• Studio, individuato gene che consente impollinazione incrociata del grano

    Print

    Potrebbe favorire coltivazione di varietà ibride ad alto rendimento

    Grano cereali %c2%a9 %c5%bdeljko radojko   fotolia.com

    Identificato il gene responsabile della fecondazione del grano, che potrebbe rendere possibile il ricorso all’impollinazione incrociata. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Communications dagli scienziati dell'Università di Adelaide (Australia) e del DuPont Pioneer Hi-Bred International Inc. di Johnston (Usa), secondo cui la scoperta potrebbe consentire la produzione delle varietà di frumento ibrido ad alto rendimento e cambiare radicalmente il modo in cui viene coltivato questo cereale. Inoltre, potrebbe contribuire a soddisfare il crescente fabbisogno di cibo della popolazione mondiale.

    Nel corso dell’indagine, gli studiosi hanno identificato un gene presente nel frumento, chiamato Ms1, che risulta coinvolto nel processo di fecondazione. Hanno osservato, in particolare, che dopo essere stato “spento”, Ms1 impedisce l’auto-impollinazione, ma consente l’impollinazione incrociata. Secondo gli esperti, la disattivazione di questo gene potrebbe quindi permettere di produrre varietà di frumento ibrido - che rappresentano il risultato dell’incrocio di due qualità diverse di grano puro - ad alto rendimento, caratterizzate da rese superiore del 10-15% rispetto alle cultivar tradizionali.

    Il dottor Ryan Whitford, che ha coordinato la sperimentazione, afferma che la produzione di grano dovrà aumentare del 60% entro il 2050, per poter soddisfare la domanda di cibo della popolazione mondiale in crescita. “Una delle opzioni più promettenti per soddisfare questa domanda è fare in modo che gli agricoltori coltivino varietà ibride di frumento, che possono offrire un aumento del rendimento del 10% -15% rispetto alle varietà tradizionali attualmente presenti sul mercato - spiega l’esperto -. Le varietà ibride sono ampiamente impiegate nella coltivazione del mais e del riso, ma la complessità del genoma del grano ha reso difficile percorrere questa strada. Ora abbiamo identificato un gene necessario per l'impollinazione incrociata del frumento, che può essere utilizzato nelle produzioni su larga scala a costi contenuti”.

    Foto: © Željko Radojko - Fotolia.com

    redazione 02-11-2017 Tag: geneticafrumentoimpollinazione incrociataagricolturacoltivazioniibridirendimento
Articoli correlati
  • Gestione del rischio: mercato assicurativo agricolo vale oltre 7 miliardi di euro

    Nel 2017 in Italia il mercato assicurativo agricolo agevolato ha raggiunto il valore di 7,2 miliardi di euro. Si tratta di una quota simile a quella registrata l'anno precedente, segno della stabilizzazione del mercato, seguita a un biennio caratterizzato da...

    13-02-2018
  • Mais, nuova tecnica aumenta resa e resistenza alla siccità

    Individuata una tecnica capace di aumentare la resa del mais anche in presenza di siccità. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plant Physiology dagli scienziati coordinati da Matthew J. Paul, della Rothamsted Research di...

    09-02-2018
  • Assalzoo: Mais italiano, una risorsa per la zootecnia, da rilanciare

    Una materia prima strategica per la zootecnia italiana con una filiera che deve essere sostenuta e rilanciata. Per farlo è necessario uno sforzo unitario di tutti gli attori coinvolti, dai produttori ai ricercatori, come è emerso nel corso di...

    05-02-2018
  • Fieragricola, 130mila visitatori a Verona

    La 113ª Fieragricola di Verona chiude con oltre 130mila visitatori, di cui il 15% esteri, consolidando il primato nazionale e confermandosi fra le rassegne più attrattive a livello europeo. Si rivela dunque vincente la formula della...

    04-02-2018
  • Organismi ottenuti per mutagenesi: non si applica regolamentazione per Ogm

    Agli organismi ottenuti con la mutagenesi non si applica la regolamentazione europea riguardante gli organismi geneticamente modificati (Ogm). Dato che non prevedono l’inserimento di Dna estraneo all’interno di esseri viventi, questi organismi sono...

    29-01-2018