• Mercato ovicaprino europeo: export cresce del 25%

    Print

    Aumentano le esportazioni verso Emirati Arabi, Israele e Libia

    Pecore

    Nel 2017 le esportazioni del settore ovicaprino dell’Unione Europea sono aumentate del 25%, grazie soprattutto all’incremento dell’export verso Libia, Israele ed Emirati Arabi. Lo riferisce l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), che ha preso parte all’incontro autunnale del gruppo di previsione per il settore ovicaprino, che si è svolto il 23 ottobre a Bruxelles (Belgio).

    Numero di capi - Sulla base delle stime dei diversi Paesi membri, per l'anno in corso si prevede un’espansione della mandria europea del 3,7%, che dovrebbe superare gli 89 milioni di capi. L’incremento è stato trainato dalla crescita del patrimonio in Romania (+35%) e nel Regno Unito (+2,4%), mentre è stata registrata una riduzione dei capi presenti in Spagna (-3,8%) e in Francia (-2,1%).

    Quotazioni - A partire dal mese di luglio, i prezzi medi europei per l'agnello leggero hanno registrato un graduale rialzo, fino a raggiungere a ottobre il valore di 6,17 €/Kg (peso carcassa). Sono quindi tornati sui livelli dello stesso periodo dell’anno scorso.

    Import - Nei primi otto mesi del 2017 le importazioni di carni ovicaprine da parte dell'Europa a 28 sono diminuite. Le contrazioni più evidenti sono state registrate per le forniture che arrivano dal principale player, la Nuova Zelanda, che ha ridotto notevolmente gli invii nel Regno Unito, per via della svalutazione della sterlina, ma soprattutto per la maggiore produzione interna che si è registrata nel Paese.

    Export - Le esportazioni dell'Unione Europea sono invece cresciute del 25%, grazie alle maggiori forniture verso Libia, Israele ed Emirati Arabi, anche se a livello globale il principale Paese importatore resta la Cina. In particolare, per la prima volta nel 2017 l'Italia ha inviato i primi importanti volumi verso gli Emirati Arabi.

    Produzione nazionale - L'Italia, che rappresenta il 4% della produzione europea, dovrebbe registrare nel 2017 una flessione delle produzioni pari all’1,4%. Al calo produttivo, riporta l’Ismea, si aggiungeranno le minori importazioni di carni e di capi vivi, per compensare la flessione dei consumi che si è registrata nei primi 9 mesi. Secondo gli analisti, difficilmente i consumi di Natale potranno determinare un'inversione di tendenza.

    Foto: Pixabay

    red. 10-11-2017 Tag: mercatosettore ovicaprinoIsmeaUEimportazioniesportazioniproduzioneprezzi
Articoli correlati
  • Yogurt, gli ultimi cinque anni in crescita del 4%

    Tra il 2012 e il 2016 gli acquisti dello yogurt sono cresciuti del 4% in termine di volumi, mentre la spesa è rimasta sostanzialmente invariata (-0,2%). È quanto emerge dal rapporto: “La filiera del bovino da latte - Acquisti domestici di...

    22-11-2017
  • Mais e soia, prezzi in calo

    A partire dal mese di luglio, i prezzi del mais e della soia hanno subito una flessione. Lo evidenzia il rapporto: “Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    16-11-2017
  • Settore lattiero-caseario: export prodotti made in Italy cresciuto del 7,3%

    Nei primi sette mesi del 2017 le esportazioni dei prodotti lattiero-caseari italiani sono cresciute del 7,3% in volume e del 9,4% in valore. È quanto emerge dal rapporto: “Lattiero caseari: tendenze e dinamiche recenti” pubblicata da Ismea...

    06-11-2017
  • Commodities alimentari, prezzi in ribasso a settembre

    A ottobre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa della flessione dei listini dei prodotti lattiero-caseari. Ma sono scesi anche quelli di carne, oli vegetali e zucchero. In media, le quotazioni delle commodities risulta...

    06-11-2017
  • Settore lattiero-caseario, crescono esportazioni di formaggi e produzione di latte

    Il settore lattiero-caseario continua a ricoprire un ruolo di primo piano nel sistema agroalimentare italiano. Detiene, infatti, il primato per valore della produzione in allevamento e per fatturato industriale, con un'incidenza pari rispettivamente al 26%...

    30-10-2017