• Comparto cerealicolo, produzione ha raggiunto valore di 4,2 miliardi di euro nel 2016

    Print

    Il fatturato dell’industria mangimistica ha superato i 6 milioni di euro

    Agricoltura cereali mangimi %c2%a9 branex   fotolia.com

    Nel 2016 il valore della produzione ai prezzi di base del settore cerealicolo è stato di 4.189 milioni di euro, una quota pari al 15,5% del valore totale delle coltivazioni agricole (che ha raggiunto i 27 miliardi di euro). È quanto emerge dalla scheda di settore dedicata ai cereali da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui il fatturato dell’industria mangimistica è stato di 6.020 milioni di euro.

    L’Isituto precisa che le produzioni cerealicole più rilevanti per il comparto cerealicolo nel 2016 sono state il frumento tenero, il frumento duro, il mais e l’orzo, che nel complesso rappresentano l’82% del valore totale del settore. Evidenzia inoltre, con riferimento alle fasi industriali, che i fatturati dell'industria molitoria (3,5 mld euro), pastaria (4,7 mld euro) e mangimistica (6 mld euro) hanno rappresentato, nel complesso, poco meno dell'11% del fatturato totale dell'industria agroalimentare nazionale, pari a 132 miliardi di euro nel 2016.

    Per quanto riguarda i prezzi all’origine della granella, l’Ismea precisa che il mercato italiano dei cereali dipende fortemente dalle dinamiche internazionali e dagli elevati quantitativi importati. Negli ultimi tre anni l’offerta e le scorte mondiali di frumento e mais hanno raggiunto livelli record, provocando un calo dei listini all’origine. Nel 2017, invece, è prevista una flessione delle variabili di mercato che sta determinando una rivalutazione dei prezzi della granella.


    In relazione alla domanda interna, l’Istituto sottolinea che i consumi domestici rappresentano uno degli aspetti più critici della filiera italiana del frumento. Il cambiamento delle abitudini alimentari e degli stili di vita hanno, infatti, inciso in maniera determinante sugli acquisti delle famiglie italiane, determinando una lenta ma costante riduzione dei consumi di pasta e pane. È invece cresciuta significativamente la domanda dei prodotti sostituti del pane.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    redazione 20-09-2017 Tag: cerealiIsmeaproduzioneconsumi domesticiprezziindustria mangimistica
Articoli correlati
  • Export agroalimentare, toccati i 10 miliardi di euro nel primo trimestre 2018

    Export italiano ancora in espansione. Dopo i risultati molto soddisfacenti del 2017, che si è chiuso con un incremento del 6,8%, si confermano i numeri positivi anche nel 2018. Il primo trimestre, infatti, ha fatto registrare un aumento del 3,3% rispetto...

    22-05-2018
  • Carne, continuano a crescere i consumi in Italia

    La crisi dei consumi di carne bovina sembra andare verso la risoluzione. Dopo i risultati incoraggianti della fine dello scorso anno, i primi tre mesi del 2018 confermano il buon andamento. Lo riferisce l'Ismea, l'Istituto di Servizi per il mercato agricolo...

    20-05-2018
  • Carne, in Europa produzione stabile

    La stabilità ha caratterizzato il mercato della carne bovina in Europa. Nel 2017 – come rilevato dall'Ismea, l'Istituto di Servizi per il mercato agricolo alimentare – il livello di produzione è lievemente sceso dello 0,4%. Tuttavia i...

    18-05-2018
  • Latte, diminuiscono i prezzi per gli allevatori

    Quotazioni in calo per il latte italiano in un mercato lattiero-caseario sotto tensione. A marzo il prezzo medio percepito dagli allevatori italiani è sceso infatti di 3 euro rispetto alla fine dello scorso anno. A riferirlo è l'Ismea, l'Istituto...

    15-05-2018
  • Latte, nel 2018 aumenta la produzione nell'Unione Europea

    Tiene l'offerta mondiale di latte. Nell'Unione Europea, nei primi due mesi del 2018, le consegne sono cresciute del 3,5%, negli Stati Uniti la produzione rimane dinamica mentre l'Australia sta invertendo la rotta dopo le difficoltà della campagna...

    14-05-2018