• Acquacoltura, potrebbe soddisfare domanda globale di pesce utilizzando piccole porzioni di oceani

    Print

    Lo suggerisce uno studio americano

    Pesci acquacoltura

    L’acquacoltura potrebbe consentire di soddisfare la domanda globale di pesce utilizzando solo piccole porzioni degli oceani. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Nature Ecology & Evolution dai ricercatori statunitensi dell’Università della California di Santa Barbara e della National Oceanic and Atmospheric Administration di Honolulu, secondo cui basterebbe lo 0,025% del territorio oceanico per soddisfare la richiesta di prodotti ittici della popolazione mondiale.

    Nel corso della ricerca, gli autori hanno esaminato la fisiologia di 180 specie di pesci che potrebbero essere allevate. Inoltre, hanno verificato quali fossero gli ambienti più favorevoli per la crescita di ciascuna specie. In particolare, hanno esaminato diversi dati, come la profondità oceanica, la temperatura e le esigenze biologiche di tutte le specie. Hanno anche escluso le zone marine che sono ritenute impraticabili a causa delle attuali tecnologie: gli scienziati spiegano che la metà dell'oceano potrebbe essere utilizzata per l’acquacoltura in futuro, ma in questo momento non ci sono le possibilità tecnologiche di farlo in modo efficace.

    Al termine dell’indagine, i ricercatori hanno concluso che la domanda globale di pesce potrebbe essere soddisfatta utilizzando piccole porzioni di oceani. Nello specifico, ritengono che un’area di dimensioni simili a quelle del Lago Michigan potrebbe teoricamente fornire la stessa quantità di pesce di quello raccolto dai pescherecci di tutto il mondo. Questa scoperta potrebbe avere un impatto positivo sulle persone e sull’ambiente: l’acquacoltura potrebbe, infatti, soddisfare il bisogno di cibo della popolazione e proteggere, nello stesso tempo, l’habitat marino.

    “Abbiamo bisogno di reperire maggiori quantità di proteine per soddisfare il fabbisogno proteico della popolazione mondiale in crescita – osserva Peter Kareiva, che ha preso parte alla ricerca -. Questo studio dimostra che i pesci d’allevamento nell'oceano potrebbero svolgere un ruolo importante per nutrire le persone senza degradare il nostro oceano e senza che vi sia uno sfruttamento eccessivo della pesca delle specie selvatiche”.

    red. 04-09-2017 Tag: acquacolturaoceanipesciprodotti ittici
Articoli correlati
  • Farina di microalghe, potrebbe sostituire efficacemente olio e farina di pesce

    La farina di microalghe potrebbe sostituire efficacemente l’olio e la farina di pesce all’interno dei mangimi. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Aquaculture dai ricercatori dell’Università di Sonora (Messico)...

    02-07-2019
  • Consumi domestici, in calo domanda di pesce

    Nel 2018 la spesa delle famiglie italiane per il pesce è rallentata: dopo la crescita registrata nel 2017, gli acquisti di prodotti ittici in Italia hanno subito un calo di quasi il 2%. Lo comunica l’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato...

    16-05-2019
  • Acidificazione oceani, un pericolo per pesca e acquacoltura

    L'acidificazione degli oceani potrebbe danneggiare l'habitat delle specie marine, provocare la perdita della biodiversità e mettere in pericolo la pesca e l'acquacoltura. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Emerging Topics in Life Sciences...

    10-05-2019
  • Mangimi, produzione record nel 2018: superati 1,1 miliardi di tonnellate

    Nel 2018 la produzione globale di mangimi ha stabilito un nuovo record: è cresciuta del 3% rispetto all’anno precedente, fino a superare 1,1 miliardi di tonnellate. Lo rileva il rapporto “2019 Alltech Global Feed Survey” pubblicato dalla...

    10-02-2019
  • Acquacoltura: co-prodotti di alghe al posto di farina di pesce nei mangimi

    L’impiego di co-prodotti di alghe marine potrebbe efficacemente sostituire l’utilizzo delle farine di pesce all’interno dei mangimi destinati ai prodotti ittici. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Plos One dagli scienziati del...

    31-08-2018