• Bovini da carne, mercato in ripresa

    Print

    Salgono i prezzi di tutte le categorie. Aumentano anche i consumi domestici

    Mucche bovini %c2%a9 sven grundmann fotolia.com

    Dopo anni di crisi, il mercato dei bovini mostra segni di ripresa. Nei primi 9 mesi del 2017, sono infatti aumentati i prezzi di tutte le categorie dei bovini da carne: i listini delle vacche hanno registrato un rialzo dell’11%, quelli dei vitelloni del 5% e quelli dei vitelli da macello del 4%. Lo evidenzia il rapporto “Tendenze bovino da carne” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui l’andamento positivo delle quotazioni e il calo del tasso di crescita dei costi di produzione hanno determinato il miglioramento dei margini degli allevatori.

    Import degli animali da ingrasso - L’Istituto sottolinea che le aspettative positive per gli operatori hanno determinato la ripresa dell'acquisto all'estero dei vitelli destinati all'ingrasso. Dopo 5 anni di flessioni continue - interrotte solo nel 2016 da una lieve ripresa -, nei primi sei mesi del 2017 sono stati importati oltre 163 mila vitelloni di peso superiore ai 300 Kg, circa il 7,9% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Questo dato consente di stimare un incremento di circa il 3% dell’offerta delle macellazioni di vitelloni nei mesi da ottobre a febbraio.

    Domanda interna - Nei primi otto mesi del 2017, dopo 10 anni di cali continui, sono cresciuti anche i consumi domestici di carni bovine: la spesa delle famiglie italiane per questi prodotti è aumentata dell'1,2% rispetto all'anno precedente. Secondo Ismea, la crescita sarebbe dovuta solo in parte alla crescita dei volumi (+0,1%). Sarebbe più influente, invece, la scelta di referenze di più alto prezzo medio: i consumatori hanno dato maggiore spazio alle carni bovine elaborate (+38% su una quota del 4%), sostituendole ai tagli freschi di vitello (-0,3%) e a quelli di bovino adulto (-1,3%).

    Mercato europeo - Il mercato europeo dei vitelloni appare equilibrato: l’offerta globale viene completamente assorbita, la domanda è stabile e i prezzi risultano in graduale crescita. I prezzi del vitellone Italiano restano i più sostenuti in ambito europeo, anche se il valore medio nel terzo trimestre 2017 si attesta per tutti i paesi su un livello superiore a quello dello stesso periodo dell’anno scorso. Anche per quanto riguarda i vitelli, nel terzo trimestre 2017 il prezzo registrato in Italia presenta il maggior aumento rispetto allo stesso periodo del 2016.

    Foto: © Sven Grundmann - Fotolia.com

    red. 16-10-2017 Tag: bovinicarneconsumi domesticiimportazionimercatoprezziIsmea
Articoli correlati
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita anche a marzo

    I prezzi delle materie prime alimentari sono aumentati per il secondo mese consecutivo, grazie al forte incremento delle quotazioni di cereali e latticini. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao),...

    15-04-2018
  • Anche la soia nella guerra dei dazi tra Usa e Cina

    La guerra dei dazi tra Usa e Cina preoccupa i coltivatori statunitensi di soia, perché potrebbe far crollare drasticamente le importazioni del legume nel Paese asiatico. Come riporta un articolo pubblicato sul sito CNN Money, gli agricoltori nordamericani...

    12-04-2018
  • Alcuni indicatori della disponibilità di carni in Italia nel 2017

    I recenti risultati Istat dell’indagine campionaria sulle consistenze di bovini, bufalini e suini riferiti al mese di giugno 2017, e la contemporanea disponibilità di dati mensili sulle macellazioni, nonché sul commercio estero di carni e...

    08-04-2018
  • Crescono esportazioni dei prodotti made in Italy in Giappone e Russia

    Nel 2017 l’export dei prodotti agroalimentari italiani ha superato la soglia dei 41 miliardi di euro, registrando un incremento del 6,8% rispetto all'anno precedente. Lo evidenzia il rapporto: “La bilancia commerciale agroalimentare nazionale nel...

    06-04-2018
  • Usda, scorte di mais in calo. Crescono quelle di soia e grano

    Le scorte statunitensi di mais e soia stanno diminuendo, ma non in misura eccessiva. Lo evidenzia l’ultimo rapporto: “World agricultural supply and demand estimates (Wasde)” pubblicato a marzo dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti...

    25-03-2018