• Mais e soia, prezzi in calo

    Print

    Aumenta la produzione nazionale di soia, mentre diminuisce quella di mais

    Silos %c2%a9 fedecandoniphoto   fotolia.com

    A partire dal mese di luglio, i prezzi del mais e della soia hanno subito una flessione. Lo evidenzia il rapporto: “Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui il quadro produttivo di entrambe le colture non è però ancora ben definito.

    Prezzi del mais - L’Istituto sottolinea che la campagna commerciale 2016/17 del mais nazionale si è chiusa a un prezzo medio di 176,17 euro/t, registrando un aumento del 2,4% rispetto alla precedente annata. Tra luglio e settembre 2016 le quotazioni del cereale sono diminuite a causa dei livelli record dell'offerta e delle scorte mondiali, ma successivamente il prezzo è tornato lievemente a salire. Per il 2017, le stime della produzione mondiale e delle scorte indicano un lieve calo annuo, che dovrebbe comunque restare su livelli considerevoli. Data l’abbondante disponibilità di granella dello scorso anno e visto che il quadro produttivo non è ancora ben definito, a partire da luglio 2017 i prezzi hanno mostrato un costante decremento, passando dai 183,81 euro/t ai 173,03 euro/t di ottobre 2017.

    Quotazioni della soia - La campagna 2016/17 è stata caratterizzata da una rivalutazione dei listini all'origine, che hanno raggiunto un valore medio di 388,32 euro/t, più alto del 9,7% rispetto alla campagna precedente, nonostante gli ingenti raccolti e la crescita delle scorte mondiali. Secondo Ismea, questo andamento sarebbe dovuto in larga misura alla rivalutazione del dollaro che si è verificata, seppur in maniera incostante, a partire dagli ultimi mesi del 2016. Con l'esordio dell'attuale campagna il mercato ha mostrato segni di cedimento, i prezzi sono scesi a 374,25 euro/t a ottobre 2017 contro i 420 euro/t dello scorso luglio.

    Produzione italiana - A causa della riduzione delle superfici e soprattutto delle rese, la produzione nazionale di mais nel 2017 è scesa a circa 6,4 milioni di tonnellate, il 6,4% in meno rispetto al 2016. Risultano invece in crescita i raccolti italiani di soia, che nel 2017 hanno raggiunto circa 1,2 milioni di tonnellate, il 7,5% in più rispetto all’anno precedente, grazie all’incremento delle superfici coltivate. Le rese a ettaro, invece, sono risultate in calo.

    Bilancia commerciale - Nei primi sette mesi del 2017, il deficit strutturale della bilancia commerciale della granella di mais è peggiorato rispetto all’anno precedente, a causa della sensibile crescita dei volumi importati. Nello stesso periodo si è osservato un aggravio del deficit anche per la soia, dovuto all’incremento dei quantitativi acquistati sui mercati esteri e all’aumento dei prezzi all’import. Per gli stessi motivi è apparsi in peggioramento anche il disavanzo commerciale delle farine di soia.

    Offerta mondiale - Le stime dell’International Grains Council (Igc) prevedono per il 2017 una flessione annua dei raccolti mondiali di mais, che dovrebbero scendere del 4,2%, attestandosi a 1,034 miliardi di tonnellate. Questa dinamica dovrebbe interessare tutti i principali paesi produttori. Per il 2017/18 si stima un aumento della domanda mondiale, che dovrebbe collocarsi su livelli più elevati dell’offerta (1,067 miliardi di tonnellate), causando la contrazione delle scorte (-13,8% a 203 milioni di tonnellate).
    Per quanto riguarda la soia, le previsioni per il 2017 prospettano una lieve flessione dei raccolti mondiali, che dovrebbero fermarsi a 348 milioni di tonnellate, lo 0,6% in meno rispetto al 2016. È previsto un calo generalizzato in tutti i paesi tranne che negli Usa e in Cina. Si stima un aumento dei consumi, che dovrebbero superare l’offerta, determinando la contrazione delle scorte (-10,9% a 38,6 milioni di tonnellate).

    Foto: © FedeCandoniPhoto - Fotolia.com

    redazione 16-11-2017 Tag: maissoiaagricolturaIsmeaprezzi
Articoli correlati
  • Made in Italy, nel 2017 è record per l'export agroalimentare

    Per l'economia italiana il 2017 è stato l'anno della risalita dopo un decennio di crisi. In questi anni però l'agroalimentare ha manifestato una grande capacità di resistenza accreditandosi come uno dei settori chiave per il Paese, per il...

    20-09-2018
  • Grano, il segreto genetico dell'adattamento

    Individuato il segreto genetico che conferisce al grano la sua notevole capacità di adattamento. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Genome Research da un gruppo di ricerca tedesco-britannico coordinato da Anthony Hall...

    18-09-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi stabili in agosto

    Nel mese di agosto i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti stabili: l’aumento dei listini dei cereali è stato compensato dal calo delle quotazioni di prodotti lattiero-caseari, oli vegetali e zuccheri. Lo comunica l’Organizzazione...

    14-09-2018
  • Fao: assistenza agricola contro fame e insicurezza alimentare

    Per contrastare la fame e garantire la sicurezza alimentare occorre offrire assistenza agricola alle popolazioni più vulnerabili. Lo sostiene il rapporto: “Underfunded appeals - Mid-year update July 2018” pubblicato dall'Organizzazione delle...

    13-09-2018
  • Assicurazioni agevolate: stanziati 49 milioni di euro a favore degli agricoltori

    È stato autorizzato lo stanziamento di 49 milioni di euro di pagamenti in favore degli agricoltori che hanno sottoscritto polizze assicurative agevolate. Lo comunica il Ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft),...

    12-09-2018