...

    18-08-2017
  • Analisi della bilancia agro-alimentare italiana nel 2016

    Secondo i dati Istat, relativi al 2016, il valore delle esportazioni agroalimentari italiane (inclusi i tabacchi) è risultato pari a 36,4 miliardi di euro (+4,3% rispetto al 2015), a fronte di un import di 41,5 miliardi di euro (+0,3%), con un disavanzo,...

    31-07-2017
  • Produzione mondiale di soia: cresciuta di oltre il 230% in 26 anni

    A partire dal 1990, la produzione mondiale di soia è cresciuta significativamente: ha, infatti, registrato un aumento del 231%. Lo afferma l'economista David A. Widmar, economista della Purdue University, nel suo blog “Agricultural Economics...

    28-07-2017
  • Ricerca: in arrivo il riso alla vitamina A

    Presto sarà prodotta una varietà di riso arricchita con la vitamina A. Lo hanno annunciato gli scienziati dell’Albert-Ludwigs-Universität di Freiburg (Germania), secondo cui la nuova coltura potrebbe aiutare a combattere la malnutrizione...

    25-07-2017
  • Commercio agricolo, la definizione degli standard alimentari dev'essere condivisa

    Per poter trarre vantaggio dal commercio mondiale in piena espansione e per prepararsi agli imminenti cambiamenti tecnologici, i Paesi devono partecipare allo sviluppo degli standard alimentari internazionali per gli scambi commerciali. Lo sostiene il rapporto...

    21-07-2017