• Se gli Stati Uniti diventassero vegani? Non sarebbe un bene per loro, né per l'ambiente

    Print

    La simulazione è di uno studio pubblicato su Pnas

    Cibo alimenti verdure.jpg

    Se tutti i cittadini statunitensi diventassero vegani, eliminando qualsiasi alimento di origine animale dalla dieta, non contribuirebbero a ridurre le emissioni inquinanti, né riuscirebbero a soddisfare le proprie esigenze nutritive. Lo sostiene una ricerca pubblicata sulla rivista Pnas da Robin R. White, della Virginia Polytechnic Institute and State University di Blacksburg (Usa), e da Mary Beth Hall, dell’Agricultural Research Service del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda). I due scienziati hanno osservato che la scelta di seguire un’alimentazione vegana si rivelerebbe nociva sia per le persone, sia per l’ambiente.

    Un'indagine dell’Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente (Epa) ha rilevato che circa il 3% delle emissioni di gas serra in America provengono dagli allevamenti di bestiame, dato che: “i bovini producono metano durante il normale processo digestivo”. Questa considerazione, unita alle preoccupazioni per gli eventuali danni che il consumo di carne potrebbe arrecare alla salute, è uno dei cavalli di battaglia dei sostenitori della dieta vegana, secondo cui smettere di mangiare alimenti di origine animale potrebbe giovare all'ambiente.

    White e Hall hanno scoperto che non è propriamente così. Nel corso della ricerca hanno osservato che se tutti i cittadini nordamericani diventassero vegani, le emissioni di gas serra rilasciate dal settore agricolo diminuirebbero in modo significativo: il calo sarebbe pari al 28%, una percentuale equivalente al 2,6% delle emissioni totali prodotte negli Usa. Il sistema agricolo potrebbe produrre il 23% di cibo in più rispetto al sistema attuale. Tuttavia, la riduzione delle emissioni inquinanti sarebbe bilanciata dalla necessità di utilizzare i fertilizzanti artificiali, che determinerebbe il rilascio di 23 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio all'anno.

    Gli scienziati evidenziano, inoltre, che la carne e i prodotti di origine animale sono più efficienti nel fornire le sostanze nutrizionali essenziali, a partire dalle proteine. Secondo gli esperti, un'alimentazione vegana sarebbe “incapace di soddisfare le esigenze nutrizionali della popolazione americana”. White e Hall spiegano che i cibi consumati da vegetariani e vegani per integrare gli elementi nutrizionali essenziali presenti nella carne (come calcio e vitamina A) non sono prodotti in misura sufficiente per nutrire l’intera popolazione statunitense. Di conseguenza, se tutti i nordamericani dicessero addio alla carne per seguire i dettami della dieta vegana, non solo non avrebbero la possibilità di nutrirsi a sufficienza, ma anche l’ambiente ne sarebbe danneggiato.

    red. 20-11-2017 Tag: carnedieta veganaambienteinquinamentofabbisogno alimentare
Articoli correlati
  • Spesa alimentare, in aumento nel primo semestre 2018

    Nel primo semestre del 2018 la spesa per consumi alimentari in Italia è cresciuta dell'1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo rivela il rapporto “I consumi domestici delle famiglie italiane” pubblicato da Ismea (Istituto di...

    13-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • Il comparto carni in Italia: bilancio del 1° quadrimestre 2018

    La recente disponibilità da parte dell'Istat dei risultati riferiti al 1° quadrimestre 2018 sulle macellazioni a carni bianche e rosse, nonché sul commercio estero di carni e animali vivi, consente di tracciare un primo bilancio parziale e...

    06-10-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi stabili in agosto

    Nel mese di agosto i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti stabili: l’aumento dei listini dei cereali è stato compensato dal calo delle quotazioni di prodotti lattiero-caseari, oli vegetali e zuccheri. Lo comunica l’Organizzazione...

    14-09-2018