• Efsa, i consigli operativi per evitare la diffusione dell'influenza aviaria

    Print
    Polli

    Quella dell'ultima stagione è stata la più grande epidemia di influenza aviaria nell'Unione europea per estensione, numero di focolai negli allevamenti e decessi tra gli uccelli selvatici. Per prevenire e monitorare la possibile diffusione dei virus nella nuova stagione l'Efsa, Autorità europea per la Sicurezza alimentare, ha redatto un parere scientifico con alcune raccomandazioni rivolte agli allevatori.  

    Il documento è stato elaborato sulla scorta delle informazioni relative alle ultime epidemie di aviaria. La via più probabile d'ingresso del virus dell'influenza aviaria nel territorio comunitario è molto probabilmente il confine nord-orientale e orientale attraversato dagli uccelli selvatici migratori. Per questo è necessario valutare il rischio di ingresso e gli strumenti con cui poter arginarlo, i metodi di sorveglianza e le azioni degli Stati membri. 

    La raccomandazione fondamentale indirizzata dall'Efsa è quella di segnalare alle autorità veterinarie locali la presenza di uccelli acquatici trovati morti, soprattutto durante la stagione influenzale. Inoltre bisogna aumentare la biosicurezza sottoponendo anatre e oche, ovvero gli uccelli acquatici d'allevamento, a test per l'aviaria perché potrebbero venire a contatto con gli uccelli selvatici e poi diffondere il virus. È importante dunque eseguire delle analisi del sangue del pollame vivo e dei test virali degli uccelli acquatici d'allevamento trovati morti.  

    Gli allevatori avicoli e i detentori di pollame sono chiamati in causa per incrementare la biosicurezza: devono evitare il contatto diretto tra pollame e uccelli acquatici selvatici impiegando, ad esempio, delle reti o isolando gli animali durante la stagione di picco influenzale oppure spostandoli da un allevamento all'altro. 

    Assieme all'Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, al Laboratorio di riferimento per l'aviaria e alle istituzioni nazionali, l'Efsa ha poi pubblicato un rapporto sulla situazione dell'influenza aviaria nell'Unione e nel resto del mondo, un rapporto che sarà aggiornato ogni trimestre.

    Vito Miraglia 24-10-2017 Tag: influenza aviariaEFSApollame
Articoli correlati
  • Efsa, la situazione della peste suina

    Il rilevamento precoce, la rimozione rapida delle carcasse degli animali morti a causa della malattia e la caccia intensiva nelle zone colpite dall’infezione potrebbero favorire l’eradicazione della peste suina africana (Psa). È quanto emerge...

    08-12-2018
  • I valori di riferimento per la dieta nella nuova pagina interattiva dell'Efsa

    L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha realizzato una pagina web in cui uno strumento interattivo, chiamato “Drv Finder”, permette ai nutrizionisti e agli altri professionisti della salute di eseguire facilmente rapidi...

    06-12-2018
  • Encefalopatie spongiformi, la situazione nella Comunità europea

    Nel 2017 non sono stati individuati casi di encefalopatia spongiforme bovina (Bse) classica nell’Unione Europea, anche se sono stati segnalati sei casi di Bse atipica. Lo evidenzia il rapporto: “The European Union summary report on surveillance for...

    05-12-2018
  • Diossina, Efsa aggiorna livelli tollerabilità

    L'esposizione alimentare alla diossina e ai Pcb diossina-simili costituisce un problema per la salute. Lo sottolinea l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che ha aggiornato i livelli di tollerabilità dell’assunzione di queste...

    22-11-2018
  • Bovini, come eliminare la dermatite nodulare contagiosa

    Ora che i focolai nell’Europa sud-orientale sono stati contenuti, occorre individuare le strategie più efficaci per eliminare la dermatite nodulare (Lsd) nei bovini. Lo sostiene l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che nel...

    25-10-2018