• Fao, la piattaforma per l'agricoltura sostenibile

    Print
    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    L’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) ha lanciato la nuova piattaforma web “Climate-Smart Agriculture Sourcebook”, volta ad aumentare la sostenibilità dei sistemi alimentari. Lo ha annunciato René Castro, Assistente Direttore Generale del Dipartimento Climate, biodiversity, land and water della Fao, in occasione del “Cop23 climate summit” che si è svolto a Bonn (Germania) il 10 novembre.

    “La fame, la povertà e il cambiamento del clima possono essere affrontati insieme - ha osservato Castro -, attraverso approcci come la Climate-Smart Agriculture, che riconoscono i legami essenziali esistenti tra l'agricoltura sostenibile e le strategie che promuovono l'uso efficiente delle risorse, conservano e ripristinano la biodiversità e le risorse naturali, e combattono gli impatti del cambiamento climatico”.

    La Fao evidenzia che nel 2050 sarà necessario produrre il 50% di cibo in più, per poter sfamare quasi 10 miliardi di persone. Inoltre, occorrerà trovare il modo di farlo rilasciando solo un quarto delle emissioni di carbonio pro-capite. Climate-Smart Agriculture Sourcebook potrebbe aiutare a raggiungere questo obiettivo. La piattaforma mette a disposizione, infatti, un'ampia gamma di conoscenze e di competenze che potrebbero aiutare i decisori politici, gli scienziati e gli altri professionisti a rendere i settori agricoli più sostenibili e produttivi, contribuendo anche a garantire la sicurezza alimentare e a ridurre le emissioni inquinanti. Inoltre, il sistema prevede nuove strategie per migliorare l'adattamento delle colture ai cambiamenti climatici e misure per mitigare gli effetti delle modifiche del clima, sistemi di produzione integrati e sistemi per accrescere le conoscenze dei produttori rurali.

    In particolare, Climate-Smart Agriculture Sourcebook si focalizza sulle problematiche produttive relative alle piantagioni, al bestiame, alla silvicoltura, alla pesca e all'acquacoltura e ai sistemi integrati. Inoltre, si concentra sull'uso di risorse come l'acqua, il suolo, le informazioni genetiche e l'energia. Infine, si basa sull'approccio paesaggistico, che consente di avere a disposizione come soluzioni flessibili una vasta gamma di opzioni di conservazione e di utilizzo del terreno.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    red. 14-11-2017 Tag: faosostenibilitàagricolturasicurezza alimentarecambiamenti climatici
Articoli correlati
  • La zootecnia moderna coniuga sostenibilità ambientale e produzione

    Una giornata di studi sulla sostenibilità ambientale, l’evoluzione delle pratiche d’allevamento e la ricerca continua per stare al passo con le esigenze alimentari mondiali. È questo il quadro di riferimento dentro il quale si inserisce...

    22-01-2018
  • Allevamento animale e sostenibilità ambientale: un volume promosso da Assalzoo e Aspa

    Si è svolta il 16 gennaio scorso a Milano la presentazione del volume “Allevamento animale e sostenibilità ambientale – I principi”, promosso da Assalzoo (Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) e Aspa...

    21-01-2018
  • UE, previsto aumento produzione cereali entro 2030

    L’incremento della domanda di mangimi dovrebbe favorire la crescita della produzione europea di cereali, che entro il 2030 dovrebbe raggiungere i 341 milioni di tonnellate. È quanto emerge dal rapporto “E.U. agricultural outlook – For...

    19-01-2018
  • Materie prime alimentari, a dicembre quotazioni in ribasso

    Nel mese di dicembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti del 3,3%, soprattutto a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Tuttavia, nel corso del 2017 sono aumentati, in media, dell'8,2% rispetto al 2016....

    17-01-2018
  • Usa, nel 2018 aumenta coltivazione della soia

    Negli Stati Uniti la superficie di terreno agricolo destinata alla coltivazione della soia dovrebbe raggiungere il valore record di 91 milioni di ettari nel 2018. Dovrebbe, quindi, eguagliare l’area destinata alla semina del mais. Lo comunicano gli...

    12-01-2018