• Comparto cerealicolo, produzione ha raggiunto valore di 4,2 miliardi di euro nel 2016

    Print

    Il fatturato dell’industria mangimistica ha superato i 6 milioni di euro

    Agricoltura cereali mangimi %c2%a9 branex   fotolia.com

    Nel 2016 il valore della produzione ai prezzi di base del settore cerealicolo è stato di 4.189 milioni di euro, una quota pari al 15,5% del valore totale delle coltivazioni agricole (che ha raggiunto i 27 miliardi di euro). È quanto emerge dalla scheda di settore dedicata ai cereali da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui il fatturato dell’industria mangimistica è stato di 6.020 milioni di euro.

    L’Isituto precisa che le produzioni cerealicole più rilevanti per il comparto cerealicolo nel 2016 sono state il frumento tenero, il frumento duro, il mais e l’orzo, che nel complesso rappresentano l’82% del valore totale del settore. Evidenzia inoltre, con riferimento alle fasi industriali, che i fatturati dell'industria molitoria (3,5 mld euro), pastaria (4,7 mld euro) e mangimistica (6 mld euro) hanno rappresentato, nel complesso, poco meno dell'11% del fatturato totale dell'industria agroalimentare nazionale, pari a 132 miliardi di euro nel 2016.

    Per quanto riguarda i prezzi all’origine della granella, l’Ismea precisa che il mercato italiano dei cereali dipende fortemente dalle dinamiche internazionali e dagli elevati quantitativi importati. Negli ultimi tre anni l’offerta e le scorte mondiali di frumento e mais hanno raggiunto livelli record, provocando un calo dei listini all’origine. Nel 2017, invece, è prevista una flessione delle variabili di mercato che sta determinando una rivalutazione dei prezzi della granella.


    In relazione alla domanda interna, l’Istituto sottolinea che i consumi domestici rappresentano uno degli aspetti più critici della filiera italiana del frumento. Il cambiamento delle abitudini alimentari e degli stili di vita hanno, infatti, inciso in maniera determinante sugli acquisti delle famiglie italiane, determinando una lenta ma costante riduzione dei consumi di pasta e pane. È invece cresciuta significativamente la domanda dei prodotti sostituti del pane.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    redazione 20-09-2017 Tag: cerealiIsmeaproduzioneconsumi domesticiprezziindustria mangimistica
Articoli correlati
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • IGC: soia verso annata record, in calo la produzione di grano

    Previsioni in chiaroscuro per il settore cerealicolo mondiale. Se la produzione di grano e altri cereali è prevista in calo, per il mais e la soia i mercati saranno più dinamici. Sono le indicazioni degli esperti dell'International Grains Council...

    02-08-2018
  • Agroalimentare: made in Italy più forte dopo la crisi

    Dopo aver attraversato per dieci anni un periodo di crisi, il comparto agroalimentare italiano appare più forte di prima. Lo rileva il “Rapporto sulla competitività dell'agroalimentare italiano” elaborato da Ismea (Istituto di servizi...

    26-07-2018
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018
  • UE: nel 2018 produzione di carne bovina in lieve rialzo

    Nel 2018 la produzione di carne bovina nell’Unione Europea dovrebbe registrare un lieve incremento, pari allo 0,5%. Merito delle macellazioni di capi più pesanti e di giovani femmine non riutilizzate per la rimonta nella filiera del latte, secondo...

    20-07-2018