• Miglio perlato e resistenza alla siccità: il ruolo dei geni

    Print
    Campi coltivati

    Il sequenziamento del genoma del miglio perlato potrebbe permettere di migliorare la resistenza delle colture in condizioni ambientali estreme. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology da un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Yves Vigouroux dell’Università di Montpellier (Francia) e da Xun Xu del China National GeneBank di Shenzen (Cina), che ha indagato i meccanismi molecolari che permettono al cereale di crescere nelle zone aride e semiaride di Africa, India e Asia.

    “Il primo passo per scoprire i meccanismi molecolari di qualsiasi organismo vivente, dalle piante agli animali fino ai microbi - spiega Wolfram Weckwerth, presidente del Vienna Metabolomics Center dell'Università di Vienna (Austria), che ha preso parte alla ricerca –, consiste nel sequenziare e analizzare il suo genoma, il suo proteoma e il suo metaboloma”.

    Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno quindi sequenziato ed esaminato il genoma di 994 varietà, coltivate e selvatiche, di miglio perlato. Al termine dell’analisi, hanno scoperto le proprietà molecolari su base genomica responsabili della resistenza alla siccità del cereale. Secondo gli autori, i dati raccolti nel corso dello studio potrebbero consentire ai ricercatori e agli agricoltori di sviluppare colture capaci di nascere e prosperare anche in condizioni climatiche avverse.

    In un altro studio pubblicato sulla rivista Journal of Proteomics, un team di scienziati autro-indiano ha esaminato i cambiamenti del metaboloma e del proteoma che potrebbero essere correlati alla resistenza alla siccità del miglio perlato. I risultati di entrambe le indagini forniscono indizi sui meccanismi molecolari e fisiologici che permettono a queste piante di adattarsi alla carenza di acqua e al caldo e, al tempo stesso, di conservare un rendimento elevato.

    red. 21-09-2017 Tag: miglio perlatocerealiCOLTUREgenomasiccità
Articoli correlati
  • Usda, calo previsioni su carryover di grano e soia statunitensi

    Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) nel rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimates”, pubblicato il 12 dicembre, ha alzato del 3% le previsioni riguardanti il riporto da esercizi precedenti (carryover) del grano...

    15-12-2017
  • Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si...

    13-11-2017
  • Ridistribuire 14 colture per soddisfare fabbisogno nutrizionale di quasi un miliardo di persone

    Modificare la distribuzione globale di 14 colture potrebbe permettere di soddisfare il bisogno di cibo di altri 825 milioni di persone e di ridurre il consumo idrico. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience dagli scienziati...

    08-11-2017
  • Commodities alimentari, prezzi in ribasso a settembre

    A ottobre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa della flessione dei listini dei prodotti lattiero-caseari. Ma sono scesi anche quelli di carne, oli vegetali e zucchero. In media, le quotazioni delle commodities risulta...

    06-11-2017
  • Agricoltura: riso, grano e orzo hanno iniziato a evolversi 30 mila anni fa

    I popoli antichi avrebbero iniziato a influenzare l'evoluzione delle colture già 30.000 anni fa. Lo hanno scoperto, durante uno studio pubblicato sulla rivista Philosophical Transactions of the Royal Society B, gli scienziati dell’Institute of...

    31-10-2017