• Probiotici per mangimi, fino al 2022 mercato in crescita oltre il 7% annuo

    Print

    Previsto fatturato di 5,07 miliardi di dollari entro cinque anni

    %c2%a9 branex   fotolia.com 8 allevamenti animali

    Il mercato dei probiotici per mangimi dovrebbe crescere a un Cagr (tasso di crescita annuale composto) del 7,7% fino al 2022, raggiungendo un fatturato di 5,07 miliardi di dollari. È quanto emerge dal rapporto "Probiotics in Animal Feed Market by Livestock (Poultry, Cattle, Swine, Aquaculture), Source (Bacteria (Lactobacilli, Streptococcus Thermophilus, Bifidobacteria), and Yeast), Form (Dry and Liquid), and Region - Global Forecast to 2022” pubblicato da MarketsandMarkets™, secondo cui lo sviluppo del settore sarebbe dovuto principalmente a tre fattori: la maggiore consapevolezza dell’importanza della salute degli animali, l’incremento della domanda di mangimi ricchi di sostanze nutritive e la crescente richiesta di carne di qualità.

    Prevale l’acquisto dei batteri - Il rapporto ha suddiviso il mercato dei probiotici per mangimi in due segmenti: quello costituito da batteri (Lactobacilli, Bifidobacteria, Streptococcus thermophilus) e quello rappresentato dai lieviti. L’analisi ha dimostrato che nel 2016 le maggiori vendite sono state registrate dal settore dei batteri, che vengono preferiti dai produttori di alimenti per animali perché arrecano diversi benefici in termini di salute: provocano l'aumento della produzione di lattasi, prevengono la diarrea, proteggono contro la sindrome dell'intestino irritabile e rafforzano le difese immunitarie.

    Preferiti i probiotici secchi - Il segmento dei probiotici in forma secca ha conservato la quota maggiore del mercato nel 2016. Questi prodotti sono, infatti, un ingrediente adatto agli alimenti trasformati e, inoltre, l'impiego dei probiotici a secco aiuta a migliorare la durata dei mangimi, riducendo i costi di stoccaggio.

    La regione Asia-Pacifico domina il mercato - Nel 2016 l’Asia-Pacifico ha guidato il mercato globale dei probiotici per mangimi, per diversi motivi: nella regione sono presenti grandi allevamenti di bestiame, viene consumata molta carne ed è cresciuta la consapevolezza del consumatore sugli effetti positivi dei probiotici sulla salute degli animali. In particolare, il rapporto evidenzia che il cambiamento del regime alimentare delle popolazioni di quest’area ha determinato un aumento del consumo di carne, che a sua volta ha incentivato l'industrializzazione della produzione di carne di qualità. Di conseguenza, l’aumento della domanda di bestiame in salute sta alimentando la richiesta di probiotici per mangimi.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    redazione 30-08-2017 Tag: probioticimercatomangimialimentazione animalesalute animale
Articoli correlati
  • Impronta ambientale, l'impegno di Fefac per la sostenibilità

    La creazione di un mercato comune ecosostenibile passa anche attraverso l'analisi dell'impatto ambientale dell'alimentazione animale. Per questo motivo la Fefac, la Federazione europea dei produttori di mangimi, si è unita con i produttori nazionali...

    18-10-2017
  • Insetti per alimentare i pesci: un futuro già presente

    In questi ultimi anni si è assistito ad un forte interesse verso gli effetti prodotti dall’introduzione di farine di insetti nei mangimi sulla biologia e sulla qualità dei pesci di allevamento. Le specie di pesce principalmente allevate in...

    16-10-2017
  • Bovini da carne, mercato in ripresa

    Dopo anni di crisi, il mercato dei bovini mostra segni di ripresa. Nei primi 9 mesi del 2017, sono infatti aumentati i prezzi di tutte le categorie dei bovini da carne: i listini delle vacche hanno registrato un rialzo dell’11%, quelli dei vitelloni del 5%...

    16-10-2017
  • Studio: prodotta varietà di mais ricca di metionina

    Gli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) hanno individuato il modo di migliorare produzione  di un alimento decisivo per mangimi e prodotti alimentari, come il mais. Sono riusciti ad aumentare la presenza nel grano di una sostanza...

    11-10-2017
  • Fao: occorre estendere vaccinazioni per fermare dermatite nodulare contagiosa

    Bisogna estendere le vaccinazioni del bestiame per poter tenere sotto controllo la dermatite nodulare contagiosa nell’Europa dell'Est e nei Balcani, ed evitare che possa diffondersi anche nei Paesi vicini. Lo sostiene l’Organizzazione per...

    10-10-2017