• Miglio perlato e resistenza alla siccità: il ruolo dei geni

    Print
    Campi coltivati

    Il sequenziamento del genoma del miglio perlato potrebbe permettere di migliorare la resistenza delle colture in condizioni ambientali estreme. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology da un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Yves Vigouroux dell’Università di Montpellier (Francia) e da Xun Xu del China National GeneBank di Shenzen (Cina), che ha indagato i meccanismi molecolari che permettono al cereale di crescere nelle zone aride e semiaride di Africa, India e Asia.

    “Il primo passo per scoprire i meccanismi molecolari di qualsiasi organismo vivente, dalle piante agli animali fino ai microbi - spiega Wolfram Weckwerth, presidente del Vienna Metabolomics Center dell'Università di Vienna (Austria), che ha preso parte alla ricerca –, consiste nel sequenziare e analizzare il suo genoma, il suo proteoma e il suo metaboloma”.

    Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno quindi sequenziato ed esaminato il genoma di 994 varietà, coltivate e selvatiche, di miglio perlato. Al termine dell’analisi, hanno scoperto le proprietà molecolari su base genomica responsabili della resistenza alla siccità del cereale. Secondo gli autori, i dati raccolti nel corso dello studio potrebbero consentire ai ricercatori e agli agricoltori di sviluppare colture capaci di nascere e prosperare anche in condizioni climatiche avverse.

    In un altro studio pubblicato sulla rivista Journal of Proteomics, un team di scienziati autro-indiano ha esaminato i cambiamenti del metaboloma e del proteoma che potrebbero essere correlati alla resistenza alla siccità del miglio perlato. I risultati di entrambe le indagini forniscono indizi sui meccanismi molecolari e fisiologici che permettono a queste piante di adattarsi alla carenza di acqua e al caldo e, al tempo stesso, di conservare un rendimento elevato.

    red. 21-09-2017 Tag: miglio perlatocerealiCOLTUREgenomasiccità
Articoli correlati
  • Indice Fao, prezzi in calo per le materia prime alimentari

    A giugno i prezzi internazionali delle materie prime alimentari sono diminuiti per la prima volta nel 2018, nonostante si preveda una riduzione della produzione globale. Secondo l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao)...

    08-07-2018
  • Usda: crescono coltivazioni di grano, diminuiscono quelle di mais e soia

    Nel 2018 la superficie destinata alla coltivazione del grano negli Stati Uniti dovrebbe raggiungere i 47,821 milioni di acri, l'1% in più rispetto alle precedenti stime effettuate a marzo e il 4% in più rispetto al 2017. Ma nonostante...

    06-07-2018
  • Grano, il ruolo dell'Asia come importatore

    L’Asia è destinata a ricoprire un ruolo sempre più rilevante nel mercato globale dei cereali. La domanda di questi prodotti da parte del continente asiatico dovrebbe infatti continuare a crescere, grazie al proliferare delle classi medie. Lo...

    28-06-2018
  • Produzione europea di cereali, previsto ribasso nel 2018

    Nel 2018 la produzione europea di cereali dovrebbe essere inferiore alle aspettative: dovrebbe fermarsi a 299,1 milioni di tonnellate, mentre le precedenti stime prevedevano il raggiungimento di 302,5 milioni di tonnellate. Lo afferma Coceral (l'associazione...

    13-06-2018
  • Fao, in rialzo le previsioni sulla produzione cerealicola

    Migliorano le stime sulla produzione cerealicola. Secondo la Fao nel 2018 l'offerta sarebbe pari a 2.610 milioni di tonnellate, un livello maggiore di quello precedentemente stimato. Il dato è contenuto nell'ultimo Bollettino sull'offerta e la domanda...

    09-06-2018