• Efsa, i consigli operativi per evitare la diffusione dell'influenza aviaria

    Print
    Polli

    Quella dell'ultima stagione è stata la più grande epidemia di influenza aviaria nell'Unione europea per estensione, numero di focolai negli allevamenti e decessi tra gli uccelli selvatici. Per prevenire e monitorare la possibile diffusione dei virus nella nuova stagione l'Efsa, Autorità europea per la Sicurezza alimentare, ha redatto un parere scientifico con alcune raccomandazioni rivolte agli allevatori.  

    Il documento è stato elaborato sulla scorta delle informazioni relative alle ultime epidemie di aviaria. La via più probabile d'ingresso del virus dell'influenza aviaria nel territorio comunitario è molto probabilmente il confine nord-orientale e orientale attraversato dagli uccelli selvatici migratori. Per questo è necessario valutare il rischio di ingresso e gli strumenti con cui poter arginarlo, i metodi di sorveglianza e le azioni degli Stati membri. 

    La raccomandazione fondamentale indirizzata dall'Efsa è quella di segnalare alle autorità veterinarie locali la presenza di uccelli acquatici trovati morti, soprattutto durante la stagione influenzale. Inoltre bisogna aumentare la biosicurezza sottoponendo anatre e oche, ovvero gli uccelli acquatici d'allevamento, a test per l'aviaria perché potrebbero venire a contatto con gli uccelli selvatici e poi diffondere il virus. È importante dunque eseguire delle analisi del sangue del pollame vivo e dei test virali degli uccelli acquatici d'allevamento trovati morti.  

    Gli allevatori avicoli e i detentori di pollame sono chiamati in causa per incrementare la biosicurezza: devono evitare il contatto diretto tra pollame e uccelli acquatici selvatici impiegando, ad esempio, delle reti o isolando gli animali durante la stagione di picco influenzale oppure spostandoli da un allevamento all'altro. 

    Assieme all'Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, al Laboratorio di riferimento per l'aviaria e alle istituzioni nazionali, l'Efsa ha poi pubblicato un rapporto sulla situazione dell'influenza aviaria nell'Unione e nel resto del mondo, un rapporto che sarà aggiornato ogni trimestre.

    Vito Miraglia 24-10-2017 Tag: influenza aviariaEFSApollame
Articoli correlati
  • Efsa, come prevenire la diffusione della peste suina africana

    L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha elaborato una serie di misure dirette a prevenire la diffusione della peste suina africana (Psa). In un parere scientifico, gli esperti dell'Efsa hanno individuato alcune strategie di gestione dei...

    14-09-2018
  • Efsa, a settembre conferenza sul futuro della valutazione del rischio

    “Contestualizzare la valutazione del rischio”: è questo il motto del terzo congresso scientifico dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che si terrà a Parma, in Italia, dal 18 al 21 settembre 2018. La...

    23-08-2018
  • Europa, la metà dei prodotti alimentari è priva di pesticidi

    Consumatori europei al riparo dai pesticidi. Se in quasi la totalità dei prodotti analizzati i residui di sostanze nocive sono entro i limiti di legge, in un caso su due i residui sono del tutto assenti. Ecco gli ultimi dati forniti dall'Efsa,...

    01-08-2018
  • Uso di nanotecnologie in alimenti e mangimi: le linee guida dell’Efsa

    L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato una guida su come valutare la sicurezza delle richieste di autorizzazione in tema di nanoscienze e nanotecnologia. Le nuove linee guida, intitolate: “Guidance on the human and...

    06-07-2018
  • Efsa, residuo farmaci veterinari resta basso

    Resta basso il tasso di non conformità ai limiti fissati dall’Unione Europea sui residui di farmaci veterinari negli alimenti di origine animale e negli animali. Lo comunica l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), illustrando i...

    24-06-2018