• Stati Uniti, raccolta mais a rilento

    Print
    Mais

    Meno mais rispetto allo scorso anno. Negli Stati Uniti la fase di raccolta resta indietro rispetto al 2016: allora – a metà ottobre – era stato mietuto il 44% delle colture, quest'anno solo circa il 28%, a fronte di una media del periodo 2012/2016 pari al 47%. A comunicarlo è l'Usda, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti. Se si dovesse continuare su questi ritmi, i ritardi potrebbero rappresentare un problema con l'inverno e con l'esaurimento progressivo delle scorte.  

    Secondo i dati a disposizione delle autorità, solo due Stati hanno raggiunto o ecceduto il tasso di raccolta dello scorso anno (Michigan e Texas) e solo a questo punto dell'anno il mais è ormai maturo nei 18 Stati responsabili della maggior parte della produzione di questo cereale. Inoltre è considerato buono o eccellente il 64% circa del mais rispetto al 74% circa del 2016. 

    Il mais resta indietro rispetto al processo di coltivazione della soia che invece tiene il passo con le tendenze degli ultimi anni. Il 59% è stato raccolto a questo punto dell'anno rispetto al 60% l'anno scorso; inoltre lo scorso anno il 95% del raccolto aveva raggiunto la fase della caduta delle foglie, quest'anno il 94%.  

    Tra le altre coltivazioni il sorgo ha continuato a maturare e il suo processo è in linea con la media sebbene indietro rispetto allo scorso anno e tutti gli 11 Stati responsabili della maggior parte della sua produzione hanno cominciato a raccoglierlo. Per quanto riguarda il grano invernale circa il 60% è stato piantato mentre lo scorso anno era il 70%.

    Vito Miraglia 19-10-2017 Tag: maisstati unitisoia
Articoli correlati
  • Mais e soia, prezzi in calo

    A partire dal mese di luglio, i prezzi del mais e della soia hanno subito una flessione. Lo evidenzia il rapporto: “Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    16-11-2017
  • Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si...

    13-11-2017
  • Fediol e Fefac: workshop sulla produzione responsabile della soia

    Il 25 ottobre si è svolto il “5th Workshop on Responsible Soy & Deforestation”, organizzato da Fefac (la federazione dei produttori europei di mangimi) e da Fediol (la federazione europea dei produttori di alimenti proteici e di oli...

    03-11-2017
  • Stati Uniti, proposto un nuovo modo per finanziare la ricerca agroalimentare

    Associare gli incentivi a breve termine ai progetti a lungo termine, come la ricerca. È l'idea proposta negli Stati Uniti per ottimizzare la ricerca agroalimentare finanziata dal settore pubblico. Da alcuni anni i produttori e gli agricoltori stanno...

    20-10-2017
  • Studio: prodotta varietà di mais ricca di metionina

    Gli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) hanno individuato il modo di migliorare produzione  di un alimento decisivo per mangimi e prodotti alimentari, come il mais. Sono riusciti ad aumentare la presenza nel grano di una sostanza...

    11-10-2017