• Frumento, lieve calo dei prezzi a settembre

    Print

    Diminuita la produzione italiana di frumento tenero e duro

    Grano agricoltura %c2%a9 mozzz   fotolia.com

    Dopo l’incremento dei prezzi all’origine del frumento tenero e del frumento duro registrato a luglio, a settembre i listini di entrambi i cereali sono tornati a scendere. È quanto emerge dal rapporto “Tendenze frumento” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui questa dinamica sarebbe dovuta alle prime stime sull’offerta mondiale di frumento e sulle scorte finali per la campagna di commercializzazione in corso, che a luglio erano più pessimistiche di quelle indicate nei due mesi successivi.

    Quotazioni - Il prezzo medio del frumento duro a settembre 2017 era di 216,65 euro/t, in calo del 2% rispetto al mese precedente ma più elevato del 20% rispetto a quello registrato a settembre 2016 (181,17 euro/t). A settembre 2017 i listini del frumento tenero si sono fermati a 182,22 euro/t, registrando una riduzione dell’1% rispetto al mese precedente, ma una crescita del 12% rispetto allo stesso mese del 2016.

    Produzione nazionale - Dopo l’aumento riportato lo scorso anno, nel 2017 l’offerta italiana di frumento duro è scesa a 4,5 milioni di tonnellate, l’11% in meno rispetto al 2016. Secondo Ismea, il calo sarebbe dovuto alla riduzione delle superfici (-3,4% a 1,34 mln ha) e soprattutto delle rese (-8,1% a 3,4 t/ha). I raccolti di frumento tenero nel 2017 sono scesi a circa 2,9 milioni di tonnellate, registrando una flessione del 4,2% rispetto al 2016. In questo caso la ragione principale del calo sarebbe costituita dai minori investimenti, scesi del 3,9% rispetto all’anno precedente, mentre le rese sono rimaste sostanzialmente stabili.

    Bilancia commerciale - Le importazioni di frumento duro nel primo semestre dell’anno hanno determinato, rispetto ai primi sei mesi del 2016, un significativo miglioramento del deficit in valore della bilancia commerciale, dovuto alla riduzione dei valori medi all’import e dei volumi acquistati all’estero. Per le stesse motivazioni, anche il frumento tenero ha registrato una riduzione del disavanzo.

    Offerta mondiale - Secondo le previsioni dell’International Grains Council (Igc), nel 2017 l’offerta mondiale di frumento dovrebbe essere inferiore dell’1% rispetto ai raccolti record dello scorso anno, attestandosi a 748 milioni di tonnellate. Si stima una contrazione dello 0,4% dei raccolti del frumento tenero e dell’8,8% del frumento duro. Il calo produttivo dovrebbe essere più consistente nel Nord America e in Australia, mentre i raccolti dell’Unione Europea e della Russia dovrebbero aumentare. L’ultimo aggiornamento dell’Igc evidenzia che nonostante il calo dei raccolti nel 2017, è previsto un recupero delle scorte finali di frumento tenero, grazie alle abbondanti scorte di riporto della scorsa annata.

    Foto: © mozZz - Fotolia.com

    red. 17-10-2017 Tag: frumentocerealiIsmeaprezziproduzione
Articoli correlati
  • Yogurt, gli ultimi cinque anni in crescita del 4%

    Tra il 2012 e il 2016 gli acquisti dello yogurt sono cresciuti del 4% in termine di volumi, mentre la spesa è rimasta sostanzialmente invariata (-0,2%). È quanto emerge dal rapporto: “La filiera del bovino da latte - Acquisti domestici di...

    22-11-2017
  • Mais e soia, prezzi in calo

    A partire dal mese di luglio, i prezzi del mais e della soia hanno subito una flessione. Lo evidenzia il rapporto: “Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    16-11-2017
  • Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si...

    13-11-2017
  • Mercato ovicaprino europeo: export cresce del 25%

    Nel 2017 le esportazioni del settore ovicaprino dell’Unione Europea sono aumentate del 25%, grazie soprattutto all’incremento dell’export verso Libia, Israele ed Emirati Arabi. Lo riferisce l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato...

    10-11-2017
  • Settore lattiero-caseario: export prodotti made in Italy cresciuto del 7,3%

    Nei primi sette mesi del 2017 le esportazioni dei prodotti lattiero-caseari italiani sono cresciute del 7,3% in volume e del 9,4% in valore. È quanto emerge dal rapporto: “Lattiero caseari: tendenze e dinamiche recenti” pubblicata da Ismea...

    06-11-2017