• Stati Uniti, proposto un nuovo modo per finanziare la ricerca agroalimentare

    Print
    Agricoltura di precisione

    Associare gli incentivi a breve termine ai progetti a lungo termine, come la ricerca. È l'idea proposta negli Stati Uniti per ottimizzare la ricerca agroalimentare finanziata dal settore pubblico. Da alcuni anni i produttori e gli agricoltori stanno investendo sempre di meno in questo settore preferendo una forma di assistenza a breve termine. Il nuovo paradigma è stato proposto da Carl Zuluaf, professore emerito di economia ambientale, agricola e dello sviluppo della Ohio State University, su Farmdoc Daily, una pubblicazione scientifica della University of Illinois a Urbana-Champaign. 

    Negli Stati Uniti la ricerca sostenuta con soldi pubblici – ricorda il professore – , sebbene sia considerata una priorità e abbia anche un certo ritorno economico (tra il 20% e il 60%), da oltre un decennio è in flessione. A differenza di altri Stati, tra cui la Cina, che stanno incrementando il sostegno alla ricerca agroalimentare, negli Usa i fondi sono in declino (dal 2005, dati corretti in base all'inflazione). Un motivo potrebbe essere il crescente peso del mercato privato che sostiene la ricerca in agricoltura, grazie all'estensione dei diritti di proprietà intellettuale alle innovazioni biologiche e alla redditività dell'intero comparto: dal 2003 il finanziamento privato è infatti quasi raddoppiato. 

    Molti produttori e agricoltori puntano più a ottimizzare il profitto a breve termine e meno a perseguire potenziali benefici futuri. Ecco che una soluzione potrebbe essere allineare meglio gli incentivi di breve e lungo periodo. Ed è quanto propone il docente della Ohio University: una percentuale della spesa per qualsiasi capitolo previsto dalla Farm Bill (la legge sull'agricoltura) dovrebbe andare a finanziare la ricerca relativa a quel capitolo.

    redazione 20-10-2017 Tag: ricercastati uniti
Articoli correlati
  • Allevamento, salute del suolo ne influenza l'andamento

    La salute del suolo potrebbe influenzare l'andamento delle aziende agricole in misura significativa. Un terreno che “sta bene” fornisce, infatti, sostanze nutritive utili per il benessere degli animali che vengono allevati al suo interno. Lo...

    17-04-2018
  • Studio: dalla vite australiana possibilità di aumento resa della soia

    I geni della vite Glycine tomentella, che cresce in Australia ed è una lontana parente della soia, potrebbero aumentare sensibilmente la resa del legume. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Crop Science dagli scienziati...

    12-04-2018
  • Il segreto genetico delle spighe di grano e il futuro delle rese produttive

    Identificato il gene che regola la forma e la dimensione delle spighe di grano. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista The Plant Cell da un gruppo di ricerca britannico-australiano coordinato da Scott Andrew Boden del John Innes Center di...

    11-04-2018
  • Riso, individuato modo per fermare diffusione del brusone

    Individuato un modo per fermare la diffusione del brusone, una malattia che distrugge ogni anno fino al 30% del raccolto mondiale di riso. Lo riporta uno studio pubblicato sulla rivista Science dai ricercatori dell’Università di Exeter (Regno...

    27-03-2018
  • Ogm, online sito che fornisce informazioni in 10 lingue diverse

    EuropaBio, l’Associazione della bio-industria europea, ha lanciato insieme ai partner di 11 paesi dell’UE il sito web GMOinfo.eu, che fornisce informazioni dettagliate sugli organismi geneticamente modificati (Ogm) in 10 lingue diverse....

    16-03-2018