• Fao, la sfida dell'antibiotico-resistenza necessita della collaborazione tra più settori

    Print
    Microbi batteri %c2%a9 beawolf   fotolia.com

    Per combattere l’antibiotico-resistenza occorre un maggiore sforzo di collaborazione tra vari settori. Lo ha evidenziato Maria Helena Semedo, Vice Direttore Generale dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), in occasione del convegno dedicato alla resistenza antimicrobica che si tenuto durante l'Assemblea Generale dell'Onu. Secondo l’esperta, è necessario aumentare gli investimenti e migliorare le misure di sorveglianza, per fare in modo che gli antimicrobici vengano usati in modo responsabile e non possano, quindi, rappresentare una minaccia per la salute pubblica e per la produzione di alimenti.

    La rappresentante della Fao ha sottolineato la necessità di accrescere la collaborazione tra il settore sanitario, quello agricolo e quello alimentare. “Una buona salute, una produttività adeguata ed economie robuste dipendono da un cibo sicuro e nutriente – ha osservato Maria Helena Semedo -. Per raggiungere questo è essenziale utilizzare in modo prudente gli antimicrobici sia nella salute pubblica, sia in ambito agricolo. Per una maggiore e più ampia valutazione dei rischi, serve una maggiore sorveglianza sull'uso degli antimicrobici e sull'avanzamento della resistenza antimicrobica, non solo negli ospedali, ma lungo tutta la catena alimentare, inclusi l'orticultura, e l'ambiente”.

    Il Vice Direttore Genereale della Fao ha, infine, rimarcato i progressi compiuti in ambito agricolo per tenere sotto controllo l’antibiotico-resistenza. “I progressi per combattere l’antimicrobico-resistenza dipendono dalle buone pratiche in agricoltura – ha spiegato l’esperta -. Dobbiamo promuovere un'agricoltura e sistemi alimentari sostenibili. L'uso di antimicrobici in agricoltura non è sostenibile a causa dell'igiene insufficiente e di scorrette pratiche di gestione. Dobbiamo migliorare i meccanismi per assicurare l'utilizzo di medicinali di qualità, poiché i medicinali contraffatti o non a norma contribuiscono alla resistenza. Il Codex Alimentarius ha sviluppato linee guida e codici di condotta di prim'ordine per la sorveglianza dell’antimicrobico-resistenza. Tuttavia c'è ancora un gap di capacità notevole a livello nazionale per quanto riguarda la sorveglianza. Chiedo alla comunità internazionale di agire ora e d’investire nel futuro che vogliamo costruire assieme”.

    Foto: © beawolf - Fotolia.com

    red. 28-09-2017 Tag: faoantibiotico-resistenzaagricolturasalute pubblicacatena alimentaresostenibilitàsorveglianza
Articoli correlati
  • Gli sforzi internazionali nella lotta all'antibiotico-resistenza

    Gli sforzi compiuti a livello internazionale nelle imprese agricole e nei sistemi alimentari per combattere l'antibiotico-resistenza sono sempre più incisivi. Lo sostiene l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite...

    21-11-2017
  • Ministero della Salute: presentato "Piano nazionale contro l’antimicrobico-resistenza"

    Si sono appena concluse la “Settimana mondiale della consapevolezza antibiotica” (13-19 novembre) e la “Giornata europea degli antibiotici” (18 novembre). In quest’occasione, il Ministero della Salute ha presentato il nuovo...

    20-11-2017
  • Mais e soia, prezzi in calo

    A partire dal mese di luglio, i prezzi del mais e della soia hanno subito una flessione. Lo evidenzia il rapporto: “Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    16-11-2017
  • Fao, la piattaforma per l'agricoltura sostenibile

    L’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) ha lanciato la nuova piattaforma web “Climate-Smart Agriculture Sourcebook”, volta ad aumentare la sostenibilità dei sistemi alimentari. Lo ha annunciato...

    14-11-2017
  • Ogm in Italia, cronistoria di un rapporto complicato

    Dallo stop agli Ogm del 2013 del governo italiano alla sentenza della Corte di Giustizia Europea dello scorso 13 settembre che segna un punto a favore per i pro-Ogm. Nel mezzo l'approvazione della direttiva comunitaria che consente agli Stati membri di opporsi...

    13-11-2017