• Fao e Wto, commercio internazionale: l'importanza della sicurezza alimentare

    Print
    Alimenti %c2%a9 giuseppe porzani   fotolia

    I negoziati commerciali internazionali dovrebbero impegnarsi ad assicurare la sicurezza alimentare in tutto il mondo. Lo sostiene José Graziano da Silva, Direttore Generale dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), evidenziando che gli scambi internazionali dovrebbero essere guidati dalla volontà di garantire la sicurezza degli alimenti commerciati e di attuare misure che avvantaggino gli agricoltori poveri dei paesi in via di sviluppo.

    Il DG della Fao ricorda che a dicembre i funzionari di tutto il mondo si riuniranno a Buenos Aires (Brasile) per partecipare alla “World Trade Organization Ministerial Conference”. In quest’occasione, da Silva ritiene che dovrebbe essere affrontato il tema dell'e-commerce dei prodotti alimentari e valutato con attenzione il fatto che la rapida espansione del commercio internazionale di cibo continua a essere un problema cruciale. Inoltre, reputa necessario dare la priorità alla discussione degli accordi globali sugli atti commerciali bilaterali e regionali che sono proliferati negli ultimi anni. “Dobbiamo puntare - afferma Graziano da Silva - a compiere un passo avanti verso un sistema commerciale globale inclusivo, equilibrato ed equo”.

    Il Direttore sottolinea, inoltre, che l'80% del cibo prodotto a livello mondiale viene realizzato dagli agricoltori familiari, e che molti di loro versano in condizioni difficili. Di conseguenza, evidenzia la necessità che le politiche e le regole del commercio internazionale non finiscano per danneggiarli ulteriormente, ma possano avvantaggiarli. Infine, esprime l’esigenza di realizzare un sistema commerciale equo, basato sulle norme fissate dalla World Trade Organization, che permetta di garantire la sicurezza dei prodotti agricoli e alimentari venduti in tutto il pianeta.

    Foto: © Giuseppe Porzani - Fotolia

    red. 06-11-2017 Tag: sicurezza alimentarefaowtocommercioagricoltura
Articoli correlati
  • UE, previsto aumento produzione cereali entro 2030

    L’incremento della domanda di mangimi dovrebbe favorire la crescita della produzione europea di cereali, che entro il 2030 dovrebbe raggiungere i 341 milioni di tonnellate. È quanto emerge dal rapporto “E.U. agricultural outlook – For...

    19-01-2018
  • Materie prime alimentari, a dicembre quotazioni in ribasso

    Nel mese di dicembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti del 3,3%, soprattutto a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Tuttavia, nel corso del 2017 sono aumentati, in media, dell'8,2% rispetto al 2016....

    17-01-2018
  • Usa, nel 2018 aumenta coltivazione della soia

    Negli Stati Uniti la superficie di terreno agricolo destinata alla coltivazione della soia dovrebbe raggiungere il valore record di 91 milioni di ettari nel 2018. Dovrebbe, quindi, eguagliare l’area destinata alla semina del mais. Lo comunicano gli...

    12-01-2018
  • Cambiamento climatico, un modello per prevedere gli effetti sull'agricoltura

    L’unione di due modelli computazionali potrebbe fornire un nuovo strumento capace di prevedere gli effetti dei futuri cambiamenti climatici sulle piantagioni agricole. Lo sostiene una ricerca pubblicata sulla rivista Agricultural and Forest Meteorology...

    11-01-2018
  • Produzione europea di soia: previsto lieve calo nel 2018

    Nel 2018 il tasso di crescita della produzione europea di soia dovrebbe subire una leggera battuta d’arresto, nonostante la domanda del legume continui ad aumentare. Lo sostiene Bertalan Kruppa, analista presso la Donau Soja Organization, che in...

    03-01-2018