• Additivi per mangimi, protratta iniziativa Efsa di supporto ai produttori

    Print
    Efsa

    L’Autorità europea per la Sicurezza alimentare (Efsa) ha stabilito di protrarre fino al 23 febbraio 2018 la fase pilota dell’iniziativa diretta a supportare le piccole e medie imprese che devono presentare la richiesta di autorizzazione di prodotti regolamentati. La decisione di prolungare il periodo sperimentale è connessa alla recente pubblicazione di nuovi documenti scientifici orientativi dell'Efsa in tema di additivi per mangimi, e alla possibile imminente adozione del regolamento di esecuzione della Commissione sulle richieste di autorizzazione per nuovi alimenti.

    Le imprese che operano nei settori degli additivi per mangimi e dei nuovi alimenti (ma non dei prodotti alimentari tradizionali) possono chiedere un controllo amministrativo dei propri fascicoli in bozza prima della presentazione ufficiale all’Efsa. L’iniziativa pilota, partita a giugno, doveva durare fino al mese di dicembre 2017. Con la nuova disposizione, i produttori avranno tempo fino al 23 febbraio 2018 per inviare i fascicoli in bozza.

    Nello specifico, le piccole e medie imprese possono inviare una versione provvisoria del fascicolo all'Efsa, che ne controllerà il formato e la conformità al quadro normativo pertinente e alle linee guida fissate dalla stessa Autorità. Il personale dell’Efsa, che fornirà il supporto tramite teleconferenza, è incaricato di segnalare i potenziali problemi da risolvere prima della presentazione ufficiale della domanda. Restano al di fuori del campo di applicazione dell’iniziativa quesiti, pareri e valutazioni di natura scientifica. L’obiettivo di questo intervento di supporto, spiega l’Efsa, è quello di migliorare la qualità dei fascicoli di richiesta delle piccole e medie imprese, in modo da velocizzare il passaggio delle richieste alla fase di esame dei rischi.

    redazione 04-12-2017 Tag: EFSAadditivimangimisicurezza alimentare
Articoli correlati