• Giornata mondiale del suolo: 6 motivi per cui bisogna prendersene cura

    Print
    Terra %c2%a9 andrey kuzmin   fotolia.com

    Il 33% del suolo è soggetto a erosione, perdita di sostanze organiche, acidificazione, salinizzazione e inquinamento chimico. Ma una gestione sostenibile e attenta delle tecniche agricole potrebbe invertire questa tendenza e assicurare la sicurezza alimentare in tutto il mondo. Lo afferma l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), che in occasione della “Giornata mondiale del suolo” del 5 dicembre, ha elencato sei motivi per cui occorre prendersi cura della salute del terreno.

    1. Sicurezza alimentare
    Senza preservare la qualità del terreno, non potrà essere possibile soddisfare il fabbisogno alimentare della popolazione mondiale, in continua crescita. Il contenuto nutritivo del suolo influenza direttamente quello delle piante che vi vengono coltivate, pertanto quanto più il terreno è sano, tanto migliore sarà il raccolto. La Fao evidenzia che il suolo è una risorsa non rinnovabile e la sua conservazione è essenziale per la sicurezza alimentare.

    2. Biodiversità
    I terreni ospitano un quarto della biodiversità del pianeta. Ci sono più organismi viventi in un cucchiaio da tavola di terra che persone in tutta la Terra. La biodiversità è importante per il benessere di tutte le specie viventi, perché le aiuta a sopravvivere e ad adattarsi ai cambiamenti. Pertanto, conservare la biodiversità contribuisce a mantenere il pianeta resiliente, flessibile e sano.

    3. Adattamento ai cambiamenti del clima
    I terreni aiutano a combattere e ad adattarsi alle modifiche climatiche. Se gestiti in modo sostenibile, possono svolgere un ruolo importante nella mitigazione dei cambiamenti climatici, immagazzinando carbonio e riducendo le emissioni di gas serra presenti nell'atmosfera. Inoltre, i terreni sani caratterizzati da un elevato contenuto di sostanze organiche possono anche immagazzinare grandi quantità di acqua, aiutando le colture a far fronte alla siccità e ad adattarsi alle temperature estreme.

    4. Mezzi di sostentamento
    Un suolo sano può garantire la sicurezza alimentare, fornire mezzi di sussistenza e ridurre la migrazione forzata delle persone. Al contrario, un terreno degradato comporta la perdita di fonti di cibo e costringe le persone a cercare altrove gli elementi essenziali per sopravvivere. Implementare le strategie di gestione sostenibile del suolo, capaci di aiutare gli agricoltori a far fronte a periodi prolungati di siccità e al degrado dei terreni, potrebbe eliminare la necessità di abbandonare la propria casa e di migrare in altri ambienti.

    5. Acqua più pulita
    I terreni sono essenziali per ottenere acqua pulita: catturano, immagazzinano e filtrano l'acqua, rendendola sicura da bere. Le foreste presenti nelle aree montane non solo prevengono l'erosione del suolo, ma assicurano anche acqua potabile di buona qualità per le persone che abitano a valle. Anche i terreni immagazzinano l’acqua, rendendola disponibile per le colture.

    6. Sviluppo di medicinali
    I terreni sono importanti per la salute umana: oltre 500 antibiotici sono stati prodotti con i batteri presenti nel suolo, compresa la penicillina.

    Foto: © Andrey Kuzmin - Fotolia.com

    redazione 07-12-2017 Tag: suolofaosicurezza alimentarecambiamenti climaticiagricoltura
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, uso additivi alimentari conforme ai regolamenti

    In Italia l’impiego degli additivi alimentari nelle diverse filiere di produzione è conforme ai regolamenti. Lo sottolinea la “Relazione al Piano nazionale additivi 2015-2018 relativa ai dati 2017” pubblicata dal Ministero della Salute...

    21-10-2018
  • I vantaggi in numeri delle colture Ogm

    L’impiego degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura ha generato vantaggi sociali, sanitari, ambientali ed economici. È quanto emerge da due studi pubblicati sulla rivista GM Crops & Food da Graham Brookes e Peter Barfoot, due...

    20-10-2018
  • Comitato nazionale sicurezza alimentare, al via il rinnovo

    Con il Decreto ministeriale 19 settembre 2018, il Ministro della Salute Giulia Grillo ha disposto il rinnovo del “Comitato nazionale per la sicurezza alimentare (Cnsa)”, scaduto da alcuni mesi. Si tratta di un organo tecnico-consultivo in materia di...

    19-10-2018
  • Agricoltura, nel II trimestre 2018 crescono valore aggiunto e occupazione

    Nel secondo trimestre del 2018 il settore agricolo, dopo sei flessioni consecutive del valore aggiunto, registra una ripresa dello 0,3% su base annua. È quanto emerge dal rapporto: “AgrOsserva - La congiuntura della filiera agroalimentare - II...

    17-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018